SPECIALE SALONE EICMA 2018
Tutte le novità Casa per Casa
di Beppe Cucco - 10 September 2018

Esposto del Codacons nei confronti di Fenati per tentato omicidio

È stato chiesto alla alla magistratura "di valutare se il gesto di Fenati possa configurare eventuali fattispecie penalmente rilevanti, compresa quella di tentato omicidio, e nel caso procedere nei suoi confronti con l'azione penale che sarà ritenuta idonea"
  • Salva
  • Condividi
  • 1/12 Preso dalla rabbia, Romano Fenati tocca la leva del freno anteriore di Stefano Manzi alla curva 7: immediata l'esposizione della bandiera nera per il pilota ascolano

    Dopo il gesto di Romano Fenati nei confronti di Stefano Manzi sembrano non finire i guai per il pilota ascolano. Dopo essere stato licenziato dal suo attuale Team e esser stato lasciato a piedi per il 2019 da MV Agusta, ora la vicenda potrebbe spostarsi fuori dall'ambiente del motomondiale.

    Il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) ha inviato un esposto alla Procura della Repubblica di Rimini per far si che si "indaghi su quanto avvenuto ieri quando il pilota, durante la gara della Moto2, ha colpito la leva del freno anteriore di Stefano Manzi, facendo sbandare pericolosamente la moto dell'avversario ad oltre 200 chilometri orari. Si tratta di un gesto gravissimo che senza dubbio esce dal campo prettamente sportivo ed entra in quello penale. Aver premuto il freno di un avversario quando la moto procedeva a velocità così sostenuta, può equivalere a voler deliberatamente mettere in pericolo la vita altrui, senza contare il cattivo esempio dato a milioni di giovani che seguono le gare motociclistiche". Alla Procura è stato chiesto "di valutare se il gesto di Fenati possa configurare eventuali fattispecie penalmente rilevanti, compresa quella di tentato omicidio, e nel caso procedere nei suoi confronti con l'azione penale che sarà ritenuta idonea".

    Cliccate qui per leggere tutte le notizie e le dichirazioni che riguardano Romano Fenati.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news