MotoAmerica 2016: Toni Elias ritorna alla grande!

Un grande weekend per il pilota della Suzuki e campione del Mondo Moto2 2010, che al COTA conquista la prima piazza nelle due manche della SBK, seguito entrambe le volte da Roger Lee Hayden e Hayes. In Stock 1000 vince due volte Bobby Fong in sella alla Kawasaki ZX-10R; Claudio Corti out in gara 1, in gara 2 arriva secondo con l'Aprilia. Gerloff su Yamaha conquista la gara della Supersport

Il circus dei campionati MotoAmerica si rimette in moto

Nel week end americano che ha visto la gara della MotoGP ad Austin, anche il campionato MotoAmerica (ex AMA SBK) è approdato al Circuit of the Americas per la prima delle nove gare in programma. La scorsa stagione era terminata con il dominio Yamaha e con Beaubier e Gagne capaci di potare a casa i titoli delle classi SBK e STK 1000, nonché quello della Supersport con Beach. Nel 2016 la musica sembra essere cambiata e sul gradino più alto del podio troviamo, per ora, le rappresentanti delle altre due Case giapponesi presenti in gara: Suzuki in SBK e Kawasaki in STK 1000.

COTA 2016, Superbike: un grande Elias porta la Suzuki sul gradino più alto del podio

È stato un grande Week end quello di Toni Elias e della Suzuki. La Casa di Hamamatsu (team Yoshimura) porta i suoi due alfieri sui gradini più alti del podio sia in gara 1 che in gara 2. Le posizioni, al momento della bandiera a scacchi, sono infatti le stesse in entrambe le gare con Toni Elias che conquista i primi 50 punti a disposizione seguito dal compagno di squadra Roger Hayden. Al terzo posto in entrambe le gare Josh Hayes su Yamaha.

In gara 1 Elias, al suo debutto in questo campionato, è l’unico pilota a girare sotto il muro dei 2’11” imponendo un ritmo difficilmente avvicinabile dagli altri piloti e confezionando una gara da manuale seppur rocambolesca: a causa della presenza di olio in pista la corsa viene infatti interrotta. La bandiera rossa salva la gara del pilota spagnolo, inizialmente in difficoltà con la sua Suzuki. Grazie all’interruzione, tutti i problemi vengono risolti ai box e alla ripartenza, con una moto nuovamente competitiva, Toni sa dare il massimo per i cinque giri a disposizione e conquista la vittoria precedendo Roger Hayden e Josh Hayes. Dietro ai tre piloti sul podio, l’ordine di arrivo è il seguente: 4° Jake Gagne, 5° Chris Ulrich, 6° Ryan Jones, 7° Barrett Long, 7° Johonny Rock Page. Si ritirano Kyle Wyman e Beaubier, quest’ultimo a causa di una caduta.

In gara 2 non cambia l’esito della corsa e Toni Elias rafforza la sua leadership raddoppiando i secondi di vantaggio al traguardo sul compagno di squadra; Hayden conquista la seconda piazza con un ritardo al traguardo di 4”063. Per Toni Elias, che non vinceva una gara dal 2010 (anno in cui si era lauureato campione del Mondo Moto2), è un week end da incorniciare anche grazie al fatto di essere il primo pilota spagnolo a vincere una gara nella categoria SBK statunitense. Il podio è la fotocopia di quello visto in gara 1, con Josh Hayes su Yamaha al terzo posto. Alle spalle dei primi tre, l’ordine di arrivo è il seguente: 4° Cameron Beaubier, 5° Jake Gagne, 6° Chris Ulrich, 7° Barrett Long, 8° Johonny Rock Page. In gara 2 si ritira Ryan Jones che non conquista alcun punto insieme a Kyle Wyman.

Ora in casa Suzuki sarà interessante capire cosa deciderà di fare il Team Factory, dato che Elias era entrato in sostituzione dell’infortunato Lewis, ma ora si trova a essere il leader del campionato con 50 punti su 50 disponibili.

Queste le parole di Toni Elias dopo i successi nel week end ad Austin:
"Vincere queste due gare è stato bellissimo ma siamo solo all’inizio, meglio frenare l’entusiasmo e mantenere la concentrazione. Certo sono felice e molto soddisfatto. Inizialmente ero preoccupato, in gara 1, non avevo molto feeling con la moto. Sono stato fortunato perché la bandiera rossa mi ha permesso di risolvere un problema sullo moto; una volta tornato in pista le cose andavano decisamente meglio e sono riuscito a dare il tutto e per tutto nei giri restanti. Nella seconda gara, invece, tutto è stato perfetto e sono molto soddisfatto di essere riuscito a imporre un ritmo elevato alla gara e di aver vinto con un buon vantaggio. È fantastico aver guadagnato tutti i punti che avevo a disposizione”.

COTA 2016, Stock 1000: alla Kawasaki di Fong gara 1 e gara 2. Corti bene a metà

Per quanto riguarda la categoria Stock 1000, è il pilota in sella alla ZX-10R, Bobby Fong, a conquistare tutti i punti a disposizione nelle due gare. In gara 1 Fong vince al fotofinish dopo una bella battaglia in pista con Josh Herrin su Yamaha. I due arrivano al traguardo divisi da soli 0”054. Al terzo posto Joshua Day a poco più di 2”, seguito da tre Yamaha: quelle di Knapp, Morais e Eslick.  A completare la top 10 seguono Rapp (BMW), Anthony (Kawasaki), Gillim (Suzuki) e Flinders (Yamaha). Peccato per la gara di Claudio Corti, in gara con l'Aprilia. Il pilota comasco, partito dalla quattordicesima piazza, è costretto al ritiro per un problema tecnico sulla sua RSV4 RF durante la gara del suo debutto nel campionato statunitense. Corti non è l’unico pilota a non chiudere la prima gara, si ritira anche Kosinski.

Gara 2 vede Bobby Fong ripetere il successo ottenuto nella prima gara. Il secondo al traguardo è Claudio Corti (6° posto nella classifica combinata SBK/Stock1000). Senza alcun problema tecnico, il pilota comasco si è dimostrato competitivo anche se il primo della classe gli rifila più di 15” di distacco all’arrivo. Il terzo posto della categoria è conquistato da Herrin dopo una battaglia con Corti che, al traguardo, lo precede di soli 0”013. Il quarto posto è invece dalla Yamaha di Eslick; Danny non sale sul podio per un soffio e cede il terzo posto per soli 0”184 dopo aver lottato insieme ai due piloti davanti a lui al termine. A completare la top 10 seguono Knapp (Yamaha), Anthony (Kawasaki), Gillim (Suzuki), Rapp (BMW), Morais (Yamaha) e Kosinksi (Yamaha). In gara due si ritira Joshua Day.

Queste le parole di Fong dopo la vittoria:
“Il mio fine settimana di gara è stato perfetto in sella alla ZX-10R. Inizialmente mi sentivo più lento ma via via la confidenza con la moto è aumentata e ho potuto spingere per andare a conquistare la prima vittoria. Dopo un paio di piccoli aggiustamenti ho iniziato la seconda gara con più fiducia e da subito a mio agio sulla moto. Sono molto felice di aver portato la mia Kawasaki sul gradino più alto del podio ma siamo solo al primo appuntamento e adesso la mia attenzione è diretta alla prossima gara”.

COTA 2016, Supersport: Garrett Gerloff parte dalla pole e chiude al primo posto

La categoria Supersport vede al via Garrett Gerloff in pole position, seguito da JD Beach e Valentin Debise. I tre piloti sembrano voler rispettare l’ordine di partenza anche al taglio del traguardo dato che mantengono le stesse posizioni iniziali allo sventolare della bandiera a scacchi. La categoria Supersport è la più proficua per Yamaha al COTA, dato che il primo pilota Suzuki è quello sul gradino più basso del podio, preceduto proprio da due moto della Casa dei Tre Diapason. Gerloff vince con un distacco di poco più di un secondo su Beach ma i due piloti di testa rifilano addirittura 14” di distacco a Debise. Alle spalle del trio di testa gli altri piloti chiudono nel seguente ordine: 4° Joe Roberts, 5° Benny Solis Jr., 6° Cameron Petersen, 7° Travis Wyman, 8° Dakota Mamola, 9° Jay Newton, 10° Kris Lillegard, 11° Phil Horwitz. L’unico ritiro in gara è quello di Xavier Zayat.

Classifica generale SBK

Posizione Pilota Moto Punti
1 Toni Elias Suzuki 50
2 Roger Hayden Suzuki 40
3 Josh Hayes Yamaha 32
4 Jake Gagne Yamaha 20
5 Cameron Beaubier Yamaha 13
6 Chris Ulrich Suzuki 4
7 Ryan Jones Yamaha 1
8 Barrett Long Yamaha 0
9 Johonny Rock Page Yamaha 0
10 Kyle Wyman Yamaha 0

Classifica generale Superstock 1000

Posizione Pilota Moto Punti
1 Bobby Fong Kawasaki 50
2 Josh Herrin Yamaha 36
3 Taylor Knapp Yamaha 24
4 Danny Eslick Yamaha 23
5 Claudio Corti Aprilia 20
6 David Anthony Kawasaki 18
7 Sheridan Morais Yamaha 18
8 Steve Rapp BMW 17
9 Joshua Day Yamaha 16
10 Hayden Gillim Suzuki 16
11 Max Flinders Yamaha 11
12 Sam Verderico Yamaha 8
13 Anthony Kosinski Yamaha 6
14 Jason Madama Yamaha 6
15 Jeff Wrobel Suzuki 5
16 Josh Chisum Yamaha 5

Classifica generale Supersport

Posizione Pilota Moto Punti
1 Garrett Gerloff Yamaha 25
2 JD Beach Yamaha 20
3 Valentin Debise Suzuki 16
4 Joe Roberts Yamaha 13
5 Benny Solis Jr. Honda 11
6 Cameron Petersen Suzuki 10
7 Travis Wyman Yamaha 9
8 Dakota Mamola Yamaha 8
9 Jay Newton Yamaha 7
10 Kris Lillegard MV Agusta 6
11 Phil Horwitz Yamaha 5
12 Xavier Zayat Suzuki 0

Calendario MotoAmerica 2016

Data Pista
8 – 10 aprile 2016 Circuit of the Americas
15 – 17 aprile 2016 Road Atlanta
29 aprile – 1 maggio 2016 New Jersey Motorsports Park
13 – 15 maggio 2016 Virginia International Raceway
3 – 5 giugno 2016 Road America
10 – 12 giugno 2016 Barber Motorsports Park
23 – 25 giugno 2016 Utah Motorsports Campus
8 – 10 luglio 2016 Mazda Raceway Laguna Seca
9 – 11 settembre 2016 New Jersey Motorsports Park

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA