Statistiche web
04 February 2009

Kawasaki per il sociale: all’asta su eBay una Z750 special, il ricavato ai bambini del Nepal

Kawasaki ha fatto interpretare la livrea della naked Z750 a un gruppo di giornalisti, con l’iniziativa “K-reazioni instrada lo stile”. I partecipanti dovevano personalizzare la moto, secondo il proprio gusto. Fra le vincitrici di ogni categoria è stata estratta la moto che la Casa di Akashi farà realizzare e metterà all’asta su eBay, donando il ricavato all’Associazione Amici dei Bambini.

Kawasaki per il sociale: all’asta su ebay una z750 special, il ricavato ai bambini del nepal





Milano 3 febbraio 2009
- Kawasaki ha lanciato un’iniziativa riservata ai giornalisti della moto, i quali sono stati invitati dalla Casa di Akashi ad interpretare la livrea che secondo loro fosse ideale per la Z750. La 750 di Akashi, nel 2008, è stata la naked più venduta in Italia con 6.745 veicoli. Il progetto grafico è stato chiamato “K-reazioni instrada lo stile”. I giornalisti hanno personalizzato la grafica della Z750 secondo cinque caratteri: “la più … kawa inside”, “la più … cool”, “la più … must have”, “ la più … chic”, “la più … glam rock”. Fra le vincitrici di ognuna delle cinque categorie, è stata estratta quella interpretata in stile glam rock. Lo scopo dell’iniziativa Kawasaki era la beneficienza: la livrea della glam rock estratta sarà realizzata a mano dalla società Dox Design (www.doxdesign.com ) e la Z750 in versione special sarà messa all’asta su eBay dal 23 febbraio al 2 marzo nella sezione delle aste sociali. Il ricavato sarà devoluto all’Ai.Bi., l’Associazione Amici dei Bambini, che promuove il progetto “Il Diritto di Essere Figlio” a sostegno delle famiglie nepalesi. Ai.Bi è attiva a Kathmandu con il Day Care Center “Paani – Jeval Jall” che, tramite un’equipe di insegnanti e assistenti sociali, si prende cura dei piccoli abbandonati o provenienti da genitori estremamente poveri. Nel centro diurno Paani – Jeval Jall i bambini imparano un metodo di studio e le basi della lingua inglese, oltre a ricevere cibo e cure sanitarie. Ai.Bi si preoccupa di togliere dalla strada i bambini del Nepal e fargli frequentare la scuola, perché possano avere una buona istruzione e quindi un futuro migliore nel mondo del lavoro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA