SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

MotoGP 2010: la FIM annuncia le modifiche al regolamento per la stagione di quest’anno

Il Motomondiale 2010 avrà delle novità regolamentari. Lo ha annunciato la FIM che ha approvato la proposta della Commissione Grand Prix. Ancora limiti per i test.

Motogp 2010: la fim annuncia le modifiche al regolamento per la stagione di quest’anno


Milano 8 gennaio 2010 – La Federazione Motociclistica Internazionale ha approvato il nuovo regolamento della MotoGP, proposto dalla Commissione Grand Prix per il campionato di quest’anno. I cambiamenti regolamentari restringono in maniera ferrea la possibilità di sviluppare il prototipo facendo dei test a stagione cominciata. Saranno infatti consentiti un massimo di sei giorni di prove ufficiali organizzate da Dorna/IRTA nei circuiti dei GP, inclusi quelli del calendario della stagione passata (2009) e futura (2011). Nel corso del campionato i piloti ingaggiati dalle scuderie non potranno fare test in nessun circuito, compresi quelli del calendario, fatta eccezione per un test che si svolgerà il giorno successivo al Gran Premio di Spagna (Jerez), al Gran Premio della Repubblica Ceca (Brno) e durante i due giorni seguenti all’ultimo GP della stagione (a Valencia). Tutti questi tracciati concorrono al numero limite dei sei giorni di prove ammesse dal regolamento. L’eventuale svolgimento di altri test o attività di sviluppo dovrà essere autorizzato dalla direzione di gara. Non si potranno fare prove nel periodo compreso tra l’1 dicembre di un anno e il 31 gennaio di quello dopo. È prevista una deroga per i piloti debuttanti nella Classe regina, che saranno autorizzati a fare tre giorni di preparazione in pista fra novembre e dicembre.

A dare il via libera ai test invernali sarà la Commisione Grand Prix, che stabilirà il calendario.

Sono state introdotte nuove procedure di sicurezza che riguardano l’assistenza medica ed il rilascio ai piloti del nulla osta sanitario per correre.

Diventa meno rigido il regolamento delle Classi 125 e Moto2, dove i piloti wildcard non devono più attenersi ai limiti previsti per i piloti che hanno un ingaggio regolare: sino ad ora non potevano correre in qualunque circuito di GP nei 14 giorni precedenti ad una gara, mentre quest’anno potranno farlo. Naturalmente il limite resta per tutti gli altri piloti che non siano wildcard.

Il nuovo regolamento è stato deciso dalla Commissione Grand Prix, nel corso della riunione tenutasi lo scorso 11 dicembre 2009. Oggi è stato approvato dalla FMI, che ha provveduto a pubblicarlo. Fanno parte della Commissione GP Carmelo Ezpeleta presidente della Dorna (società organizzatrice del Motomondiale), Claude Danis (FIM), Hervé Poncharal (presidente dell’Associazione dei Team - IRTA) e Takanao Tsubouchi (presidente dell’Associazione dei Costruttori - MSMA). Erano presenti alla riunione Vito Ippolito (presidente della FIM) ed Ignacio Verneda (direttore sportivo della FIM). Con l’incontro dell’11 dicembre era stato deciso anche l’aumento di cilindrata per la MotoGP dagli attuali 800 cc sino a 1.000 cc dalla stagione 2012.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA