Mondiale Motocross: in Germania vince Desalle, Cairoli 5°

A Teutschenthal l’azzurro soffre per l’influenza, mentre il belga della Suzuki, aiutato da due ottime partenze, vince il GP. Sorprendente rientro di Nagl dall’infortunio: il tedesco conquista holeshot e vittoria in Gara1. Herlings primo in MX2

Mondiale motocross: in germania vince desalle, cairoli 5°

Il terreno duro di Teutschenthal (Germania) favorisce Clement Desalle e la sua Suzuki, che conquistano la quarta vittoria stagionale nella MXGP dopo Arco di Trento, Spagna e Francia.

Il forte pilota belga è ora a 25 lunghezza da Tony Cairoli nella classifica generale e stiamo entrando nelle battute finali della stagione 2014. Tony Cairoli appunto, delude dopo la strabiliante prestazione nel GP di Maggiora (clicca qui per il report). Il pilota ufficiale KTM è sofferente a causa di un’influenza che non gli permette di essere al 100% della forma e nelle battute finali risente di questa stanchezza, commettendo molti errori e prendendosi molti rischi sui salti. A differenza di Tony, sorprende Max Nagl (Honda), rientrante dall’infortunio prima di Valkenswaard, che davanti al pubblico di casa vince Gara1, ma non riesce a ripetersi in Gara2 a causa di una partenza mediocre.

Terza posizione assoluta per il solito Jeremy Van Horebeek su Yamaha. Ormai potremmo quasi definirlo “l’uomo costanza”, dato che su 11 Gran Premi è salito sul podio (ma mai sul gradino più alto) negli ultimi 10 round.

Discorso a parte per Kevin Strijbos (Suzuki): il belga vince la manche di qualifica ed è autore di una bellissima rimonta in Gara2, ma in Gara1 non riesce a prendere ritmo. Evidentemente ha bisogno di tempo per “fare il tempo”, ma conquista un ottimo quarto posto a ridosso di Van Horebeek. Da sottolineare le prestazioni di David Philippaerts, che in Gara2 si piazza al sesto posto, chiudendo il GP tedesco in ottava posizione e di Davide Guarneri, nono assoluto con la pesarese TM. Assenti Evgeny Bobrishev a causa dell’infortunio a Maggiora e naturalmente lo sfortunato Joel Roelants, che continua a sperare di poter tornare a camminare (clicca qui per l’articolo).

 

MX2: 41° TRIONFO PER HERLINGS

Quante sono 41 vittorie? Parecchie, tante, troppe, roba da fuoriclasse. Sono un numero gigante se si pensa che il super campione di casa KTM ha solamente 19 anni e non è ancora salito nella classe regina. A proposito, tante erano le voci che l’olandese approdasse nel Team Honda in MXGP l’anno prossimo, ma il contratto con KTM è fino al 2015. Impensabile un binomio Cairoli-Herlings nella ex MX1, perciò il “monello di casa KTM” avrebbe intenzione di stare, ancora per un anno, in MX2.

Fatto sta che anche per questo GP nessuno lo ha visto in gara, se non in partenza. Il secondo classificato in MX2 (Tim Gajser, Honda Gariboldi) accusa un ritardo di ben 40 secondi. Un Tim Gajser decisamente in palla, secondo assoluto in MX2 qui in Germania, mentre il terzo gradino del podio va a Jordi Tixier, autore di una bella rimonta in Gara2. Bene anche Guillod, sorpresa di quest’anno e il pilota Husqvarna Romain Febvre.

Grande assente la seconda forza di campionato Arnaud Tonus (Kawasaki), sempre più vicino all’America.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA