SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Mentre Lorenzo vola, l’airbag è già in funzione

Alpinestars ha diffuso i dati del terribile incidente del campione, registrati dai sensori della sua tuta. Nel momento in cui perde il controllo a oltre 230 all’ora, l’airbag capisce il pericolo e si attiva in 220 millesimi di secondo

Mentre lorenzo vola, l’airbag è già in funzione

Si è rotto una clavicola, ma sarebbe potuta andare peggio. Se avete visto Lorenzo, sbalzato dalla sua Yamaha M1 ad altissima velocità durante la seconda sessione di prove libere sul tracciato olandese (qui la sequenza fotografica), probabilmente l’avrete pensato. E non c’è dubbio che sia la verità. La fortuna conta, ma fino a un certo punto. Se il campione spagnolo ha potuto prendere parte alla gara due giorni dopo, oltre che al coraggio e alla voglia di tornare in sella (nonché alla bravura dei medici spagnoli), lo deve all’abbondante spazio che ha trovato nella via di fuga e alla protezione che gli ha offerto l’abbigliamento tecnico, che ha contenuto i danni.

 

DECIMI DI SECONDO COME ORE

Alpinestar ha diffuso i dati acquisiti dagli accelerometri presenti nella parte superiore della sua tuta, dai quali si può ricostruire la “storia” dell’incidente (guardate qui i grafici delle forze sviluppate nel crash ad oltre 230 km/h). Il movimento della moto dovuto alla perdita di aderenza del posteriore causa una serie di picchi ritenuti inusuali dal “cervello” dell’airbag Alpinestars Tech-Air, che procede al gonfiaggio della protezione in 220 millesimi di secondo. Esattamente in quell’istante, o una manciata di millesimi dopo, Lorenzo viene sbalzato in aria: si capisce che sta volando dall’andamento lineare delle accelerazioni. L’impatto col suolo avviene dopo 6 decimi di secondo (a lui sarà sembrata un’ora, se siete mai caduti in moto capirete cosa intendiamo…), e dal picco rilevato dal sensore sulla spalla sinistra si capisce che è stata la parte del corpo che per prima ha colpito l’asfalto – infatti la clavicola rotta è proprio la sinistra. Seguono gli impatti col torso e l’altra spalla.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA