Motociclismo Adventure Tour in Sardegna: giorno 2 (video e gallery aggiornata)

La mattina del secondo giorno è stata impiegata per le foto statiche ambientate nelle splendide località della Costa Smeralda. Videochiamata via Skype in pausa pranzo

Motociclismo adventure tour in sardegna: giorno 2 (video e gallery aggiornata)

La seconda giornata della comparativa maxi enduro stradali ha visto moto e piloti impegnati in Costa Smeralda e negli splendidi ambienti della Sardegna settentrionale. Niente relax sulle spiagge o nella piazzetta di Porto Cervo, però, c'è da portare a casa materiale per i servizi della carta stampata, di internet e della TV. Quindi foto,video, impressioni, commenti e appunti da raccogliere e organizzare. E poi c'è da guidare, e in questo la Sardegna offre molto, moltissimo (cliccate qui per le primissime impressioni sulle 9 protagoniste della comparativa)

Seguite la comparativa su internet e sui social network ma, se siete nei paraggi, fatevi riconoscere. Cliccate qui per l'itinerario di massima del tour.

Nella pillola video che segue ecco un breve riassunto dalla viva voce del "capo spedizione". La qualità è scarsa, ma si tratta di una video chiamata via Skype che, in quanto tale, risente degli eventuali (e purtroppo stavolta verificatisi) problemi si segnale.

 

 

Aggiornamento 20.35

 

 

Da Olbia a Stintino

 

Primo giorno nella splendida Sardegna, da Olbia alla Costa Smeralda dove un sole caldo e un vento costante ci hanno accompagnati per una giornata di curve infinite. A Cala di Volpe, di fronte al piccolo e suggestivo molo abbiamo fatto tutte le foto statiche delle nostre nove moto, oltre a diversi video che poi vedrete montati nel film che stiamo realizzando. Ci sono volute circa tre ore e poi via, uno scatto a Porto Cervo (e come non farlo…) e il pomeriggio a guidare senza sosta, scambiandoci le moto di continuo per scoprirne le differenze.

Da Arzachena a Palau, poi verso Tempio Pausania, quindi per Sassari, Porto Torres e Stintino. Ad accoglierci lo splendido Cala Rosa Club Hotel, dove staremo stanotte e domani notte. Domani, quindi, un bel giro ad anello in una delle zone più belle di tutta l’isola.

Parlando un po’ delle moto, oggi abbiamo avuto diverse conferme e anche alcune sorprese. Le conferme sono il gran motore della Multistrada, la guida facile e redditizia della R 1200 GS e il divertimento congenito nella ciclistica agile e nel motore pronto della KTM SMT, davvero un drago tra le curve strette. Le sorprese, invece, sono state la Stelvio NTX, che ha dimostrato quanto il peso avvertito da fermi sia un dato assolutamente fuorviante, a volte. Tra le curve da terza, dove il bicilindrico di Mandello gira anche in quarta, trasmette sempre una grande fiducia in appoggio e i cambi di direzione sono fluidi e precisi. L’altra “sorpresa”, se così possiamo chiamarla, è una moto appena nata ma che ci ha già convinti per le sue doti dinamiche.

La Kawasaki Versys 1000 non ci ha fatto strappare i capelli per la sua bellezza e per le sue finiture, parliamoci chiaro, ma quando è il momento di scambiarsi le moto è una delle più gettonate: il motore spinge bene, non ha un gran carattere, ma non gli manca niente in termini di prestazioni, e la sua ciclistica è tra le più equilibrate e neutre in circolazione. Davvero un bel guidare, anche grazie agli pneumatici che abbiamo scelto per equipaggiare tutte le nostre moto, le Pirelli Scorpion Trail: entrano presto in temperatura, hanno un profilo dell’anteriore bello tondo per una guida fluida e non eccessivamente reattiva e un posteriore sincero che dà tanta trazione e avvisa quando si sta esagerando. Ci stanno davvero piacendo.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA