SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Mondiale Motocross 2010: Nel GP del Portogallo Desalle vince in MX1, Musquin in MX2

Con due seconde posizioni nelle due manche, Desalle (Suzuki) si è aggiudicato la vittoria in assoluta. Musquin (KTM) ha vinto con una doppietta.

PRIMA MANCHE MX1

PRIMA MANCHE MX1 Max Nagl, in sella alla KTM, è stato il migliore in fase di partenza e all’apertura dei cancelli si è messo dietro Desalle, Philippaerts, Goncalves, Guarneri e Monni. Cairoli è andato male e si è ritrovato solo 15esimo. Nagl ha cercato di allungare, ma gli inseguitori Desalle e Philippaerts gli sono rimasti incollati. Goncalves, invece, non è stato incisivo e ha cominciato a retrocedere. Guarneri è caduto e quando si è rialzato era nelle ultime posizioni. Philippaerts ha commesso un errore alla quarta tornata e ha perso 10 secondi preziosi, che hanno consentito a Desalle di respirare e diminuire un po’ il passo, mentre Nagl scappava via. Al sesto giro il pilota della KTM aveva 7 secondi di vantaggio su Desalle e 18 su Philippaerts. Seguivano Boog, Leok, de Reuver, Goncalves, e Cairoli. Nagl ha aumentato il ritmo incrementando il suo vantaggio sino a 15 secondi rispetto a Desalle. Philippaerts si è ritrovato in ritardo di 25 secondi. Aveva dietro Boog e Leok, quest’ultimo tallonato da Cairoli, che stava recuperando. Tony è riuscito a passare Leok ed è andato a cercare Boog il quale, però si è ben difeso ed è andato ad attaccare Philippaerts, negli ultimi quattro giri. Cairoli ha provato ad inserirsi su Boog, che non gli ha lasciato spazio e ha continuato ad attaccare Philippaerts. Il gruppo di testa ha a mantenuto un ritmo serrato e al traguardo sono arrivati Nagl, primo, Desalle, secondo, e Philippaerts terzo. Dietro, nell’ordine, Boog, Cairoli, Leok, Ramon, Pourcel. Monni è caduto e si è dovuto ritirare, mentre Guarneri è riuscito a recuperare fino alla 15esima posizione.

SECONDA MANCHE MX1

SECONDA MANCHE MX1 Nel secondo round della giornata Tony Cairoli è riuscito fare una partenza migliore piazzandosi in testa, al contrario del suo compagno di squadra Nagl, che è rimasto fuori dai primi dieci. Alle spalle del siciliano si sono schierati nell’ordine: Boog, Desalle, Bobryschev, de Dycker e Philippaerts. Desalle si è inserito su Boog e de Dycker è risalito sino alla terza posizione, strappandola quindi a Boog. Anche Guarneri ha recuperato ed è arrivato al nono posto. De Dycker ha cercato di raggiungere Desalle, ma questi, dovendosi guardare anche da Boog, ha tenuto duro e ha aumentato il passo. Desalle, però, ha forzato così tanto che è arrivato all’errore. De Dycker ne ha approfittato e lo ha passato, strappandogli la seconda posizione. Desalle si è quindi trovato alle spalle di de Dycker, allineato con Boog e Nagl. Il belga non voleva restare indietro: è andato all’attacco e ha passato Nagl. Poi ha provato a liberarsi anche di Boog, che ha resistito e ha raggiunto de Dycker. A quel punto de Dycker, Boog e Desalle erano attaccati. Boog ha sbagliato la traiettoria di una curva e Desalle è passato, andando a fare pressione con la sua Suzuki su de Dycker, che non ha potuto resistergli. Cairoli è andato via liscio e si è aggiudicato la vittoria, davanti a Desalle, secondo, e de Dycker, terzo. La seconda manche ha assegnato il primo gradino del podio nella classifica assoluta a Desalle.

PRIMA MANCHE MX2

PRIMA MANCHE MX2 Le KTM sono state fortissime in partenza, con Herlings che è passato avanti a Musquin, a Simpson e al pilota della Suzuki Roczen. Herlings aveva un passo molto sostenuto e ha tentato di allungare, ma Musquin gli è rimasto sempre incollato, dovendosi anche guardare dalle insidie di Roczen, che nel frattempo è riuscito a passare Simpson e si è lanciato all’inseguimento di Marvin. Musquin raggiunge Herlings, ma si trova davanti i doppiati che lo rallentano. Roczen ha accelerato e ha messo in difficoltà Musquin, che è stato costretto ad incrementare il suo ritmo ed è andato, ancora una volta a cercare Herlings. Quest’ultimo si è trovato intralciato dai doppiati e, nella confusione generale, ha lasciato uno spazio aperto a Musquin, che ha colto al volo l’occasione ed è passato. Mancavano due giri alla fine quando il pilota della Suzuki si è inserito su Herlings. La prima gara si è conclusa quindi con la vittoria di Musquin, seguito da Roczen, secondo, e Herlings, terzo. Più indietro, nell’ordine, sono arrivati Simpson, Osborne, Charlier, Kullas, Roelants, Tonus e Karro.

SECONDA MANCHE MX2

SECONDA MANCHE MX2 Nella seconda gara della MX2 sono partite di nuovo fortissimo le KTM dei piloti Musquin, Herlings, Nicholls, che si sono lasciati alle spalle Roczen con la Suzuki. Roczen non ha esitato e ha passato in breve tempo Herlings e Nicholls, cercando di agganciare Musquin. Nei primi giri Simpson si è ribaltato. Dietro Musquin e Roczen, piazzati nelle prime due posizioni, Herlings cercava di chiudere il passaggio a Osborne, che era inseguito da Tonus, van Horebeek, Frossard, Nicholls. Osborne è riuscito a passare Herlings. Intanto Roczen si avvicinava sempre più a Musquin e gli faceva pressione, in attesa di un suo sbaglio, e sfruttando i doppiati che facevano da tappo. Non è trascorso molto tempo che Herlings ha ripassato Osborne e si è ripreso la sua posizione. Il colpo di scena è arrivato quando mancavano tre giri al termine e Roczen ha tentato l’attacco decisivo su Musquin: Tonkov, che era doppiato, si è messo in mezzo alla pista, Musquin è riuscito a passarlo senza troppi problemi, mentre Roczen, per evitare di centrarlo, ha cambiato traiettoria, ma nel farlo è stato tamponato ed è finito a terra. Si è rialzato subito, ma nel frattempo ha perso posizioni ed è finito al sesto posto. Musquin ha vinto, precedendo al traguardo Herlings, secondo, Osborne, terzo. Seguivano nell’ordine van Horebeek, Frossard, Roczen. Lupino ha concluso 11esimo ed è stato l’unico italiano che è rientrato in zona punti.

CALSSIFICHE MX1 E MX2

CALSSIFICHE MX1 E MX2 Il francese Musquin è tornato in testa alla classifica e ha guadagnato la tabella rossa della MX2 con 179 punti. Roczen ha pagato la caduta ed è retrocesso in seconda posizione, con 167 punti. Herlings si è fermato alla terza con 164. Nella MX1 Cairoli ha mantenuto la prima posizione in classifica con 179 punti e precede il compagno di squadra Nagl, che è secondo e ne ha 161. Philippaerts è terzo, a quota 133. Il prossimo Gran Premio sarà nel fine settimana del 15 e 16 maggio a Bellpuig, in Spagna.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA