21 October 2015

Capirossi nei guai con il fisco: lo Stato gli chiede 12 milioni di euro

La Guardia di finanza ha contestato a Loris Capirossi diverse irregolarità sulle imposte versate dopo il suo trasferimento a Montecarlo. I ricorsi del pilota non sono andati a buon fine e ora lo Stato italiano batte cassa

DAL 1994 RESIDENTE A MONTECARLO

Dopo essersi tolto i panni da pilota nel 2011 e dopo aver conquistato tre Titoli Mondiali (1990 e 1991 in 125 cc e 1998 in 250 cc), Loris Capirossi ha indossato quelli del responsabile della sicurezza Dorna e quelli del commentatore tecnico in TV, al fianco di Giudo Meda durante le gare della MotoGP. Nel pieno della sua carriera da pilota (1994) Loris ha trasferito la sua residenza a Montecarlo, dove tuttora vive con la moglie Ingrid Tence e il figlio Riccardo. Nel corso degli anni la Guardia di Finanza gli ha però contestato diverse irregolarità sulle imposte versate dopo il suo trasferimento e ora lo Stato italiano pretende dal pilota ben 12 miloni di euro. 
1/14 Loris Capirossi, dopo aver tolto i panni del pilota ha vestito quelli del responsabile della sicurezza Dorna

IRREGOLARITÀ SULLE IMPOSTE VERSATE IN 11 ANNI

La cifra richiesta sarebbe frutto di una serie di vertenze che Capirex ha avuto con il fisco negli anni che vanno dal 1994 al 2003 e comprensiva di imposte, sanzioni e interessi. Le sentenze relative alle contestazioni della Guardia di Finanza sono tutte transitate per la via dei ricorsi alle commissioni provinciali e regionali, fino alla corte di Cassazione, ma successivamente sono tutte passate in giudicato (ovvero è scaduto il termine per poterla impugnare e nessun giudice può pronunciarsi nuovamente). L’unico anno, di quelli presi in esame, in cui Loris ha avuto ragione è stato il 2002, per il quale Capirossi non dovrà pagare nulla. Per tutti gli altri anni invece le contestazioni riguardano i riflessi fiscali della residenza monegasca di Capirossi. Il legale di Loris, l’avvocato Salvatore Cantelli, ha dichiarato che “le sentenze della Suprema Corte sono state rese in violazione di alcuni principi fondamentali e per tutti gli anni oggetto di contenzioso, c’è sempre stata archiviazione dei procedimenti penali per infondatezza della notizia di reato”.
Loris va dunque ad aggiungersi al lungo elenco di piloti che hanno avuto un complicato rapporto con il fisco, elenco del quale fanno parte anche BiaggiRossi e Melandri, ma anche Jorge Lorenzo, uscendo dall'Italia. 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA