Lorenzo abbatte il record di Le Mans e ottiene la pole n°63

Il Campione del Mondo in carica parte per la prima volta davanti a tutti Le Mans, grazie a un giro che sigla il nuovo record del tracciato:1'31"975. Marquez e Iannone completano la prima fila. 5° Dovizioso, 7° Rossi, Petrucci 10° al suo rientro in MotoGP. Info e griglia di partenza

Q1: Aleix Espargaro e Danilo Petrucci i più veloci

Bradl, Baz, Barbera, Bautista, Petrucci, Aleix Espargaro, Miller, Redding, Hernandez, Laverty e Rabat sono gli 11 piloti che prendono parte alla Q1 del GP di Francia.

Al primo giro veloce, è Danilo Petrucci a dettare il passo: 1’33”263 per il ternano, alla sua prima apparizione in un turno di qualifiche. Seguono Hernandez, Redding e Laverty. Nel giro successivo Barbera, grazie al suo 1’33”616, ottiene il 2° tempo (+0”353), ma Aleix Espargaro non ci sta e scavalca il suo connazionale: 1’33”397 per il pilota Suzuki. Espargaro trova il ritmo e nel giro successivo sigla il tempo di riferimento: 1’33”139, più veloce di 124 millesimi di Petrucci, 477 millesimi di vantaggio su Barbera (3°) e ben 726 millesimi su Laverty (4°). Baz è ultimo, preceduto dalle due Aprilia e dalle due Honda del Team MarcVDS.

A 6 minuti dal termine, i piloti fanno un cambio gomme rapido per rientrare in pista e provare ad ottenere uno dei due posti che valgono l’accesso in Q2. I piloti iniziano il giro cronometrato quando mancano poco meno di 3 minuti alla fine. Laverty si migliora ma rimane in quarta piazza, stessa situazione per Petrucci che consolida il suo 2° posto.

Con la bandiera a scacchi che sventola sul traguardo, Barbera si migliora ma non accede in Q2, che vede invece accedere Danilo Petrucci e Aleix Espargaro. Redding si migliora e si porta alle spalle del numero 8 del Team Avintia; l’inglese si mette alle spalle le due Ducati del Team Aspar. 

Q2: Lorenzo al top, Rossi non convince

Jorge Lorenzo, al suo primo giro veloce, segna uno strepitoso 1’32”437, tempo che viene migliorato di 2 secondi netti nel giro successivo. Nel frattempo Dani Pedrosa cade nella curva 4, la moto rimane in mezzo alla pista ma i commissari la tolgono prontamente dal tracciato.

Dunque, è il Porfuera a comandare la classifica a metà sessione, proprio mentre i piloti rientrano ai box per il cambio gomme, ecco la top 10: Lorenzo, Iannone, Rossi, Pol Espargaro, Marquez, Pedrosa, Dovizioso, Petrucci, Aleix Espargaro, Smith. 11° Viñales e 12° Crutchlow. La maggior parte dei piloti cambia solo la gomma posteriore e non l’anteriore.

Nel giro di lancio, Iannone perde il posteriore e cade alla curva 12: con 4 minuti al termine della sessione, il pilota di Vasto rientra ai box con 3 minuti alla fine della sessione. Nel frattempo Dovizioso sigla il 3° tempo (1’32”587) e precede le Yamaha Tech3 di Pol Espargaro (1’32”633), e Bradley Smith in 1’32”820; Viñales risale in ottava piazza (1’33”095).
 

MotoGP, Le Mans: pole n°63 per Lorenzo, suo il record del circuito

Con la bandiera a scacchi che sventola sul rettilineo, Jorge Lorenzo sigla un tempo strepitoso: 1’31”975 per il Maiorchino, che ottiene la sua prima pole position a Le Mans (la numero 63 in carriera) e sbriciola il precedente record. Marc Marquez è 2° (1’32”416) e precede un ottimo Andrea Iannone che chiude la prima filaBuona performance anche per Pol Espargaro, che apre la seconda fila precedendo Andrea Dovizioso (5°) e il britannico squadra Bradley Smith (6°). Solo terza fila per Valentino Rossi (7°), che domani partirà davanti a Maverick Viñales (8°) e Cal Crutchlow (9°). Nonostante la sua mano ancora in convalescenzaDanilo Petrucci sorprende tutti e chiude la top 10: una performance degna di nota, considerato che il pilota di Terni non ha preso parte a nessun gran premio del 2016. Appena 11° Dani Pedrosal’uomo più chiacchierato del momento, che precede Aleix Espargaro (12°) che chiude la quarta fila

Seguirà la qualifica della Moto2cliccate qui per gli orari TV FantaMOTOCICLISMO!

CLICCATE QUI PER GIOCARE

MONDIALE MOTOGP 2016, LE MANS: GRIGLIA DI PARTENZA

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA