Kiara Fontanesi: il video celebrativo del titolo WMX 2015

L’impresa della Kiara nazionale del Motocross - vincere il 4° titolo iridato consecutivo - rimarrà negli annali di questo sport. Vale la pena, pertanto, riassumere la sua stagione agonistica 2015, sfogliare la gallery a lei dedicata e cliccare play sul video "made in MXGP"

Kiara fontanesi: il video celebrativo del titolo wmx 2015

Che Kiara Fontanesi fosse un fenomeno lo sapevamo già. Il primo titolo iridato è arrivato addirittura nel 2012, quando la ragazza aveva solo 18 anni! Da quel momento Kiara non si è più fermata, vincendo anno dopo anno, lottando gara dopo gara, sino a calare il poker di titoli mondiali lo scorso weekend in Repubblica Ceca (qui il report della corsa, qui la gallery). La fortuna, questa volta, è stata dalla sua parte, mettendo fuori dai giochi la sua avversaria Livia Lancelot (Kawasaki), la quale però non ha mancato di abbracciare e complimentarsi con l’italiana sul podio di Loket (qui tutte le foto della stagione 2015 di Kiara). Ecco qui sotto il breve video celebrativo.

La stagione 2015 di kiara fontanesi

Per la stagione 2015 Kiara Fontanesi decide di proseguire la sua avventura con la Yamaha YZ250F, moto con la quale sembra trovarsi molto bene su tutti i tipi di terreni (anche se l’abbiamo vista divertirsi in allenamento con una YZ 125…). In sella alla blu giapponese, la forte crossista parmense ottiene 3 vittorie di GP su 6 disputati (Thailandia, Francia e Germania).

Pronti via, nell’appuntamento serale del Qatar (1° round sia per la serie MXGP sia per la WMX), Kiara conquista due secondi posti dietro alla sua avversaria più forte, la francese Livia Lancelot, determinata a interrompere la striscia positiva di titoli all’azzurra, ma già dal secondo round la situazione si ribalta. Nell’afosa corsa della Thailandia Lancelot subisce maggiormente il caldo rispetto all’avversaria, la quale fa doppietta e azzera il distacco da Livia. Ora la tabella rossa passa nelle mani di Fontanesi, ma la strada verso il titolo è ancora lunga e in salita. Salita che diventa più ripida dopo il GP della Gran Bretagna, nel quale la parmense ottiene solamente 5 miseri punti in Gara1 a causa di cadute ripetute ed errori su errori. Lancelot può tirare mezzo sospiro di sollievo, riprendersi la tabella rossa e godersi il momentaneo vantaggio. Il recupero al quale è chiamata Kiara arriva già nel Gran Premio successivo, in Francia. Sul terreno di Villars sous Ecot, Fontanesi fa capire a tutti di che pasta è fatta e vince Gara2. Gara1, invece, viene ricordata come una delle manche più emozionanti della storia del motocross femminile: proprio nel GP di casa Livia sbaglia ripetutamente ed è costretta ad una rimonta dalle retrovie. Il ritmo imposto dalla francese è sufficiente per riacciuffare, all’ultimo giro, l’italiana, la quale si trovava in testa dall’inizio della manche. Ricordate il salto d’arrivo del GP della Francia? Quello che scendeva e poi saliva, fatto al contrario insomma. Bene, Kiara prende la traiettoria esterna – in teoria quella ideale - per arrivare sull’altra sponda, Livia invece stringe la curva e lancia la moto contro il salto (qui la foto). Morale: la manche va a Lancelot per una manciata di millesimi, ma Fontanesi vince il GP e recupera punti importanti in Campionato. A Teutschethal (Germania) l’italiana è protagonista di un’altra splendida gara, dove vince sia il sabato che la domenica (nel WMX Gara1 è il sabato pomeriggio e Gara2 è la domenica mattina). Lancelot non molla e chiude seconda, perdendo altri 6 punti. Si arriva così all’ultimo Gran Premio con Lancelot in testa per soli 2 punti su Fontanesi. Gara1 vede una Nancy Van de Ven scatenata in sella alla sua Yamaha. Lancelot e Fontanesi non possono far altro che chiudere rispettivamente seconda e terza. Ora, però, il vantaggio della francese è di 4 punti. Kiara non dorme sonni tranquilli a Loket. Il giorno dopo, quando tutto sembra esser pronto per Gara2, ecco che nel giro di ricognizione la Kawasaki di Lancelot si ammutolisce e la lascia a piedi. Il ritiro è forzato. La francese non può schierarsi al via della seconda manche. Il che vuol dire che a Kiara basterebbero 5 punti per laurearsi Campionessa. Ma lei non si accontenta e ne conquista ben 22, lasciando la gioia della vittoria ancora una volta a Van de Ven, decisamente in giornata di grazia. Certo, il pizzico di fortuna c’è stato, ma è anche valido il fatto che Kiara Fontanesi questo titolo se l’è sudato parecchio. E l’ha cercato, anche quando sembrava ormai tutto perso. Lottatrice fino in fondo, brava! Kiara, sei un esempio per tutti gli italiani, ci hai insegnato a non mollare mai. Nel Motocross così come nella vita. Goditi questo meritato titolo e trascorri una buona estate, che il prossimo anno il Mondiale inizia di nuovo!

 

Le parole di kiara

"Non ho mai smesso di credere che potevo farcela, sapevo che avrei potuto vincere perché la velocità non mi mancava e quando si è quasi tre secondi più veloce di chiunque altro su questa pista (Loket, n.d.r.), allora significa che si può fare la differenza. Sono davvero felice ad essere la prima donna a vincere quattro titoli di fila. Questo è veramente ottimo e stiamo lavorando bene con la squadra. Ho conquistato la pole ad ogni gara, ciò mi è stato d’aiuto per sapere che stiamo lavorando nel modo giusto".

 

Kiara fontanesi - biografia e carriera

  • Numero: 8
  • Classe: WMX
  • Moto: Yamaha YZ250F
  • Nazionalità: italiana
  • Data di nascita: 10/03/1994
  • Sito web: www.kiarafontanesi8.com
  • Prima gara disputata: Sevlievo, Bulgaria 2009
  • Titoli mondiali: 4
  • Primo titolo mondiale: 2012
  • GP vinti: 14
  • Prima vittoria: Vantaa, Finlandia 2011
  • Ultima vittoria: Teutschenthal, Germania 2015

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA