Motociclismo d'epoca di luglio/agosto 2020 è in edicola

Copertina dedicata alla Harley-Davidson XR 750, la moto più titolata nella storia del Flat-Track americano, che nel 2020 compie cinquant'anni. In questo numero anche il ricordo di Carlo Ubbiali, la Moto Guzzi 8V 500 GP, la Gilera Giubileo Extra 124, la Yamaha TR 1 e l'età dell'oro del Trial italiano

1/8

Gentilissimi lettori,


siamo felici di mostrarvi il nuovo numero di Motociclismo d'Epoca, senza tuttavia negare che negli ultimi mesi abbiamo accumulato grossi ritardi nella pubblicazione e nella distribuzione della rivista. Il motivo è che il Covid-19 ha colpito tutte le case editrici a livello economico/organizzativo, ma noi siamo stati direttamente interessati anche a livello sanitario: giornalisti ancora costretti alla quarantena, colonne portanti della rivista in età avanzata come Carlo Perelli da proteggere più di un tesoro prezioso, e quindi da tenere a lungo lontano dalla redazione.

Siamo profondamente rammaricati per il numero doppio di marzo/aprile 2020, confezionato a Milano in piena emergenza da pandemia, e ancor di più per questo fascicolo, arrivato in edicola solo oggi. La speranza è che gli sforzi per mantenere alta la qualità del nostro giornale vi abbiano ripagato, almeno in parte, dei gravissimi ritardi. A questo proposito voglio rassicurare tutti i nostri abbonati che la scadenza degli invii terrà conto dei fascicoli effettivamente spediti. Sono sicuro che, passata l'estate, torneremo a tenervi compagnia con la consueta passione e una maggiore frequenza di pubblicazione, che è il minimo che possiamo fare per continuare a meritare il vostro affetto. Ma data la situazione per noi ancora emergenziale, vi anticipiamo che usciranno ancora alcuni numeri doppi.

Buone vacanze a tutti,

Federico Aliverti

direttore responsabile Motociclismo d'Epoca

e-mail: federico.aliverti@edisport.it
tel. +39.02.38085315

In copertina

Copertina dedicata alla Harley-Davidson XR 750, la moto più titolata nella storia del Flat-Track americano, che nel 2020 compie cinquant'anni. Nell'ampio dossier ne ripercorriamo l'intera storia sportiva, anche con il profilo dei tre piloti più forti che l'hanno portata in gara: Jay Springsteen, Scott Parker e Chris Carr. Una sezione del dossier è infine dedicata alle sue due versioni stradali, la XR-TT 750 e la "Lucifer Hammer" che hanno difeso i colori della Casa di Milwaukee a Daytona e nelle gare di velocità del campionato AMA.

Ricordo di Carlo Ubbiali

Il fuoriclasse bergamasco ci ha lasciati lo scorso mese di giugno. Con i suoi nove titoli mondiali conquistati con Mondial e Moto Guzzi, Carlo Ubbiali è al terzo posto - assieme a Valentino Rossi e dietro a Giacomo Agostini ed Angel Nieto - nella classifica dei campioni più titolati nella storia del motociclismo. Pilota astuto, veloce e implacabile con gli avversari, ha sempre corso in 125 e 250 ed era uno degli ultimi sopravvissuti della "Golden Era" del motociclismo sportivo.

Moto Guzzi 8V 500 GP

È stata la mezzo litro più frazionata nella storia dei GP ed è un modello che, pur con una carriera sportiva breve e povera di successi, ha sempre affascinato gli appassionati di tutto il mondo. La sua genesi è conosciuta, ma un suo "capitolo" non è noto a tutti: quello della versione con carenatura normale e non a campana che nel biennio 1956-1957 è scesa in gara solo tre volte. Carlo Perelli colma tale lacuna ripercorrendo con dovizia di particolari (anche) la sfortunata partecipazione di Dickie Dale al massacrante Senior TT del 1957.

Gilera Giubileo Extra 124

Doveva essere un modello di grande diffusione come era stata la precedente Giubileo 98. Invece la versione di 125 cc, presentata sempre nel 1959, riceve un'accoglienza modesta, ben al di sotto le aspettative della Casa di Arcore. Scopriamo perché prestazioni migliori, offerte ad un prezzo leggermente superiore, non sempre sono sinonimo di successo.

Yamaha TR 1

A volte anche le Case giapponesi sbagliano un modello, magari seguendo errate strategie commerciali. È questo il caso della Yamaha, che all'inizio degli anni Ottanta presenta una bicilindrica a V di 1.000 cc chiamata TR 1 con l'arduo proposito di affrancarsi dai canoni tecnico/stilistici delle UJM (Unversal Japanese Motorcycle) dominanti in quegli anni. Motore che strizza l'occhio ai gusti del mercato USA ed estetica studiata presso la filiale europea della Casa di Iwata danno vita ad una moto tecnicamente interessante, ma dallo scarsissimo appeal.

L'età dell'oro del trial italiano

Dal punto di vista commerciale le moto da Trial conoscono il loro periodo migliore dalla fine degli anni Settanta fino ai primi anni Novanta, quando i successi iridati di SWM, Fantic Motor, Beta e Aprilia fanno da traino all'intero settore. Una rapida carrellata dei modelli di serie più significativi dell'epoca e delle soluzioni tecniche adottate dalle Case per distinguersi dalla concorrenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli