Rossi: "Viñales mi fa preoccupare per la prossima stagione"

MotoGP 2016, Silverstone: le dichiarazioni di Viñales, Rossi, Crutchlow, Marquez, Pedrosa, Lorenzo e degli altri protagonisti. Maverick è al settimo cielo; Cal gasato dalla sfida con Valentino; i. Dottore recupera punti importanti e il Cabroncito limita i danni. Lorenzo non trova la messa a punto; Iannone deluso dalla caduta; Dovisioso, fa il possibile in una gara difficile. Loris Baz sta bene e pensa alla prossima gara
 

Maverick Viñales: "Un sogno che si avvera. Tutto perfetto"

Ecco le dichiarazioni dei protagonisti del British Grand Prix MotoGP 2016, dove Viñales ha colto la prima vittoria nella massima serie riportando la Suzuki sul gradini più alto del podio dopo 9 anni.

Una sensazione a dir poco incredibile. Ho desiderato tanto questo giorno ed è un sogno che si avvera. È stata una gara bellissima dove ho migliorato il mio tempo di passaggio in passaggio. Il box ha lavorato molto bene e questa vittoria è arrivata grazie all’impegno del mio team. Da venerdì sapevo di poter vincere e adesso spero di mantenere un livello molto alto. Ho spinto tanto dal primo giro e ho cercato di mantenere il miglio passo. Voglio ringraziare tutti quelli che hanno avuto grande fiducia in me. La parte migliore della gara è stata quella dei giri finali dove mi sentivo in forma; Silverstone è una pista che mi piace davvero molto. Grazie al team che ha fatto un lavoro incredibile per darmi una moto perfetta che mi ha permesso di vincere”.
 

Cal Crutchlow: "Bella sfida con Valentino, il pubblico britannico se lo meritava"

È stata una gara molto lunga e divertente con tanti sorpassi come ad esempio la bella sfida con Valentino Rossi. Credo che il pubblico britannico si sia meritato queste emozioni e questo spettacolo. Conquistare il podio nella gara di casa è una grande sensazione e non credevo di raggiungere un risultato così importante. La moto va molto bene e ora possiamo già pensare alla gara di Misano. Mi sono divertito davvero tanto e ho fatto del mio meglio fin dall'inizio del week end. Mi congratulo con Maverick per la grande prestazione e con la mia squadra; ora penso alla gara di Misano dove voglio fare del mio meglio. In questo momento mi sento molto bene e sono felice per come sta andando la mia carriera”.

Valentino Rossi: "Una gara dove a regnare è stata l'ignoranza"

In campionato ho recuperato tre punti da Marquez e sono molto soddisfatto per come è andata la corsa nella quale ho dovuto combattere molto. Alla fine la moto è diventata difficile da guidare a causa della gomma davanti molto consumata ma il podio è stato un buon risultato. Una gara dove ha regnato l'ignoranza, sono molto soddisfatto. Oggi in me ha guidato la parte ignorante perchè per cercare di fare il podio sapevo di dover dare il massimo senza preoccuparmi di stare troppo attento alla gestione. Una volta arrivato al secondo posto speravo di poter recuperare Maverick ma non sono riuscito a causa delle battaglie con gli altri piloti che avevano il mio stesso ritmo. Sono felice per il Team Suzuki dove lavorano molti amici e per Maverick, anche se inizio a preoccuparmi per la prossima stagione; Maverick ha un grande talento e gli faccio le mie congratulazioni per la gara di oggi. Tornando a me sono soddisfatto della scelta delle gomme, alla fine ha pagato malgrado qualche difficoltà”.

Marc Marquez: "Ho fatto la mia gara su quella di Valentino"

Una domenica impegnativa che poteva finire in diversi modi. Abbiamo sbagliato la scelta delle gomme, la mescola morbida la mescola morbida anteriore. Credevamo fosse la scelta giusta prima di partire ma poi in gara ho capito che non era il massimo. Ho dovuto dare il massimo in questa situazione e fare la gara su Valentino, che era il pilota che più mi preoccupava per il campionato. In lotta per la seconda posizione sono andato largo. Alle fine è stato un quarto posto e in classifica ho perso solo tre punti, posso dirmi soddisfatto. Ciò che ci ha penalizzato maggiormente, malgrado la buona gara dispuatata, è stata la scelta del set up della moto; purtroppo le condizioni molto variabili del meteo sul tracciato non ci hanno permesso di azzardare troppo”.

Dani Pedrosa: "Ho azzeccato la scelta delle gomme, sono soddisfatto"

Le condizioni meteo sul tracciato hanno movimentato molto questo week end e ci hanno complicato la vita per quanto riguarda le scelte, soprattutto quelle delle gomme. La parte più difficile è stata quindi quella della ricerca del giusto compromesso per avere un buon feeling in gara. Io personalmente ho scelto la configurazione soft sia per l’anteriore che per il posteriore malgrado sapevo in partenza che con l’arrivo degli ultimi giri questa scelta avrebbe potuto penalizzarmi. Tutto sommato sono soddisfatto delle scelte e abbiamo fatto anche alcuni passi avanti nello sviluppo della moto. Ora possiamo guardare al futuro sapendo di avere altro lavoro da svolgere con qualche piccola certezza in più. Penso in modo positivo e spero di poter fare bene durante il prossimo appuntamento del Mondiale”.

Andrea Dovizioso: "La mia gara è stata un calvario"

Dopo essere scattato bene alla prima partenza, nel secondo start non sono riuscito a ripetere il bell’avvio e sono rimasto un po’ attardato perdendo contatto con il gruppo di testa. Ho dovuto forzare tanto per provare a chiudere il gap con loro, ma non riuscivo a guidare bene e verso metà gara ho iniziato ad avere un problema all’avambraccio destro e da quel momento la mia gara è stata un vero calvario. Mi dispiace per la squadra, perché oggi potevamo raccogliere sicuramente di più, ma non riuscivo assolutamente a forzare. Per restare in sesta posizione ho rischiato di cadere molte volte, perché faticavo a mantenere il controllo totale della moto. Peccato, perché vedendo il passo dei piloti che avevo davanti avremmo avuto la possibilità di giocarci la seconda posizione”.
 

Andrea Iannone: "Potevo arrivare al podio, non ci voleva"

Sono molto dispiaciuto perché stavo facendo una gara bellissima e avevamo sicuramente la possibilità di finire sul podio. Purtroppo verso metà gara ho avuto dei problemi di affaticamento all’avambraccio destro e non sono più riuscito a controllare perfettamente la moto e questo mi ha messo in grande difficoltà. Ho fatto veramente tanta fatica, ma non mi sono voluto fermare, perché per me era difficile accettare una situazione del genere. Quando sono arrivato alla curva 17 nel corso del quattordicesimo giro, nel cambio di direzione ero in ritardo, ho preso una buca e quindi sono scivolato perché non avevo più la forza necessaria per poter controllare la moto. Peccato davvero perché oggi avremmo potuto ottenere un risultato molto importante”.

Aleix Espargaro: "Sono soddisfatto ma c'è ancora da lavorare"

Sono abbastanza soddisfatto di com’è andata la gara e sono riuscito a terminare non distante dai leaders. Ciò non toglie che il lavoro da fare sia ancora tanto e che occorre avere molta pazienza. Lo sviluppo procede step by step e le cose stanno andando sempre meglio. Sono davvero molto felice per il team e per il mio compagno di squadra Maverick. È incredibile l’evoluzione avuta dalla nostra squadra negli ultimi 20 mesi, dal ritorno in MotoGP; tutta la famiglia Suzuki merita questo grande risultato per il lavoro svolto. Continueremo a lottare per ottenere i risultati sperati”.

Jorge Lorenzo: "La messa a punto non ha funzionato, gara da dimenticare"

Un fine settimana da dimenticare, come la gara. Non mi sono mai sentito a mio agio. Ho provato una nuova messa a punto ma non ha funzionato. In gara la ruota davanti era molto instabile e ho dovuto ridurre il ritmo. Sto avendo molti problemi con le gomme questa stagione e spero che Michelin possa trovare delle soluzioni per l’anno prossimo”.

Danilo Petrucci: "Sono nella top ten, è andata bene"

"Alla fine siamo riusciti a finire nei primi 10 ed è andata bene. Adesso finalmente sono finiti i circuiti in cui ho più difficoltà e non vedo l’ora di andare a Misano, una pista che vedo dalle finestre di casa mia. Volevo prendere Lorenzo ma era troppo lontano. Ringrazio tutta la squadra per il lavoro che ha fatto in questo GP. Non abbiamo mollato, siamo molto uniti ed è bello lavorare con loro. Abbiamo fatto dei buoni punti negli ultimi due GP. Fanno bene alla classifica e al morale".

Alvaro Bautista: "Ho guadagnato qualche decimo grazie all'elettronica"

"La prima partenza è stata piuttosto movimentata, fortunatamente sia Pol che Loris stanno bene. Al secondo start ho cercato di trovare il mio passo, abbiamo faticato durante il fine settimana ma sapevo che in bagarre con gli altri piloti mi sarei potuto migliorare. Cosi è stato, ho recuperato qualche posizione lottando poi a lungo con Hernandez. Quando l'ho superato ho cambiato una impostazione elettronica sulla RS-GP per trovare qualche decimo e guadagnare margine. Ci sono riuscito, grazie alla squadra e ai meccanici che hanno lavorato tanto per darmi la migliore moto possibile. Guardo con ottimismo a Misano, Aprilia gioca in casa quindi spero di regalare ai tifosi una buona prestazione".

Yonny Hernandez: "Un week end difficile, ma ora penso a Misano"

Sono soddisfatto, avevamo iniziato il week end con alcuni problemi al motore e siamo riusciti a limitare i danni. Siamo giunti alla conclusione di aver bisogno di un motore diverso su cui lavorare per tornare ad avere il passo di gara che desideriamo. Ora pensiamo alla gara di Misano sperando di riuscire a fare del nostro meglio. Voglio ringraziare tutto il team per il grande lavoro svolto, soprattutto dato che il week end non è stato dei più rosei”.
 

Eugene Laverty: "Sfortunatamente c'è stata la seconda partenza"

Alla prima partenza sono riuscito a fare molto bene e mi sono trovato nel gruppo di testa pensando che la gara sarebbe stata davvero emozionante e positiva per me. Purtroppo la bandiera rossa ha reso vano il mio buon avvio di gara e ho dovuto ripetere tutto. Alla seconda partenza le cose non sono andate allo stesso modo e non sono riuscito, sfortunatamente, a ripetere l’ottima prestazione. Le battaglie con Iannone e Lorenzo mi anno fatto perdere molto terreno così come la caduta di Bradl. Non sono pienamente soddisfatto, avrei potuto fare meglio mi sentivo bene in sella”.

Alex Lowes: "Correre in MotoGP è fantastico"

Sono molto soddisfatto, ho imparato molto in questa mia prima esperienza in MotoGP e tutto è stato fantastico. Il continuo mutare delle condizioni meteo ha reso tutto più avvincente anche se difficile e mi sono dovuto confrontare con situazioni molto diverse fra loro. È stato tutto davvero bello e durante la gara mi sono sentito bene in sella, considerando che era la prima volta in cui mettevo insieme così tanti giri consecutivi. Sono riuscito a chiudere la gara a 40 secondi dal leader e questo per me è un ottimo risultato anche se penso di poter fare meglio con più pratica alle spalle. Ora voglio davvero concentrarmi in vista del prossimo GP ma nel frattempo ringrazio il Team per l’occasione e per il grande lavoro svolto”.

Hector Barbera: "Un week end disastroso"

Questo week end è stato disastroso. Sinceramente uno fra i peggiori della mia intera carriera. Non ero a mio agio sulla moto, non avevo alcun feeling positivo in sella e non sono mai riuscito a spingere come avrei voluto: un disastro. Silverstone è uno di quei circuiti che solitamente offre un buon grip ma, non so perché, non è andata bene neanche da quel punto di vista. Non porto a casa niente di positivo da questa gara dato che la gara, oltretutto, è stata molto noiosa”.

Tito Rabat: "Uno fra i week end più duri della mia carriera"

Questo è stato uno fra i week end più duri della mia carriera. Ho fatto tantissima fatica a trovare il ritmo e ho fatto del mio meglio per portare a termine la gara nel migliore dei modi. Sono riuscito ad avvertire sulla moto i progressi fatti ma il continuo cambio del meteo durante il week end non ci ha aiutati a trovare la migliore soluzione per la gara; ringrazio ugualmente il team per avere lavorato sodo. Ora penso alla gara di Misano dove vorrei essere competitivo dato che si tratta di una delle piste che amo di più in assoluto: l’obiettivo è quello di chiudere la gara a punti”.

Jack Miller: "Seri problemi di grip, non ci voleva"

Questo week end è stato davvero duro e le più grandi difficoltà sono state quelle relative alla gestione delle gomme, la posteriore in primis. In entrambe le partenze non sono andato affatto male e mi sentivo bene in sella durante i primi giri della gara. Purtroppo dopo i primi sei giri tutto ha iniziato ad andare male con il grip; tutto ciò che potevo fare ea gestire la gara ed evitare una caduta. È stato impossibile lottare con gli altri piloti. Sono davvero scocciato perché avrei potuto lottare e guadagnare punti importanti”.

Scott Redding: "Sono caduto senza alcun avvertimento da parte della moto"

È un vero peccato. Ero partito alla grande poi la bandiera rossa. Per fortuna non è successo niente di grave a Pol e Loris. Nella seconda gara qualcosa è cambiato, sentivo di avere meno feeling. Sono caduto senza nessun avvertimento da parte della moto. Può succedere. Mi dispiace che sia successo qui. Ma non bisogna mai arrendersi. Ho continuato fino alla fine, anche se non è stato facile, anche per ringraziare i miei tifosi che mi hanno sostenuto giro dopo giro”.

Pol Espargaro: "Ho dolori ovunque ma tutto bene"

Non ho molto da dire sulla gara di oggi. Al primo giro ho sentito una botta forte alle mie spalle e ho iniziato a rotolare insieme alle moto che mi hanno anche colpito. Da un lato sono amareggiato per la caduta, dall’altro ringrazio il cielo che sia andato tutto bene perché davvero poteva andare peggio. Ora sono pieno di dolori ma fortunatamente le mie condizioni non sono gravi”.

Loris Baz: "Poteva andare molto peggio"

Non ho molto da dire sulla gara se non che poteva andare molto peggio sia a me che a Pol. Purtroppo non sono riuscito a evitare la collisione dato che eravamo tutti molto vicini. I piloti davanti a me hanno frenato più del dovuto e non sono riuscito a fare nulla per evitare l’incidente. Dopo il contatto con Pol non ricordo più niente e ho ripreso pienamente coscienza solo dopo l’arrivo dell’ambulanza. Non ricordo altro. Per fortuna non ho riportato grandi conseguenze e la mia preoccupazione primaria è quella di sapere che Pol sta bene”.

Loris Baz, tramite la sua pagina Facebook ufficiale fa anche sapere ai suoi tifosi, tramite una foto, che va tutto bene e aggiunge "Sto bene. O almeno non peggio di prima dato che non ho nulla di rotto. Sarò in pista a Misano".

Stefan Bradl: "La caduta era inevitabile"

"Sono molto deluso perchè oggi il mio feeling sulla RS-GP era buono. Mentre stavo lottando con altri piloti, Laverty non mi ha lasciato spazio, costringendomi alla caduta. Come detto sono dispiaciuto, quello che possiamo fare ora è pensare alla gara di casa di Aprilia a Misano".

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA