Michele Pirro: "Un jolly dal mazzo l'ho giocato..."

Michele Pirro ha rassicurato i fans postando una foto sui social network. Trascorsa la notte in osservazione, il pilota pugliese può tirare un sospiro di sollievo e pensare alla guarigione. News, video e sequenza fotografica della brutta caduta a oltre 300 km/h
1/8 La caduta di Michele Pirro alla curva 1 del Mugello, durante le FP2 del GP d'Italia 2018

"Ho la pelle dura"

Michele Pirro ha trascorso la notte all'Ospedale Careggi di Firenze, dove è stato monitorato. Gli esami e la TAC hanno evidenziato una commozione cerebrale e la lussazione della spalla destra. L'emergenza sembra rientrata e Michele ha affidato ai social network il suo pensiero, postando una foto:

"Un jolly dal mazzo l'ho giocato! Sono un pò sbatutto ma ho la pelle dura"

Visto che il week end di gara è ormai stato archiviato, Pirro ha fatto sapere di voler rientrare quanto prima ai box Ducati per supportare Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo nel GP d'Italia.
AGGIORNAMENTO - Venerdì 1 giugno
Dopo la brutta caduta a oltre 300 km/h, Michele Pirro è stato soccorso e portato d’urgenza alla clinica mobile presente al Mugello. I medici, durante le prime analisi, hanno evidenziato una commozione cerebrale e traumi al torace, all’addome e alla fascia lombare. Inoltre, Michele ha subito una sublussazione della spalla destra. Attualmente il pilota pugliese è cosciente, parla e muove gli arti. Il peggio sembra scongiurato, ma Pirro sarà trasferito all’Ospedale Careggi di Firenze per gli accertamenti del caso e per essere monitorato nella notte.
__________________________________________________________________________________________

Michele Pirro, durante il secondo turno di prove libere del venerdì, è protagonista di una spaventosa caduta alla curva 1 del Mugello. Fra i migliori delle FP1 insieme a Iannone, Pirro cade ad altissima velocità alla San Donato, circa a metà sessione delle prove pomeridiane. Michele stacca al limite a una velocità vicina ai 330 km/h, la Desmosedici GP18 però si impunta dopo lo scollino e catapulta letteralmente il pilota in aria. Dopo un volo di almeno 10 metri, Michele sbatte violentemente il casco sull’asfalto perdendo immediatamente conoscenza, successivamente rotola per quasi tutta la via di fuga della San Donato.

Immediata l’esposizione della bandiera rossa per un opportuno intervento da parte della squadra medica. Fortunatamente, dopo qualche minuto, Michele riprende conoscenza e viene trasportato nel più vicino pronto soccorso. Via libera quindi ai piloti, che possono terminare la sessione.

Qui sotto trovate il video che mostra la terribile caduta.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA