di Giorgio Sala - 06 ottobre 2019

L'Ottava Meraviglia di Marquez, Campione MotoGP 2019

Grazie alla vittoria in Thailandia, Marquez centra il sesto sigillo iridato in MotoGP, nonchè l'ottavo titolo Mondiale della sua carriera. Ripercorriamo la stagione 2019 tra foto, vittorie e statistische

1/31 MotoGP 2019, Losail: Marc Marquez - Honda

1 di 3

Con la gara di Buriram, Marc Marquez si è laureato Campione del Mondo MotoGP 2019. Il sesto trionfo nella Classe Regina arriva in seguito a una stagione davvero eccelsa per quanto riguarda la costanza e la qualità dei risultati: in 15 gare si è registrato solo uno zero, quello del Circuit of the Americas, mentre nei GP in cui non ha vinto è riuscito a portarsi a casa sempre il 2° posto. Nessuno ha potuto ostacolare il Cabroncito da una stagione quasi perfetta: se nelle ultime quattro gare continuerà con questi risultati, Marquez potrebbe anche battere il record di punti ottenuti in una stagione, siglato da Jorge Lorenzo nel 2010 (383).

L’unico vero rivale di Marquez in questa gloriosa stagione è stato, ancora una volta, Andrea Dovizioso. Sarebbe più corretto chiamarlo il “miglior Andrea Dovizioso di sempre”: sebbene abbia ottenuto solo due vittorie (contro le 6 del 2017), il Dovi ha sempre chiuso nei piani alti, con un 5° e un 6° posto a “sporcare” una striscia di risultati sempre nella Top 4. In forma, sì, ma decisamente più sfortunato del Cabroncito visto che i due zeri li ha ottenuti per dinamiche fortuite: in Catalogna è stato coinvolto in una carambola innescata da Jorge Lorenzo, a Silverstone invece non ha potuto evitare in nessun modo la M1 di Quartararo sdraiata per terra. Insomma, il Dovi in sella alle Rosse di Borgo Panigale migliora con il passare del tempo, come un pregiato vino… rosso.

Sebbene il domino assoluto di Marquez, quest’anno il Cabroncito è stato battuto da altri avversari oltre che da Dovizioso. Il pilota Honda ha dovuto inchinarsi ad uno straordinario Petrucci al Mugello, a un Viñales in forma strepitosa ad Assen e ad un Rins calcolatore a Silverstone. Una menzione speciale va fatta anche a Quartararo che ha lottato con Marquez in diverse occasioni senza, però, mai batterlo in gara. Il francese è riuscito a sconfiggerlo quattro volte nelle qualifiche, anche se Marquez è riuscito a centrare ben nove pole position nel 2019.

Guardando alla Honda, è difficile capire la sua competitività assoluta se i dati statistici vengono “falsati” dalla presenza di un fenomeno come Marquez: l’unica RC213V a palesarsi sul podio e che non fosse quella #93 è stata quella di Crutchlow, con un terzo posto a Losail e uno al Sachsenring. Complessivamente, Ducati si sta rivelando quella più equilibrata grazie ai risultati di Dovizioso, Petrucci e Miller. Anche la Yamaha sta raggiungendo il livello di Ducati, grazie anche agli exploit di Quartararo e il talento di Viñales. Nota di merito anche a Suzuki che, con Rins, si è rivelata una moto che può potenzialmente puntare alla vittoria; buoni anche i risultati di KTM e Aprilia che continuano a migliorare gara dopo gara, stagione dopo stagione.

1/11

Il 2019 di Marc Marquez inizia con un duello all’ultimo giro con Andrea Dovizioso, con il Ducatista che trionfa alla gara d’apertura a Losail e Marquez staccato di appena 23 millesimi; il riscatto del Cabroncito arriva a Rio Hondo, dove vince con ampio margine su Rossi e Dovi. Nel terreno di caccia di Marquez, ossia il Circuit of the Americas, accade l’inimmaginabile: il Campione del Mondo in carica cade mentre si trova in testa alla corsa, spazio libero a Rins che vince la sua prima gara in MotoGP. Marquez si riprende immediatamente, scrollandosi di dosso questa enorme delusione vincendo le gare di Jerez e Le Mans. Al Mugello viene ancora battuto da una Ducati, stavolta è quella di Petrucci che corona il suo sogno davanti al pubblico italiano. In Catalogna, Marquez vince indisturbato mentre alle sue spalle si scatena una carambola innescata da Lorenzo che causa la caduta di alcuni top riders come Dovizioso, Rossi e Viñales. Proprio quest’ultimo trova il riscatto ad Assen, battendo Marquez (2°) per la prima – e unica – volta in stagione. Nei GP di centro Europa, ossia in Germania e Repubblica Ceca, Marquez ne esce vittorioso; in Austria invece cede allo strapotere Ducati che riconferma la sua supremazia al Red Bull Ring con una vittoria di Dovizioso all’ultima curva dell’ultimo giro.

Dopo la pausa estiva, Marquez viene battuto per la quinta volta in stagione: stavolta è il turno di Rins a beffare il Cabroncito sulla linea del traguardo di Silverstone. Marquez però mantiene la stessa costanza che lo ha contraddistinto per tutta la stagione, vincendo sia a Misano sia al MotorLand Aragon.

1/11
  • Nasce a Cervera, Catalogna (Spagna) il 17 febbraio 1993
  • Esordisce nel Motomondiale nel 2008 in Qatar
  • Il più giovane pilota a vincere 8 titoli mondiali (1 in 125cc, 1 in 250cc, 6 in MotoGP)
  • Il più giovane pilota a vincere 6 campionati MotoGP
  • 53 vittorie su 122 gran premi disputati in MotoGP (43,4%)
  • 79 vittorie su 201 gran premi disputati nel Motomondiale (39,3%)
  • 91 podi su 122 gran premi disputati in MotoGP (74,6%)
  • 130 podi su 201 gran premi disputati nel Motomondiale (64,6%)
  • 54 giri veloci su 122 gran premi disputati in MotoGP (44,3%)
  • 89 pole position su 201 gran premi disputati nel Motomondiale (44,3%)
  • È il pilota spagnolo in attività con più titoli mondiali conquistati nella Classe Regina
  • Occupa il 4° posto nella classifica dei piloti con più vittorie nel Motomondiale
  • È al 5° posto nella classifica assoluta dei piloti con più giri veloci realizzati nella Classe Regina
  • A 20 anni e 266 giorni è il più giovane Campione del Mondo MotoGP (2013)
  • A 20 anni e 63 giorni è il più giovane pilota ad aver vinto un GP della Classe Regina (2013)
  • Ha il record di vittorie in una stagione di MotoGP: 13 vittorie su 18 gare (72,22%)
  • Detiene la 4a striscia di vittorie consecutive migliore di sempre nella MotoGP, con 10 trionfi di fila nel 2014

STATISTICHE DAL 2008 AL 2018

AnnoClassePosizioneVittorie/gare disputatePunti
2008125 cc13°0/1363
2009125 cc0/1694
2010125 cc10/17310
2011Moto27/15251
2012Moto29/17328
2013MotoGP6/18334
2014MotoGP13/18362
2015MotoGP5/18242
2016MotoGP5/18298
2017MotoGP6/18298
2018MotoGP9/18321
2019MotoGP9/15325*


*=dati aggiornati fino a Buriram 2019

1/2
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli