Perché la camera d’aria sulla Moto Guzzi V85 TT?

Un lettore ci scrive per sapere come mai Moto Guzzi ha scelto per la V85 TT cerchi a raggi con camera d’aria. Ecco la risposta della Casa di Mandello e il nostro commento

1/23 Moto Guzzi V85 TT 2019

1 di 3

Caro direttore, ho posseduto moto italiane, inglesi, austriache, tedesche e giapponesi, ma mai una Moto Guzzi. Oggi la nuova V85 TT può essere la moto giusta per me. L’ho provata e già il tiro in folle mi ha riportato alle V7 Special e Le Mans che guidavo in prestito dagli amici. La moto mi è piaciuta e sarei a un passo dall’acquisto. Una sola cosa non mi va giù: i cerchi a raggi con camera d’aria, che sono in primis un grosso deficit per la sicurezza ma anche per l’immagine stessa di questo modello.

Fabio Grosso – Savignone (GE)

1/23 Moto Guzzi V85 TT 2019

Ogni moto ha una sua personalità, frutto di scelte tecniche e stilistiche. Questa, che è una verità generale, è ancora più marcata nel caso delle Moto Guzzi, moto autentiche costruite nello stesso posto da quasi cento anni e caratterizzate da scelte uniche. Scelte che possono essere discusse – come sempre si fa tra appassionati – ma che, tutte insieme, concorrono alla personalità unica di una Moto Guzzi. Sono diverse le scelte progettuali che distinguono la V85 TT: la trasmissione finale a cardano, la capienza del serbatoio e l’autonomia, la dotazione di serie e, ovviamente, l’esclusivo V di 90° montato trasversalmente. La scelta della camera d’aria è stata dettata dal profilo di utilizzo immaginato per la V85 TT ma non è un’esclusiva, visto che anche altre moto di altre Marche adottano questa soluzione. Ma quello che davvero conta è l’accoglienza del pubblico e dello stesso gentile lettore e, da questo punto di vista, siamo felici del gradimento unanime che V85 TT sta incontrando.

1/23 Moto Guzzi V85 TT 2019

I temi sono due, uno economico, l’altro tecnico. I cerchi a raggi tubeless sono costosi, quindi incidono molto sul prezzo finale della moto, mentre i cerchi a raggi con camere d’aria sono più “economici”. Dal punto di vista tecnico, un uso della moto votato all’offroad trae vantaggi dall’utilizzo dei cerchi con camere d’aria, perché nel caso di eventuali piccole ammaccature del bordo del cerchio, essendoci la camera d’aria, non ci sarebbero perdite di pressione. Viceversa, un cerchio a raggi tubeless, in offroad, è certamente più “a rischio” di perdita d’aria nel caso di ammaccature anche lievi sui bordi. Per contro, su strada un cerchio a raggi con camera d’aria, in caso di foratura camera, può creare difficoltà non da poco perché l’aria fuoriesce subito tutta dalla camera e il cerchio non ha modo di trattenerla. Mentre un tubeless in questo senso è più “rassicurante”: in caso di normale foratura perde aria lentamente e addirittura spesso si riesce a procedere nella marcia a bassa velocità.

1/23 Moto Guzzi V85 TT 2019

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA