di Giorgio Sala - 16 giugno 2019

MotoGP, chiarita la procedura del Long Lap Penalty

L'applicazione della sanzione introdotta quest'anno in MotoGP ha fatto discutere in più occasioni. FIM, IRTA e Dorna hanno fatto chiarezza su come applicare questa regola, e quanto deciso avrà effetto già a partire dalla gara del GP di Catalogna
In occasione del Gran Premio di Catalogna 2019 è stata richiesta più chiarezza dagli Stewards per quanto concerne alcune sanzioni, con il fine di evitare penalità di tempo a gara terminata. Questo tipo di sanzioni possono avere un impatto negativo dal punto di vista dell’intrattenimento, rendendo inoltre alcune gare più difficili da seguire per gli spettatori.

Gli Stewards, insieme a FIM, IRTA e Dorna, hanno deciso che, con effetto immediato, chiunque taglierà parte del tracciato durante la gara sarà sanzionato con una “Long Lap Penalty, penalità introdotta all’inizio di quest’anno. Dunque, se un pilota taglierà una curva del tracciato durante la gara:
  • Il pilota deve perdere almeno un secondo rispetto al tempo medio che il pilota stesso impiega a percorre quel settore (il tutto sarà calcolato dalla Race Control)
  • Se il pilota non esegue quanto detto nel punto precedente, sarà sanzionato con un Long Lap Penalty
  • Ai piloti che guadagnano un tempo significativo grazie a un taglio della curva, ovvero che non rallentano dopo aver tagliato una curva, saranno applicate ulteriori penalità
  • Saranno fatte eccezioni per i piloti che vengono forzatamente portati fuori pista dagli avversari

Viene ricordato inoltre che dal momento in cui verrà inviato il messaggio “LONG LAP” sul display, il pilota deve scontare la penalità entro tre giri, altrimenti la sanzione si trasforma in un Ride Through.
© RIPRODUZIONE RISERVATA