Marco Melandri: “Sono ben altri i risultati alla mia portata”

Alla scontata felicità di Rea e Davies per i risultati delle SBK a Imola, fanno da contraltare le parole di delusione (ma anche la voglia di riscatto) del ravennate dell’Aprilia, di Sykes e Giugliano

Marco melandri: “sono ben altri i risultati alla mia portata”

Dopo due gare forse non divertentissime e con l’esito forse un po’ annunciato (qui i report di Gara 1 e Gara 2), non sono pochi i piloti che vanno via da Imola con un bottino ben più magro di quanto si aspettassero o desiderassero. Ecco le gioie e i dolori della SBK in riva al Santerno raccontati direttamente dalle parole dei protagonistii.

 

Jonathan Rea

È stato un weekend perfetto! Non immaginavo di riuscire a portare a casa una doppietta, anche se sapevo che saremmo andati bene, perché adoro questa pista e la moto è andata benissimo. Sfrutteremo i test di domani per migliorare ancora le prestazioni e faremo di tutto perché questa scia positiva continui anche a Donington Park.

 

Chaz Davies

Sono state le miglior gare della stagione, senza ombra di dubbio  il miglior weekend in assoluto, e siamo andati forte fino da venerdì. È molto bello essere sul podio ed è un bel modo per ringraziare la Ducati e tutti i ragazzi, sia del team che in azienda,  per il grande lavoro che hanno fatto. Gara 1 è stata difficile, Jonathan è scappato via subito e non c’era modo di stare con lui ma c’è stata una  bella battaglia alle sue spalle. Gara 2 è stata molto simile. Abbiamo scelto un setting più o meno ‘standard’ e ho potuto girare molto bene; posso  guidare la moto quasi come vorrei, abbiamo ancora qualche problemino di vibrazione al posteriore ma domani, durante i test, lavoreremo anche su questo aspetto e sono sicuro che miglioreremo ulteriormente. Sono molto contento del doppio podio ovviamente ed è anche la conferma di quanto lavoro sia stato fatto in Ducati negli ultimi mesi, per questo voglio dedicare i risultati di oggi alla Ducati e a tutti i tifosi.

 

Sylvain Guintoli

È stata una dura battaglia in entrambe le gare. In Gara2 siamo riusciti a migliorare molto il passo. Sapevo di dover partire forte da subito, perché al momento abbiamo qualche difficoltà nella seconda parte della corsa. Ho combattuto fino alla fine, sapevo che il podio era alla nostra portata e ho stretto i denti cercando di non fare errori. Un quinto e un terzo posto non mi fanno fare i salti di gioia ma significano comunque 27 punti. So di aver dato il massimo su questa pista. Il test di domani è importante, perché potremo continuare a migliorare e a cercare nuove soluzioni per essere incisivi in tutte le condizioni.

 

Tom Sykes

Niente da dire: questo week end ci sono mancate le nostre “vere” prestazioni e non abbiamo lavorato benissimo. Credo non ci siamo resi conto che il gap fosse così ampio come si è poi dimostrato. In ogni gara abbiamo avuto qualche limitazione e purtroppo, a questo livello, non puoi correre sopra i problemi e fare un buon risultato. Sarà una buona lezione, di sicuro. Non è stato il week end più facile per noi, ma non puoi sempre averne di perfetti! Ora andiamo avanti, arriva una serie di circuiti buoni per noi.

 

Loris Baz

Non mi aspettavo così tanto dalle gare dopo i risultati del venerdì, ma abbiamo cambiato la moto e trovato buone soluzioni, quindi abbiamo guadagnato fiducia. Già nel warm up mi sono sentito davvero veloce. Gara 1 è andata bene, ma avevo ancora qualche problema in uscita di curva, dove perdevo metri e mi ritrovavo sempre troppo lontano per tentare sorpassi. In Gara 2 abbiamo fatto una piccola modifica e migliorato il set up, così ho provato a controllare la gara. Ho perso 1,7 secondi in un giro dietro a Giugliano quando lui ha avuto un problema. Tom e Chaz lo hanno passato facilmente, mentre io ho dovuto aspettare, ma comunque credo che sarei finito al massimo terzo. Sono felice del doppio 4° posto: ora in classifica ci sono 4 piloti in 20 punti e la lotta per il titolo è serrata. Andiamo bene anche nel campionato Costruttori. Ora tutto può succedere e arriverà la nostra pista!

 

Marco Melandri

È stata una domenica di gare deludente, decisamente sotto le attese, che erano tante perché il weekend era iniziato bene, venerdì e sabato sono stati positivi e sembrava di aver imboccato la via giusta. Questo significa che il lavoro da fare è ancora tanto, sono ben altri i risultati alla mia portata ma questo è lo sport a questo livello”. 

 

Davide Giugliano

Non è stata la giornata che mi aspettavo ma in ogni modo devo per forza guardare il lato positivo, ovvero il fatto che abbiamo raccolto dati importanti per migliorare ancora ed evitare, in futuro problemi come quelli occorsi in gara 2. Purtroppo una scivolata nella prima manche che ha compromesso una gara che non era, comunque, partita bene. Ho recuperato velocemente su quelli davanti ma purtroppo sono caduto e non c’è stato più nulla da fare. Nella seconda sono partito forte, ero più veloce di Sylvain ma, dal quinto o sesto giro, ho accusato un calo drammatico e ho perso tanto terreno. Comunque domani abbiamo dei test e lavoreremo forte  per essere ancora più competitivi a Donington

 

Niccolò Canepa

Dopo il primo stop di gara uno, dovuto ad un insignificante problema, avevo resettato la testa per la seconda gara. Ero partito forte ed ero saldamente al comando per poter amministrare il vantaggio sui miei avversari. Purtroppo ho sentito il motore ammutolirsi che mi ha costretto all’ennesimo stop forzato. E’ incredibile che tutto questo sia successo in una sola giornata , proprio quando ero al comando. Ho dato il mio massimo e mi aspettavo di uscire da Imola con un risultato più positivo per me e per la squadra. Sono comunque consapevole di aver fatto il mio dovere e di aver dimostrato che posso essere competitivo in tutte le gare. Ora sono secondo in campionato di pochi punti dietro a Salom, ma la mia testa è già proiettata a Donington, dove salvo complicazioni cercherò di riacciuffare la vetta in campionato con due bellissime prestazioni.

 

Toni Elias

Sono stati due corse positive. Sono riuscito a fare due buone partenze, ma nella prima gara ho avuto un contatto che mi ha fatto perdere due posizioni, e mi mancava anche trazione, soprattutto all'uscita delle chicane. Ma per la seconda gara abbiamo fatto alcune modifiche. La frenata è peggiorata , ma ho guadagnato un po' più di trazione. Sono stato in grado di superare i piloti che nella prima gara ho potuto solo raggiungere, soprattutto a serbatoio vuoto. Siamo riusciti a portare a casa il risultato dopo Venerdì e Sabato un po' complicati. Imola è stata la pista più critica in termini di regolazioni, ma alla fine siamo riusciti ad essere veloci, soprattutto alla fine della corsa. Oggi continueremo a lavorare qui in una giornata di test dove continueremo il nostro lavoro di set-up, e pensando di Donington.

 

Leon Haslam

Abbiamo fatto un passo avanti eppure dalle prove libere dewl venerdì mattina abbiamo perso un secondo… Dall’essere in grado di girarre in “47”, “48 basso” con gomme usate, in ggara abbiamo fatto solo dei “48”-“49”. Quindi per me non è stato un gran week end, ma è stato ottimo per il team. Certo, uno vuole sempre battere il proprio compagno di squadra, ma è positivo che la moto mostri delle potenzialità, la considero una cosa positiva. Anche la vittoria in Supersport è stata una gran cosa per il team, anche se forsse aggiunge ancor più peso alla mia frustrazione se penso a quanto sarebbe potuta essere una buona giornata anche per me…Ora abbiamo un test qui, spero che troviamo soluzioni e spiegazioni al calo di prestazioni tra prove e gare. Conosco bene Donington e credo che la moto andrà bene: spero che la mia stagione cominci lì.

 

Eugene Laverty
Una giornata deludente e difficile, per me e per il team. Ora dobbiamo lavorare su nuove strategie, per il freno-motore, un ambito importante per provare il quale Imola credo sia la pista ideale. Il problema si è evidenziato qui così tanto, che se dobbiamo scegliere un posto dove cercare di migliorarlo, qui è il posto ideale. Per Donington sono determinato a tornare davanti.


Alex Lowes

I risultati non sono stati grandiosi, ma è stata una buona gara. Ho provato con tutte le mie forze in Gara 2, ho spinto fino alla fine. Sono anche uscito di pista cercando di passare Laverty, mi si è chiuso lo sterzo e sono dovuto andare sulla sabbia. Non è stato bello, anche perché ho perso 133 secondi. Non fosse stato per quello avrei potuto ottenere un buon risultato. Ma ce l’ho messa tutta e migliorerò. Sono felice di essere al Mondiale e sto cominciando a capire la GSX-R sempre di più. Ora ci concentriamo sul test e sulla prossima, a Donington.


Claudio Corti

Week end difficile… Ci aspettavamo una tappa non facile, ma nessuno avrebbe potuto immaginare che sarebbe andata così! Qui a Imola, sulla pista di casa, era importantissimo per MV mostrare delle potenzialità. Sono deluso. In Gara 1 ho fatto un errore alle Acque Minerali, ed è l’unica ragione per cui non siamo andati a punti. Saremmo potuti entrare nei 15 in Gara 2, ma a metà gara ho sentito che qualcosa non andava sulla moto. C’era un buco nel radiatore e ho perso acqua. La temperatura è salita fino a 140 gradi, così sono subito tornato ai box. Ma dobbiamo continuare a lottare, il progetto deve vivere! Stiamo aspettando un motore nuovo per Sepang e ci crediamo molto. Lo staff della Superbike resta in pista per il test, dove proviamo un nuovo forcellone e altre parti. Vedremo, credo che possiamo migliorare la moto.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA