12 November 2010

Moto3

Definito il regolamento della nuova classe che nel 2012 sostituirà la 125 nel Motomondiale. Il motore sarà un 4T monocilindrico da 250 cc. Ecco la prima immagine della Honda NRS 250

Moto3

La FIM ha comunicato la sostanza di quello che sarà il regolamento per la classe Moto3, in arrivo nel Motomondiale dal 2012 e nel CIV dal prossimo anno. La novità principale riguarda il motore: a sostituire il 125 cc 2T sarà un monocilindrico da 250 cc ma 4T limitato a 14.000 giri e con al massimo 4 valvole. Motori, ovviamente, aspirati quindi niente turbo e sono proibiti anche i pistoni ovali (l’alesaggio è fissato in 81 mm). Il costo per motore non deve superare i 12.000 euro e nemmeno parti o servizi aggiuntivi possono consentire il superamento di questa cifra. Honda, fornitore dei motori, deve essere in grado di offrire i propulsori (sono 8 per ogni pilota) per un minimo di 15 piloti per stagione, se richiesto. Inoltre, in caso di evoluzioni tecnologiche, queste devono essere rese disponibili nello stesso momento a tutti i clienti.

 

Non sono consentiti sistemi di scarico a lunghezza variabile e il limite di decibel consentito è di 115, misurato in test statici. Il cambio potrà avere al massimo 6 rapporti e non sono consentite frizioni elettroattuate (sia con sistemi idraulici che meccanici).

 

Il telaio deve essere un prototipo e quindi non derivato da alcun modello di serie mentre le sospensioni dovranno essere di tipo standard, proibite quindi sospensioni attive e regolazioni elettroniche. Il peso minimo della moto + pilota deve superare i 148 kg.

 

L’immagine qui sopra, tratta dal sito ufficiale HRC, rappresenta la Honda NRS 250 (occhio, non la NSR 250), la moto che i giapponesi stanno sviluppando per questa nuova categoria.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA