Misure anticrisi, Harley-Davidson: tagli, risparmi e un prestito da 150 milioni

La casa di Milwaukee annuncia la volontà di ridurre gli stipendi, soprattutto alla classe dirigente. Richiesto anche un prestito da 150 milioni di dollari per fare fronte alla crisi, che andrà a unirsi ai tagli e a un piano di risparmio

1/31

Harley-Davidson Road Glide Limited 2020

Vendite e profitto in calo. Si riassume così il momento di difficoltà che sta attraversando Harley-Davidson, aggravato dalla Pandemia ma messo da tempo a dura prova da numeri di vendita che non decollano e dalle dispute commerciali. Per cercare di cambiare le carte in tavola, le redini della Casa sono state date in mano a un nuovo Ceo, Jochen Zeitz, che ha sostituito Matt Levatich nel tentativo di ribaltare un progetto (More Roads to Harley-Davidson) che non ha dato i risultati sperati, a fronte di un enorme sforzo. Basti pensare allo sviluppo da zero della LiveWire. Ora, per correre ai ripari, Zeitz ha annunciato drastiche misure di riduzione dei costi, a iniziare dalla decurtazione del 30% sullo stipendio dei dirigenti e del 10-20% su quello dei dipendenti. Oltre a ciò, si aggiungono anche numerosi licenziamenti, per sopperire a un calo nelle vendite che gli analisti dichiarano essere del 25% circa nel 2020. L’iniezione di liquidità dovrebbe avvenire tramite la richiesta di un prestito da 150 milioni di dollari nel 2021, manovra finanziaria che un colosso come HD può senza dubbio sopportare, anche a fronte del futuro rimborso. Alla base parrebbe quindi esserci una strategia di mercato capace di stravolgere il trend negativo degli ultimi anni. Nel frattempo, il nuovo programma, “The Rewire”, prosegue su 5 punti chiave il proprio cammino:

  • Ridurre la complessità organizzativa, nel tentativo di ridurre anche i costi e promuovere la stabilità di HD.
  • Organizzare nuovamente la rete di ricambi e accessori.
  • Riprogrammare il lancio di nuovi modelli per aumentarne la redditività.
  • Dare priorità ai mercati importanti per la Casa.
  • Bilanciare l’espansione in nuovi segmenti, rafforzando i punti forza già presenti nella gamma
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli