Statistiche web
08 June 2009

La regina di Vallelunga è Paola Cazzola: 31 anni e carattere da vendere, batte 39 uomini nella R6 Cup

Sul circuito romano, la trentunenne vicentina Paola Cazzola, che dell’associazione donne e motori fa un tutt’uno, ha vinto la terza prova del trofeo monomarca R6 Cup, lasciandosi dietro 39 uomini: “Ci speravo perché nelle prove avevo un buon ritmo. È bello vedere come sia cambiato il mondo delle corse: una volta gli uomini sarebbero stati umiliati dal fatto di aver perso contro una donna, invece oggi mi chiedono consigli”.

La regina di vallelunga è paola cazzola: 31 anni e carattere da vendere, batte 39 uomini nella r6 cup


Campagnano (ROMA) 7 giugno 2009 – All’autodromo di Vellelunga, la trentunenne vicentina Paola Cazzola, che dell’associazione donne e motori fa un tutt’uno, ha vinto la terza prova del trofeo monomarca R6 Cup, lasciandosi dietro 39 uomini al traguardo del Gruppo A. la seconda posizione è andata a Giampietro Avanzi (Motorcenter Gatti). Terzo il leader di classifica Stefano Casalotti (Bottega della Moto). La gara non è stata priva di colpi di scena e lo spettacolo ha entusiasmato tutti, soprattutto quando Paola, che aveva fatto segnare il terzo tempo nelle prove, si è inserita nel gruppo di testa formato da altri tre piloti, con cui la ragazza ha cominciato a battagliare siano ad avere le meglio allo sventolare della bandiera a scacchi. Il primo evento che ha rimescolato le carte è stata la caduta di Alessandro Celestini (Celestini), quando mancavano tre giri al termine e sembrava il favorito per il primo gradino del podio, grazie ad un passo molto sostenuto, un ritmo che sembrava non irraggiungibile dagli avversari, ma che gli è costato l’errore. È rimasto in testa Avanzi, che ha dovuto fare i conti con le insidie della Cazzola alla ricerca del ruota a ruota, mentre perdeva strada Casalotti, il quale non ha voluto spingere più di tanto e ha preferito salvare gara, punti e vertice della classifica. Nel giro finale Paola si è fatta sotto e Avanzi ha accelerato nel tentativo di resistere, ma è arrivato lungo, lasciando il via libera verso l’arrivo alla 31enne vicentina. Ha detto la Cazzola: “Ci speravo perché nelle prove avevo un buon ritmo. È bello vedere come sia cambiato il mondo delle corse: una volta gli uomini sarebbero stati umiliati dal fatto di aver perso contro una donna, invece oggi mi chiedono consigli” e lei ne ha da dare, perché nella sua carriera è stata vice iridata del campionato femminile di motocross, categoria in cui ha corso dal 1993 al 1999. Dopo un periodo con le moto d’acqua, ha ricominciato a gareggiare su due ruote nella Supermotard. Si è rotta le clavicole ed i legamenti, ma non ha mollato le corse. Dal 2005 ha vinto tre titoli italiani e due europei donne.

GARA: 1. Paola Cazzola in 24’11”907 alla media di 122,289 km/h; 2. Avanzi (Motorcenter Gatti) a 0”634; 3. Casalotti (Bottega della Moto) a 11”568; 4. Mauri a 39”881; 5. Viglieno (Celestini) a 39”881.

IN CAMPIONATO DOPO 3 PROVE SU 6: 1. Stefano Casalotti (Bottega della Moto) punti 508; 2 Franco Carta 404; 3. Giampietro Avanzi (Motor Center Gatti) 387; 4. Paola Cazzola 326; 5. Mitja Emili (Moto Shop Due) 313; 6. Roberto Miele (F.lli Valli) 232; 7. Andrea Spadaro 228; 8. Iuri Vigilucci (Imperiale Moto) 222.
© RIPRODUZIONE RISERVATA