Kawasaki presenta la nuova Z650RS

Kawasaki amplia l’offerta delle moto in salsa vintage con la nuova Z650RS, ispirata alla Z650-B1 lanciata nel 1977. La nuova retrò di Akashi è spinta da un bicilindrico parallelo capace di erogare 68 CV, ma disponibile anche in versione 35 kW per chi possiede la patente A2

1/55

1 di 3

Kawasaki amplia la gamma delle sport-retrò con una moto che trae ispirazione dalla storia del marchio, in particolare dalla Z650-B1 del 1977. Il nuovo modello si chiama Z650RS e ripete lo schema già visto sulla sorella maggiore: tecnologia moderna, linee vintage.

Il cuore della nuova moto è una versione aggiornata del bicilindrico parallelo di 649 cc di Kawasaki, raffreddato a liquido, utilizzato negli attuali modelli Z650 e Ninja 650. La Z650RS è dotata di frizione assistita e antisaltellamento. La Z650RS è stata sviluppata per avere una risposta piena ai bassi e medi regimi, oltre alla caratteristica erogazione agli alti regimi, il motore ha una potenza di 68 CV (50,2 kW) e sarà disponibile presso i concessionari Kawasaki anche in versione 35 kW per poter essere guidata possessori di patente A2.

1/5

Il telaio è di tipo a traliccio tubolare. Con corpo centrale della moto rastremato, la Z650RS 2022 consente ai motociclisti di raggiungere facilmente con i piedi il suolo; l'altezza della sella sarà di 820 mm con un'opzione di sella ribassata a 800 mm come accessorio. Concentrandosi sulle sospensioni, l’avantreno presenta forcelle convenzionali da 41 mm, la sospensione posteriore horizontal link agisce su un ammortizzatore regolabile nel precarico.

La frenata è affidata a pinze anteriori a doppio pistoncino che agiscono su dischi da 300 mm in stile retrò, invece dei consueti dischi a margherita di Kawasaki, mentre nella parte posteriore un freno a pistoncino singolo agisce su un disco da 200 mm, il tutto assistito dall'ABS Bosch.

1/4

Lo stile della Z650RS è completamente nuovo. Evocando la Z650-B1, la vernice e le grafiche sono una fedele riproduzione della versione verde della già citata Z, mentre l'iconica "coda d'anatra" e i pannelli laterali fedelmente realizzati rendono omaggio alla moto presentata nel 1977. Un faro tondo a LED illumina la strada mentre la strumentazione a forma di "proiettile" in stile analogico include un pannello centrale digitale. A completare il look troviamo ruote a razze in lega di colore dorato. Tre i colori disponibili: nero, verde, grigio/nero.

1/6

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA