Motociclismo d'Epoca - agosto/settembre 2009

Motociclismo d'Epoca - agosto/settembre 2009

Motociclismo d'epoca - agosto/settembre 2009


Ma cosa ci sarà mai di bello? È un’operazione noiosa, faticosa, costosa, alle volte persino dannosa perché c’è sempre qualcosa che si rompe o che va persa.
E perché mai veniamo a parlarne? Altri argomenti non ci mancherebbero, specialmente ora che siamo nel pieno di un’intensa stagione.
Il motivo, che è anche d’attualità, è che alla fine di giugno la nostra Casa editrice ha cambiato sede, da Milano si è trasferita a Pero, nelle vicinanze del nuovo polo fieristico, in un modernissimo mega centro che naturalmente migliorerà tutte le funzioni operative.
Se ne parliamo non è tanto per l’autocelebrazione pur giustificatissima quanto per un risvolto sentimentale e persino per uno sfondo pratico che sono emersi contemporaneamente. Infatti non c’è miglior occasione del “terremoto” di un trasloco per fare affiorare quasi magicamente oggetti e documenti scomparsi, dimenticati. Perché erano andati a finire in fondo a un cassetto, negli angoli più riposti degli armadi, proprio come nel nostro caso. Improvvisamente ti compaiono davanti, e allora comincia la galoppata dei ricordi, non sempre lieti.
Ma dimostrandosi questi reperti (e qui veniamo al lato pratico) ancora utili, specialmente per una testata come la nostra, che vive di cose del passato.
Guardate il piccolo campionario illustrato dei ritrovamenti fatti in occasione del nostro trasloco. La foto (con dedica) di Mike Hailwood al TT 1959, la biella contorta di una Guzzi (che ci riporta ai tempi della causa con De Tomaso), il volantino dello sconosciuto ciclomotore Caproni del 1946 (mai entrato in produzione). L’elenco potrebbe continuare a lungo. E di queste numerose scoperte prima o poi beneficeranno gli amici lettori con la pubblicazione di immagini e documenti inediti.

Insomma, un trasloco che ci ha fatto bene in tutti i sensi.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA