Pol Espargaro al top in FP2. Iannone salta la gara

MotoGP 2016, Misano: Risultati prove libere 2, con Pol Espargaro sugli altari nella giornata in cui arriva la notizia che Iannone non potrà correre la gara di casa

Forza, Andrea!

Purtroppo la felicità degli appassionati italiani per il primo posto di Rossi dopo le FP1 del GP di San Marino e della Riviera di Rimini è svanita quando è arrivata la notizia che la caduta di Iannone nella prima sessione di libere ha avuto conseguenze pesanti: lesione della terza vertebra toracica. Andrea salta sicuramente la gara di casa (qui gli orari TV di prove, qualifiche e gare), ma è in forse anche il GP di Aragon. Ne prendano nota i giocatori di FantaMOTOCICLISMO, per non sbagliare i pronostici sulle prime 5 posizioni della gara della Classe Regina. A fine stagione chi avrà totalizzato più punti potrà diventare tester di Motociclismo per un giorno!
 

Vale e Aleix: calma…

Temperatura molto aumentata rispetto al mattino, 26,6° nell’aria, addirittura quasi 45 sull’asfalto. Facile che questo giocherà un ruolo importante, soprattutto in vista della scelta delle gomme. Dopo poco più di 5 minuti di assestamento, arrivano i primi giri veloci. Si parte con Lorenzo e Dovizioso, anche se il tempo di 1’34”565 di Andrea è parecchio lontano dall’1’33”541 fatto segnare da Rossi nelle FP1. Marquez passa in testa, ma il Dovi si riprende il primato con un giro in 1’”33”849, e anche Viñales supera Marc ponendosi al 2° posto. Dopo circa 9 minuti dall’inizio, Stefan Bradl si porta nelle posizioni di testa con la sua Aprilia, girando in 1’34”631. Arriva persino ad essere 3°, ma poi deve subire il ritorno di Redding, Crutchlow, Rossi e Pedrosa. Intanto Viñales fa 1’33”721 e passa al comando, proprio mentre Rabat cade alla curva 14 a 35 minuti dalla fine (seconda caduta della giornata per lui). Progressi anche per Marquez, 2° seguito da Pedrosa e Rossi. Valentino se la prende con Aleix Espargaro perché, secondo lui, lo spagnolo lo avrebbe ostacolato in un giro in cui stava solo riportando la sua Suzuki ai box. Gestacci e sicuramente parole grosse sotto i caschi… Questione rientrata, Rossi riprende a spingere, anche perché Crutchlow è passato al 3° posto ma, soprattutto, Lorenzo si è preso la testa della classifica girando in 1’33”263, il miglior tempo della giornata. 

Tutti dietro Lorenzo

A 23 minuti dalla fine sono parecchi i piloti che stanno migliorando. Innanzitutto Dovizioso, che fa 1’33”733 e passa al 3° posto. Ma anche Viñales sta spingendo: 2° con 1’33”576. Manco a dirlo, anche Marquez dà il massimo: 1’33”632 ed è 3°. Intanto Rossi è fermo ai box mentre Aleix Espargaro fa il proprio giro più veloce, col tempo di 1’33”643 e passa al 2° posto.
A metà classifica, stanno andando bene le Ducati di Pirro e Laverty, rispettivamente 10° e 11° seguiti da Barbera e dalle Aprilia di Bradl e Bautista. Lowes sempre veloce e convincente: 15°, davanti a Petrucci. Poi arriva Redding a cambiare un po’ la classifica, dato che si pone all’11° posto girando in 1’34”538.
A 6 minuti alla fine e Pedrosa ha intertempi da record. Finisce poi il giro con un ultimo settore lento, quindi rimane al 6° posto. Redding guadagna una posizione, mentre Rossi ricomincia a spingere, ma non va al di là di un pur discreto 1’33”988. A 12 minuti dalla fine, dopo una piccola caduta di Crutchlow, è Dovizioso il più veloce in pista, ma al suo primo settore “in rosso” non fa seguito un resto del giro alla stessa altezza. Lo stesso succede a Aleix Espargaro e a Lorenzo, che però continua a guardare tutti dall’alto della prima posizione.

Pol Espargaro imprendibile

Mancano 5 minuti alla fine ed ecco che si ripresenta Rossi: dopo un 1’33”713 che lo porta al 5° posto, ribadisce la propria velocità con un giro in 1’33”387 e passa al 3°. Alla carica anche Pol Espargaro e Marquez. Il pilota Tech3 fa 1’32”769 e passa in testa; Marc resta 4°. Pol è 494 millesimi più veloce di Lorenzo, a sua volta in vantaggio su Rossi di 124 millesimi. A 2 minuti dalla fine Dovizioso si prende il 2° posto (1’32”901), Pedrosa il 3° (1’33”033), Marquez il 4° (1’33”196), subito superato da Lorenzo (1’33”056). Rossi migliora il tempo ma non la posizione. Ma ci riprova, mentre Pedrosa passa al 2° posto (1’32”834). Per Valentino le FP2 finiscono con un 6° posto, anche perché gli viene cancellato l’ultimo giro per aver ecceduto i limiti della pista).
 
Il podio delle prove libere 2 a Misano va a Pol Espargaro, Pedrosa e Dovizioso, gli unici piloti a far segnare un “32”. Lorenzo, Marquez, Rossi, Crutchlow, Redding, Barbera e Viñales completano la Top 10. Le ultime posizioni che in gara assegnerebbero punto sono appannaggio di Aleix Espargaro, Petrucci, Bautista, Pirro e Lowes.
Appuntamento alle Libere 3 e alle QP, ecco il link a tutti gli orari per seguire in TV ogni minuto del weekend di Misano.

MotoGP 2016, Misano: classifica combinata Prove Libere 1 e 2

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA