di Beppe Cucco - 06 febbraio 2020

Rins e Mir svelano la Suzuki GSX-RR 2020

Il Team Suzuki Ecstar toglie i veli alla nuova GSX-RR, pronta a scendere in pista con Alex Rins e Joan Mir per la stagione MotoGP 2020. Ecco le foto della moto

1/36

Joan Mir e Alex Rins

Con le squadre MotoGP già in terra malese pronte per i test ufficiali di Sepang (7-9 febbraio), alcune di loro oggi ne approfittano per presentare le proprie formazioni 2020. Dopo le presentazione del Ducati Team e del Repsol Honda Team, ora tocca alla formazione Suzuki Ecstar a togliere i veli dalle proprie moto. E sono proprio Alex Rins e Joan Mir a svelare la nuova GSX-RR 2020, con la quale punteranno a brillare nella nuova stagione MotoGP, dopo le vittorie ottenute dal catalano ad Austin e a Silverstone e il buon rendimento di Mir nel suo anno da rookie. Salta subito all’occhio la nuova livrea, che rispetto al passato vede un blu meno intenso e molte più zone della carenatura verniciate in grigio, con il grande logo Suzuki che corre su tutto il lato della moto.

Dopo Suzuki, oggi toccherà anche a Yamaha a svelare le proprie carte per il 2020. Prima il Monster Energy Yamaha MotoGP presenterà la propria formazione, seguito poi dal Petronas Yamaha SRT. Continuate a seguirci!

Qui sotto potete vedere le foto dei dettagli della nuova moto, le parole dei protagonisti e più in basso come è cambiata la Suzuki GSX-RR MotoGP dal 2002 ad oggi.

1/13

Suzuki GSX-RR 2020

Alex Rins: “L’anno scorso ho vissuto una delle emozioni più belle di sempre vincendo la mia prima gara, è stato un sogno diventato realtà e la seconda vittoria, anche quella è stata fantastica. Porterò questa emozione con me nel 2020 e spero di poterla rivivere più e più volte. Una delle lezioni più importanti che ho imparato l’anno scorso è stato come gestire una gara soprattutto quando sono in testa o quando devo battermi. Mi rende orgoglioso vestire questi colori e celebrare i 60 anni di Suzuki nelle competizioni. Nel 2020 saremo concentrati e cercheremo di ottenere buoni risultati, fare più podi e spero di ottenere più vittorie”.

Joan Mir: “Le aspettative per il 2020 sono molto più alte rispetto a quelle che avevo per l’anno scorso perché non sono più un rookie. Abbiamo concluso la scorsa stagione con un buon ritmo, consistenza e migliorando molto riuscendo a superare numerose difficoltà come il recupero dopo la caduta che avevo fatto a Brno. Nonostante quello, sono riuscito comunque ad affrontare con serenità l’ultima parte del campionato. Il primo anno con una MotoGP serve per imparare a controllarla e ho avuto un grandissimo supporto da parte della mia squadra. Adesso voglio consolidare la mia esperienza e inserire il mio nome nella lista dei top riders. Mi sono allenato durante l’inverno e sono concentrato tanto fisicamente come mentalmente. Sarà un anno molto importante per Suzuki e la GSX-RR in grigio e blu è davvero bellissima, sono orgoglioso di far parte di questa storica marca”.

Davide Brivio, Team Manager: “Nel 2019 abbiamo dimostrato grande consistenza durante tutto l’anno e credo che siamo sulla strada giusta per il successo. Alex ha vinto due gare ed era il nostro obiettivo ad inizio stagione ottenendo anche un altro podio. Abbiamo imparato molto l’anno scorso facendo un importante passo avanti sia con Alex che con la squadra. Siamo molto contenti con Joan perché ha dimostrato di fare grandi progressi e dopo l’importante infortunio di Brno, è riuscito a concludere la stagione in modo consistente. Non solo risultati, ma siamo riusciti a migliorare il metodo di lavoro nei fine settimana di gara. Il 2019 è stata una grande lezione in vista del 2020. Quest’anno Suzuki compie 60 anni nelle competizioni quindi siamo ancora più motivati ad ottenere buoni risultati per la casa e per i nostri tifosi. Gli ingegneri in Giappone hanno lavorato sodo in molti aspetti e in moltissimi dettagli durante la pausa invernale e potenziando il pacchetto. I piloti sono pronti ed emozionati, credo che abbiamo un’ottima base di partenza e credo che riusciremo a migliorare ancora come squadra e con entrambi i piloti”.

1/16 Suzuki GSX-RR 2002
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli