SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Motociclismo d'Epoca – luglio 2010

È in edicola Motociclismo d'Epoca di luglio con il servizio dedicato agli anni dei trionfi Minarelli.

EDITORIALE

Varano planetario

 

Antico borgo del parmense sulle rive del Taro, dove nel lontano 1970 è sorto l’autodromo, mai come da quando ospita ASI MotoShow Varano de’ Melegari sente parlare tante lingue straniere. La fama che questa manifestazione, svoltasi per la prima volta nel 2002, si è giustamente meritata, richiama infatti il fior fiore del moto antiquariato europeo di tutte le epoche. E andando avanti di questo passo un bel giorno non ci sarebbe da stupirsi di vedere in pista o in mostra uomini e mezzi provenienti non soltanto dal vecchio continente. Un ulteriore passo avanti per la cultura diretta, “faccia a faccia”.

Pensate, per esempio, se non sarebbe interessante vedere qualche moto sovietica da corsa o da strada, di quelle tuttora  avvolte nel mistero: adesso che le frontiere sono aperte non dovrebbe essere impossibile la trasferta. Oppure la leggendaria Curtiss V8 4000 americana del record a 219 km/h nel 1907, messa naturalmente sotto una campana di vetro perché unico esemplare esistente. L’elenco di questi sogni potrebbe allungarsi all’infinito, ma di sogni si vive, l’abbiamo detto anche recentemente e poi come dicono gli inglesi when there is the will, there is the way (quando c’è la volontà, si trova la strada).

Modestamente, ASI MotoShow è nato dietro suggerimento di chi scrive, invidioso delle grandi manifestazioni straniere. Il presidente dell’ASI coraggiosamente aveva raccolto la sfida e tutto è andato bene, anzi benissimo (vedere il servizio dedicato all’ultima edizione a pag. 108). Adesso però il presidente dirà di non esagerare, la proposta di inviti transcontinentali non è una bazzecola ma... tentar non nuoce.

 

P.S. Il crescente successo di ASI MotoShow ci aveva messo di buon umore, quando al momento di andare in stampa è giunta la notizia del fallimento Moto Morini. Un inatteso colpo al cuore, perché nel 2009 la Casa bolognese aveva sensibilmente aumentato le vendite sul mercato europeo rispetto al 2008 (1.027 contro 695). Sembra però che per lo storico Marchio non tutte le speranze siano proprio perdute. Facciamo gli scongiuri, confidando di poter dare sul prossimo numero un annuncio meno ferale.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA