Motociclismo FUORIstrada all’SSDT: giorno 3

Finora i tratti di gara più semplici ed anche un trasferimento sul ferry boat hanno caratterizzato la nostra giornata in Scozia. Qui anche un video

Motociclismo fuoristrada all’ssdt: giorno 3

 

La terza, allo Scottish Six Days Trial 2011, è stata la giornata di gara che finora ha offerto le sezioni più facili unite ad un trasferimento non molto lungo, 79 miglia.

 

Ferry boat per tutti i piloti  che sono stati traghettati sull’altra sponda del lago Linnhe in pochi minuti, e poi nuovamente in corsa su asfalto e sterrato per raggiungere i vari gruppi attraverso zone dai nomi caratteristici come Laudale, Devil’s Staircase o Pipes Burn. Sorpasso in cima alla classifica e leadeship riconquistata dal campione del Mondo, Dougie Lampkin, seguito da Dabill e da Jarvis (quattro sei e sette i rispettivi score).

 

Diego mantiene la trentesima piazza chiudendo l’impegno a otto penalità, molto più rilassato e meno stanco rispetto a ieri. Tutta la gara la trascorre con la compagnia di Michele Bosi e di Jack Challoner pochi numeri dietro a lui, un aiuto reciproco importante per scambiarsi informazioni sulla fattibilità delle no-stop, e sulle insidie nascoste.

 

Il problema sarà domani (oggi, ndr), il giorno più lungo con ben 120 miglia di trasferimento, una prova meccanica durissima ma anche per il fisico non ci sarà da scherzare, il percorso sarà duro e lo zaino carico di ricambi . Il tempo è previsto in peggioramento e alcuni dicono che potrebbe piovere: noi, ovviamente, speriamo di no!

 

E, siccome sappiamo che le foto non sono capaci di esprimere fino in fondo le difficoltà che affrontano questi piloti ad ogni colpo di gas, vi riportiamo qui un video tratto dalla Rete e relativo alla prima giornata dell'SSDT 2011.

 

 

LA NOSTRA ESPERIENZA ALLO SCOTTISH SIX DAYS TRIAL 2011: I PRECEDENTI ARTICOLI

- Primo giorno

- Secondo giorno

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA