SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Marquez: pole n° 13 a Sepang. È ancora record storico

Il numero 93 ha stabilito un nuovo primato di pole-position (13 in un'unica stagione), superando Doohan e Stoner. Gran giro anche per Pedrosa, 2° davanti a Lorenzo. Rossi si deve invece accontentare della sesta posizione, alle spalle di Bradl e Dovizioso

Marquez: pole n° 13 a sepang. è ancora record storico

Dopo il brutto acquazzone di ieri, dove Lorenzo ha fatto la differenza su pista bagnata, questa mattina a Sepang i piloti della MotoGP hanno trovato sole e tanto caldo (con asfalto asciutto, ovviamente). Nel corso delle FP3 e delle FP4 ci sono state molte cadute: Iannone, dolorante al gomito a sinistro dopo il contatto con Marquez, non riuscirà a correre domani mentre Pol Espargarò salterà le Q2 (la sua M1 ha perso olio e poi si è incendiata, cliccate qui per le foto).

Ancora una volta Marc Marquez ha conquistato la prima casella della griglia di partenza: con la pole numero 13 fa la storia, mai nessuno è riuscito a partire davanti a tutti per così tante volte in una sola stagione (Doohan e Stoner si sono... fermati a 12).

Il “Cabroncito” farà la differenza anche in gara o i suoi avversari riusciranno a tenergli testa? Seguite il warm-up (qui gli orari TV) e giocate al FantaMOTOCICLISMO: fate il vostro pronostico sulle prime 5 posizioni della classe regina e a fine stagione potrete diventare tester di Motociclismo per un giorno. Per partecipare cliccate sul pulsante arancione qui sotto per partecipare:

 

 

Q1: BENE BAUTISTA E AOYAMA

Nel primo turno di qualifiche erano 12 i piloti a giocarsi l’accesso nelle Q2: Aoyama dimostra subito di trovarsi a suo agio con questa pista e mantiene la leadership fino agli ultimi minuti. Poi Bautista, con la sua Honda Factory, chiude il giro in 2’01”818 e salta in prima posizione. Sotto la bandiera a scacchi Hernandez non riesce per solo 1 decimo a soffiare la seconda piazza a Aoyama, passato in Q2 insieme allo spagnolo del Team Gresini.

 

Q2: MARQUEZ DA RECORD

A causa della caduta di questa mattina, Pol Espargarò non può correre le qualifiche e partirà in gara dalla 12esima piazza. Sfortunatamente, anche Aoyama non riesce a qualificarsi a causa della caduta nel primo giro lanciato. Nel frattempo i piloti cominiciano a darsi battaglia a suon di giri veloci, ma Marquez è subito velocissimo, uno dei pochi a scendere sotto il muro dei 2’01 insieme a Pedrosa.

Dopo un solo giro, i piloti rientrano per il cambio gomme e questa volta i due Hondisti non si risparmiano: Marc distrugge i suoi avversari con un tempo di 1’59”791, mentre Pedrosa in ritardo di due decimi conquista la seconda posizione. La prima fila viene chiusa da Jorge Lorenzo, che gira 4 decimi più lento del tempo da pole. Più in difficoltà Rossi, 6° con un giro in 2’00”740: partirà alle spalle di Dovizioso.

Domani mattina le gare inizieranno alle 6,00 (Moto3), mentre i semafori della MotoGP si spegneranno alle 9,00.

 

MOTOMONDIALE MOTOGP 2014, SEPANG – GRIGLIA DI PARTENZA

Pos.

Pilota

Nazione

Moto

Tempo

Distacchi

1

Marc MARQUEZ

SPA

Honda

1'59.791

 

2

Dani PEDROSA

SPA

Honda

1'59.973

0.182 / 0.182

3

Jorge LORENZO

SPA

Yamaha

2'00.203

0.412 / 0.230

4

Stefan BRADL

GER

Honda

2'00.472

0.681 / 0.269

5

Andrea DOVIZIOSO

ITA

Ducati

2'00.703

0.912 / 0.231

6

Valentino ROSSI

ITA

Yamaha

2'00.740

0.949 / 0.037

7

Aleix ESPARGARO

SPA

Forward Yamaha

2'00.801

1.010 / 0.061

8

Cal CRUTCHLOW

GBR

Ducati

2'01.119

1.328 / 0.318

9

Bradley SMITH

GBR

Yamaha

2'01.263

1.472 / 0.144

10

Alvaro BAUTISTA

SPA

Honda

2'02.294

2.503 / 1.031

11

Hiroshi AOYAMA

JPN

Honda

2'10.568

10.777 / 8.274

12

Pol ESPARGARO

SPA

Yamaha

   

13

Yonny HERNANDEZ

COL

Ducati

2'02.184

0.366 / 0.164

14

Nicky HAYDEN

USA

Honda

2'02.330

0.512 / 0.146

15

Karel ABRAHAM

CZE

Honda

2'02.548

0.730 / 0.218

18

Alex DE ANGELIS

RSM

Forward Yamaha

2'03.165

1.347 / 0.291

19

Danilo PETRUCCI

ITA

ART

2'03.874

2.056 / 0.709

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA