Kawasaki richiama la Ninja H2 per un problema alla centralina

Le Kawasaki Ninja H2 sono oggetto di una campagna di richiamo, per un possibile errore della centralina di controllo del motore che potrebbe rendere impossibile il cambio marcia. Sono più di 3.000 le moto interessate in Europa

1/24

Kawasaki ha avviato in tutto il Mondo una campagna di richiamo che interessa i modelli della gamma Ninja H2, a causa di un problema alla centralina di controllo del motore (ECU) che alla potrebbe danneggiare la trasmissione.

I modelli interessati sono i seguenti:

  • Kawasaki Ninja H2 SX 2018
  • Kawasaki Ninja H2 SX SE 2018
  • Kawasaki Ninja H2 SX SE + 2019-2020

Per un totale di 3.280 Ninja H2 richiamate in Europa.

Nel dettaglio sembrerebbe che il problema sia legato a una programmazione errata della ECU, che rende l'unità incapace di controllare gli aumenti improvvisi dei giri del motore quando avviene un “cambio mancato”, ovvero quando la marcia superiore non entra correttamente. Quando le marce si reinnestano ad un regime motore elevato, lo shock può causare danni al rapporto, con conseguente impossibilità di cambiare marcia. Se la trasmissione si bloccasse a causa di un rapporto rotto, potrebbe causare il blocco del motore e potenzialmente la perdita di controllo del veicolo. Diversi casi del problema sono stati segnalati da maggio 2018, in cui i motociclisti si sono trovati nell'impossibilità di passare dalla 4a alla 5a marcia. Per fortuna, non sono stati segnalati arresti anomali in relazione al problema.

Sebbene i componenti della trasmissione siano condivisi tra Ninja H2 e Z H2, Kawasaki conferma che la Z H2 non è interessata dal problema.

Tutti i proprietari di uno dei modelli coinvolti dalla campagna di richiamo verranno avvisati per posta e invitati a portare la propria moto in concessionaria per sistemare il problema. Kawasaki correggerà l’errore con un nuovo software per il controllo del motore. La durata dell’intervento è stimata in circa 20 minuti.

1/17 Kawasaki Ninja H2 2019

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA