di Beppe Cucco - 10 settembre 2019

Radar “anti-incidenti” sulla KTM 1290 Super Adventure 2020

Alcune foto spia ci mostrano quella che sarà la nuova KTM 1290 Super Adventure 2020. Tante le modifiche, dal telaio alle sovrastrutture fino all’elettronica, che vedrebbe l’arrivo del radar “anti-incidenti”, con cruise control adattivo e rilevatore di angolo cieco

1/6

KTM 1290 Super Adventure 2020

Con l’avvicinarsi di Eicma 2019 si fanno sempre più frequenti gli avvistamenti dei nuovi modelli che vedremo al Salone di Milano. In casa KTM, dopo le foto delle nuove 1290 Super Duke GT, 890 Duke R e 890 SMT ecco spuntare le foto della versione 2020 della 1290 Super Adventure.

Guardando le immagini notiamo subito che l’omologazione Euro 5 ha richiesto l’adozione di un terminale di scarico notevolmente più voluminoso rispetto a quello che troviamo sull’attuale versione della maxi adventure di Mattighofen. Il motore non dovrebbe subire grandi modifiche, e ci si aspetta che il bicilindrico a V di 75° sia in grado di erogare una potenza uguale o superiore agli attuali 160,5 CV.

Aggiornamenti più rilevanti dovrebbero riguardare invece telaio, telaietto posteriore e forcellone, ma dalle prime immagini circolanti è difficile giudicare. Facile ipotizzare modifiche su questi componenti studiate per limitare il peso della moto. Confermata invece la coppia di sospensioni semi-attive WP, che potrebbero però ricevere una nuova configurazione.

1/6

KTM 1290 Super Adventure 2020

Quello che salta subito all’occhio, invece, sono le nuove sovrastrutture, che riprendono in parte le linee della sorella minore 790 Adventure, dalla quale sembra arrivare anche il serbatoio posizionato nella zona inferiore della moto. Soluzione questa adottata per abbassare il baricentro e per offrire maggiore protezione aerodinamica alle gambe del pilota.

Al centro del faro anteriore troviamo una zona “vuota”, che potrebbe alloggiare il radar “anti-incidenti” firmato Bosch. Se così fosse il sistema potrebbe includere ACC - Adaptive Cruise Control, Forward collision warning e Blind spot detection; vediamo nel dettaglio come funzionano:

  • ACC - Adaptive Cruise Control: regola la velocità del veicolo in base al flusso del traffico e mantiene la distanza di sicurezza necessaria. In questo modo si possono prevenire i tamponamenti causati da una distanza di sicurezza insufficiente.
    Forward collision warning: un sistema di allarme di collisione in grado di ridurre il rischio di tamponamento o per attenuarne le conseguenze. Il sistema si attiva all’accensione del veicolo e se rileva che un altro veicolo è pericolosamente vicino e il conducente non reagisce alla situazione, lo avverte con un segnale sonoro o visivo.
    Blind spot detection: questo sistema tiene monitorato l’intero campo visivo intorno alla moto per aiutare i motociclisti a cambiare corsia in modo sicuro. Un sensore radar funge da occhio elettronico del sistema di riconoscimento del punto cieco e rileva gli oggetti nei punti difficili da vedere. Ogni volta che un veicolo entra nel punto cieco del pilota, la tecnologia lo avvisa tramite un segnale visivo, ad esempio tramite lo specchietto retrovisore.

Non ci resta che aspettare il Salone di Milano per saperne di più sulla nuova KTM 1290 Super Adventure 2020.

1/6 Bosch ha sviluppato un sistema di allarme di collisione per i motocicli per ridurre il rischio di tamponamento o per attenuarne le conseguenze
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli