Statistiche web
12 December 2008

Mondiale Superbike 2009: nuovo pilota e nuova gestione motore per la Kawasaki PSG-1 Corse

Matteo Baiocco (24 anni) affiancherà Ayrton Badovini, in sella alla Kawasaki ZX-10R Ninja del Team PSG-1 Corse, nel Campionato del Mondo Superbike 2009. Il contratto è stato siglato il 10 dicembre, a San Marino, nella sede della scuderia della verdona. PSG-1 Corse ha grandi programmi per il 2009: non sarà più scuderia ufficiale Kawasaki, ma svilupperà in proprio il motore di Akashi.

Mondiale superbike 2009: nuovo pilota e nuova gestione motore per la kawasaki psg-1 corse



Acquaviva (SAN MARINO) 12 dicembre 2008
– Kawasaki PSG-1 Corse annuncia di aver siglato un contratto con il pilota 24enne Matteo Baiocco, che affiancherà Ayrton Badovini nel Campionato del Mondo Superbike 2009, in sella alla ZX-10R Ninja. Il pilota ventiquattrenne lascerà la categoria Superstock 1000, per correre nella Classe maggiore Superbike. Baiocco vuole “Emergere tra i debuttanti della categoria”. Per Matteo “Partire in Superbike in un contesto come quello della PSG-1 Corse è davvero stimolante”. Il contratto con due piloti giovani va di pari passo con l’intenzione della scuderia sanmarinese di migliorare la propria competitività: nella passata stagione la ZX-10R aveva avuto diversi problemi, dovuti anche agli accordi della PSG-1 con la Kawasaki. Il motore "ufficiale" era preparato in Francia dalla Akira, che lo spediva pronto per essere montato alla sede PSG-1 di Acquaviva, dove era assemblato con il telaio modificato a San Marino. Questo limitava di molto la possibilità d’intervento degli ingegneri di San Marino. Per la stagione 2009, PSG-1 continuerà ad utilizzare motori Kawasaki, ma non come scuderia ufficiale. Questo, secondo quanto dicono gli ingegneri della PSG-1, permetterà di sviluppare il propulsore della ZX-10R a San Marino e di accordarlo con il telaio, in modo da rendere la moto più competitiva. La scuderia PSG-1 ritiene di poter crescere i due giovani piloti e con essi fare passi avanti, verso obiettivi che, con l’ufficialità Kawasaki degli anni precedenti, si erano preclusi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA