26 March 2014

“Revisione anche per il casco”

Un lettore propone di sottoporre il casco a controlli periodici insieme alla moto. Idea balzana o utile per la sicurezza? Dite la vostra

“revisione anche per il casco”

Per la lettera della settimana pubblichiamo la curiosa proposta di un lettore per mantenere controllato ed efficiente il casco. Oggettivamente, in giro si vedono molti caschi decisamente vecchi. Voi da quanti anni non cambiate il vostro? Potrebbe esistere, a vostro parere, un modo non burocratico per garantire il ricambio di quelli obsoleti? E, infine, che ne pensate della proposta del lettore?

 

CASCO, IL NUMERO SUL LIBRETTO DELLA MOTO

Caro direttore, sensibili come siete al problema sicurezza sulle strade sarete già in moto per quanto segue: sarebbe ora di segnalare sulla carta di circolazione del mezzo a due ruote il codice del proprio personale casco omologato, soggetto a verifiche e revisione sia ai fini della sicurezza che assicurativi, come fosse parte integrante del mezzo. Si vedono sempre più spesso ragazzi con (presunti) caschi di dubbia provenienza e epoca di produzione.

Paolo Orizi - Civitanova Marche (MC)

 

INUTILE E COMPLICATO

Caro Paolo, non ci sembra proprio il caso di incrementare la burocrazia e le complicazioni ai motociclisti. E se uno ha più caschi? E se lo cambia? E quello del passeggero? E quando vendi la moto? Il casco deve essere omologato e saggezza vuole che venga sostituito ogni 4/6 anni a seconda dell’uso che se ne fa. Per aumentarne la vita ricordate di non lasciarlo sopra il tappo del serbatoio: i vapori di benzina alla lunga danneggiano il polistirolo della calotta interna. Nei limiti del possibile, poi, cercate di non esporlo al troppo caldo, all’umidità e alla polvere.

 

ALTRE LETTERE PUBBLICATE E DISCUSSE

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA