di Giorgio Sala - 03 febbraio 2019

MotoGP: Rins e Mir svelano la nuova Suzuki GSX-RR

I due piloti spagnoli Joan Mir e Alex Rins tolgono i veli alla Suzuki GSX-RR, che presenta diversi rinnovamenti sul fronte dell'aerodinamica. Andiamo a scoprire più nel dettaglio la moto di Hamamatsu che correrà in MotoGP nel 2019
  • Salva
  • Condividi
  • 1/38 MotoGP 2019: la nuova Suzuki GSX-RR

    Dopo Honda, Ducati e Yamaha Petronas è arrivato anche il turno di Suzuki. Il team Ecstar svela la nuova GSX-RR con i piloti Joan Mir, 21 anni, e Alex Rins, 23: insieme formano il duo più giovane tra le squadre ufficiali.

    Con un video che trovate in fondo all’articolo, Suzuki si presenta al pubblico in vista di una stagione piena di aspettative e speranze. Dopo un 2018 ricco di soddisfazioni, la Casa di Hamamatsu vuole trovare un posto “fisso” tra le moto factory, puntando sull’esperienza biennale di Alex Rins e sul talento puro e ancora da raffinare di Joan Mir. La loro fedele compagna di viaggio per la stagione 2019 di MotoGP è la GSX-RR, nata nel 2014 e passata nelle mani di tantissimi piloti talentuosi come Randy De Puniet, Aleix Espargaro, Maverick Viñales, Andrea Iannone.

    In cinque anni la GSX-RR ne ha fatta di strada, soprattutto dal punto di vista dell'aerodinamica: il frontale, prima tondeggiante e bombato, adesso presenta qualche richiamo a quello visto sulla Desmosedici GP, con la parte bassa piatta e la parte alta del cupolino che invece si sviluppa verso il pilota. È la prima volta che la Suzuki viene presentata con appendici aerodinamiche importanti. Spostandoci invece nella parte posteriore si possono scorgere due prese d’aria nella zona iniziale del codone, mentre il terminale di scarico Akrapoviç viene riproposto con lo stesso design della stagione passata.

    Ora non ci resta che attendere: per vedere in azione la nuova Suzuki GSX-RR con Alex Rins e Joan Mir bisognerà aspettare il 6 febbraio per i test IRTA al Sepang International Circuit.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA