di Beppe Cucco - 03 gennaio 2019

Bollo al 50% per le moto tra i 20 e 29 anni di età

Lo ha stabilito la nuova Legge di Bilancio. Per usufruire dello sconto, però, i veicoli (moto e auto) dovranno essere in possesso del Certificato di Rilevanza Storica, ma non solo...
1/40 Ducati 916

Con l'approvazione della Legge di Bilancio 2019 e la sua entrata in vigore il 1° gennaio arriva una buona notizia per tutti coloro hanno in garage una moto (o un auto) con un'età compresa tra i 20 e i 29 anni: la tassa di proprietà (il bollo) sarà scontata al 50%. Per usufruire di questo sconto, però, i veicoli devono essere in possesso del Certificato di Rilevanza Storica.

Dopo che con la manovra del 2015 il governo Renzi aveva eliminato l'esenzione dal bollo per i veicoli di interesse storico ora dunque la situazione cambierà di nuovo. In particolare, da quanto scritto sul testo della legge "gli autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, se in possesso del Certificato di Rilevanza Storica e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica con una riduzione pari al 50 per cento". Il Certificato di Rilevanza Storica per essere valido deve venir rilasciato dal Registro Storico FMI o da uno degli altri Registri Storici riconosciuti dal Codice della Strada. Attenzione però, come riportato nel testo della legge è necessario che la storicità del veicolo venga annotata sulla carta di circolazione.

Oltre ai soldi necessari per l’iscrizione al registro storico per il rilascio del relativo certificato (100-150 euro), la quota annuale di iscrizione ad un moto club federale, bisognerà dunque sborsare dei soldi anche per annotare sulla carta di circolazione la storicità del veicolo, con tutta la trafila burocratica necessaria…

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultime notizie news