di Tarcisio Olgiati
- 30 September 2014

Moto Guzzi V7 II: arrivano l’ABS e il controllo di trazione

Al Salone di Colonia, la Casa di Mandello presenta l’ultima versione della sua best seller “serie piccola”. Sotto un look solo apparentemente invariato, le novità tecniche sono tante

Moto guzzi v7 ii: arrivano l’abs e il controllo di trazione

Tenendo a precisare che il grosso delle novità sarà presentato a Eicma (6-9 novembre), Moto Guzzi anticipa i tempi regalandoci un’anteprima delle moto 2015 che invece debutteranno a Colonia (Intermot 2014, 2 - 5 ottobre). Probabilmente gli appassionati si aspettano una turistica col motore della California 1400 (vincitrice della nostra comparativa cruiser in Puglia), una café racer “grossa”, una nuova versione della Stelvio, i sognatori puri magari anche una sportiva che rinverdisca i fasti della mitica MGS-01. Si sa, la passione per la Casa dell’Aquila è sempre viva, come si è visto anche al Moto Guzzi Open House e come testimoniano la grande attenzione che il pubblico dà a progetti come la Millepercento Schighera. Ma bisogna guardare anche (soprattutto) al concreto. E il concreto oggi si chiama V7, la Guzzi più venduta.

 

NUOVA GENERAZIONE

A Colonia arriva la nuova versione della best seller mandelliana e il suo nuovo nome indica e sottolinea un cambio di marcia (non solo metaforico…). La piccola aquila si chiama infatti ora “V7 II”, proseguendo la tradizione Guzzi di “numerare” le serie successive di modelli di successo (come la Le Mans, ad esempio). La nuova generazione della naked classica lariana presenta varie novità, vediamole nel dettaglio nel video che ci arriva direttamente da Intermot. Nel secondo video parla Andrea Maria Benedetto, responsabile prodotto moto gruppo Piaggio:

 

 

Andrea Maria Benedetto, responsabile prodotto moto gruppo Piaggio

 

 

CAMBIARE, FRENARE E ACCELERARE MEGLIO

La modifica meccanica più importante è l’arrivo del cambio a 6 marce, con i primi e gli ultimi due rapporti ravvicinati. Migliorata anche la frizione, nell’intento di un comando più morbido e uno stacco più omogeneo. Abbiamo parlato di novità meccaniche, ma ce ne sono di molto rilevanti anche sul fronte elettronico. Debuttano infatti sulla serie V7 l’ABS (a due canali) e il MGCT (Moto Guzzi Controllo Trazione).

 

I MILLIMETRI CHE CONTANO

Evolve anche l'estetica: sulla nuova Moto Guzzi V7 II il motore è stato inclinato di 4° verso l’asse anteriore e ribassato di 10 mm. Questa soluzione non solo migliora la vista laterale (i cilindri non sono più tendenzialmente… rivolti verso l’alto), ma ha anche consentito di “riempire” meglio la parte anteriore della moto e guadagnare nuovo spazio per le ginocchia. La nuova V7 II, infatti, presenta anche le nuove pedane ribassate di 25 mm, permettendo di ospitare comodamente piloti di statura sopra la media, pur rimanendo accessibile e “facile” per piloti di ogni taglia. A parte la nuova tinta gialla per la Stone (ma saremo più precisi in merito alle livree 2015 con il nostro report da Colonia), esteticamente si notano solo il faro posteriore ora non più cromato ma nero e il nuovo regolatore di tensione, che contribuisce a pulire visivamente il "frontale" del motore. Nella gallery trovate le foto della nuova e della attuale versione della V7: fate il confronto (qui invece la famiglia V7 2014)

 

TRE VERSIONI

V7 II Stone: eclettica ed essenziale, caratterizzata da tonalità cromatiche tipiche degli anni ’70 (come il giallo della fot)

V7 II Special: la più vicina allo spirito originale della progenitrice, a cominciare dalla grafica ispirata alla celebre V750 S3 del 1975

V7 II Racer: incarna l’animo sportivo di Moto Guzzi. Assetto sportivo, sella monoposto, manubri bassi, serbatoio cromato con cinghia di fissaggio in cuoio.

 

La nuova Moto Guzzi V7 II sarà commercializzata sui mercati europei a partire dal prossimo mese di novembre; la V7 II Stone ad un prezzo di 8.720 euro c.i.m., la Special a 9.120 euro c.i.m. e la Racer a 10.450 euro c.i.m.

 

Cliccate qui per conoscere tutte le novità di Colonia, Casa per Casa.

Cliccate qui per scoprire l'esito del nostro sondaggio: "Qual è la regina del Salone di Colonia?"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli