Motocross delle Nazioni 2011: va in scena sabato 17 e domenica 18 settembre

Ecco quel che c’è da aspettarsi dal Motocross delle Nazioni, che si terrà sul tracciato francese di Saint Jean d'Angely, nel fine settimana del 17-18 settembre. Per gli Azzurri, in pista Tony Cairoli.

Motocross delle nazioni 2011: va in scena sabato 17 e domenica 18 settembre

 

Milano - Conto alla rovescia per il Motocross delle Nazioni 2011, che si terrà sul tracciato francese di Saint Jean d'Angely il prossimo 17-18 settembre. È la gara a squadre che incorona la nazione più forte tra tutte in un weekend ricco di passione; una sorta di olimpiade del motocross. Ogni Stato schiera tre piloti, divisi nelle tre cilindrate MX2, MX1 e Open, affidandosi ai suoi migliori rappresentanti.

 

La storia insegna che l'America la fa da padrone, potendo sfruttare una cultura crossistica molto radicata, ma soprattutto spaziando in un territorio geograficamente vastissimo, paragonabile a quello dell'Europa completa. A guidare gli USA ci saranno il fresco campione Supercross e National Ryan Villopoto assieme a Ryan Dungey e Blake Bagget.

 

Anche quest'anno il pronostico è tutto per loro. Ma la vecchia scuola europea, che in passato è riuscita comunque a imporsi in molte occasioni, anche quest'anno tenterà la missione. La formazione più accreditata per battere gli americani è quella francese, che potrà contare su tre piloti fortissimi come Pourcel, Musquin e Paulin, sfruttando anche il fattore campo.

 

Purtroppo le altre nazioni hanno dovuto fare i conti con gli innumerevoli infortuni che hanno falcidiato il Mondiale negli ultimi due mesi. Squadre come l'Italia, il Belgio o la Germania hanno dovuto rinunciare ai loro più forti rappresentarti e, sulla carta, partono più svantaggiati. La formazione azzurra sarà orfana di David Philippaerts (frattura di entrambi i polsi), ma anche Tony Cairoli potrebbe non essere al 100% dopo il terribile lutto che ha colpito la sua famiglia con la scomparsa della madre, appena una settimana fa. Al suo fianco ci saranno Alessandro Lupino e Davide Guarneri. Il Belgio, che tradizionalmente è una delle nazioni più competitive, dovrà rinunciare a Desalle, Ramon e Van Horebeek, cioè l'intera formazione iniziale. Ci si aspetta qualcosa anche dall'Australia con Reed e Metcalfe.

 

Sempre la storia ci ha insegnato che fare i conti in anticipo al Nazioni non paga. Per vincere occorre una buona dose di velocità, nervi saldi, strategia e anche una grossa razione di fortuna. Una sfida imperdibile. Le gare saranno trasmesse da Sportitalia2 in diretta domenica pomeriggio.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA