di Alessandro Perelli - 30 novembre 2019

Kawasaki Ninja ZX-6R: i consigli per scegliere un buon usato

La Kawasaki Ninja ZX-6R è una moto che tiene bene il valore dell'usato (circa 5.000 euro per un modello Euro 3 del 2011) grazie alle sue doti dinamiche e alla buona affidabilità complessiva, però non ha l'ABS. Ma se non volete cantonate occhio a…

1/19

Kawasaki Ninja ZX-6R 2011 - 2013

1 di 4

La ZX-6R costruita negli anni dal 2011 al 2013 è un esempio di moto sportiva di seconda mano tuttora divertente, affidabile ed economica. Pur mantenendo un buon valore residuo, sono sufficienti poche migliaia di euro per un esemplare pronto ad affrontare cordoli o tornanti di montagna. La sua posizione costante fra le prime 40 moto "cliccate" (su un campione di migliaia) nelle pagine web di un sito di riferimento come subito.it ne è, semplicemente, la conferma.

Costruita a partire dal 2009, questa versione della Ninja 600 è accompagnata dalla “sorella” ZX-6R 636, di maggiore cilindrata e, per certi versi, più adatta a un uso stradale. Questa, invece, è una moto dalle spiccate caratteristiche "pistaiole", che nel 2012 ha vinto il Mondiale Supersport e si è aggiudicata diverse comparative di Motociclismo (aprile 2011, ottobre 2011 e giugno 2012), a riprova della bontà del progetto. Tenete presente che la Ninja ZX-6R di quegli anni è stata oggetto di una campagna di richiamo (trovate i dettagli in fondo all'articolo) riguardo il regolatore di tensione. Per verificare se l'esemplare è stato aggiornato recatevi presso un concessionario ufficiale e comunicate il numero di telaio per risalire allo storico degli interventi.

1/19

Kawasaki Ninja ZX-6R 2011 - 2013

Andando più a fondo nell'ispezione, ricordatevi che sulle moto sportive l'utilizzo di filtri aria più permeabili è una pratica comune da parte degli utenti. Questi elementi hanno una trama più larga rispetto agli originali e, se usati per lungo tempo senza la corretta pulizia, è possibile che polvere e microscopici detriti siano passati dall’airbox per raggiungere il corpo farfallato, che su questa moto è particolarmente sensibile alla sporcizia, pregiudicandone il corretto funzionamento. Nei casi peggiori, tali residui possono essere aspirati nel gruppo termico, causando un'usura anomala di pistone e canna del cilindro. Se usate la moto su strada e non in pista è molto meglio il filtro originale, che costa poco più di quaranta euro. In genere è meglio prendere le distanze da esemplari “taroccati” ma nel caso la motocicletta monti un terminale di scarico after-market, questo deve essere omologato e avere la valvola parzializzatrice, come l’originale. Senza di essa, innanzitutto compare un codice di guasto sulla strumentazione, inoltre i gas di scarico escono troppo rapidamente e in eccesso, anche a basso regime. Al contrario, la valvola regola correttamente il flusso dei gas al comando dell’acceleratore e il quattro cilindri può esprimere tutte le sue prestazioni senza essere penalizzato.

Il motore, pur essendo molto "spinto" (213,7 CV/litro), non ha manifestato difettosità importanti, se non a causa di un utilizzo più gravoso o per scarsa manutenzione. Però, accendetelo e portatelo fra 2.000 e 3.000 giri per "ascoltarlo". Se rilevate una rumorosità anomala potrebbe esserci un problema al tenditore della catena di distribuzione. Non è grave, ma per ripristinare la corretta tensione è necessario l'intervento di un'officina specializzata, che può risolvere l'inconveniente durante una delle manutenzioni periodiche, senza costi aggiuntivi.

Infine, una piccola curiosità: Kawasaki produceva un modello con potenza ridotta a 25 kW per essere guidato in Italia anche dai neopatentati. Ha avuto un buon successo, perciò non è complicato trovarne uno di seconda mano per esordire nel mondo delle supersportive quattro cilindri appena conseguita la prima patente. Oltre a ciò, è bene controllare:

  • Cuscinetti di sterzo in ordine: se sterzando a destra e sinistra il manubrio è "duro" o poco fluido nel movimento, bisogna controllare i cuscinetti ed eventualmente ripulirli dal grasso, che potrebbe essersi seccato, ripristinando la corretta lubrificazione. Su esemplari con oltre 40.0000 chilometri è necessario sostituire i cuscinetti di sterzo.
  • Attenti alla frizione: controllate il leveraggio della frizione sul carter. Se è spostato in avanti, fino a mezzo centimetro verso il registro del cavo, è sinonimo di usura anomala del puntalino spingi frizione e del leveraggio stesso. Questo inconveniente causa una insufficiente apertura dei dischi frizione e quindi difficoltà nella cambiata.
  • Coperchio valvole pulito: sui modelli del 2011 è possibile trovare perdite d'olio dalla guarnizione del coperchio valvole a causa dell'indurimento della stessa dovuto all'anzianità della moto. Chiedete di smontare la parte alta della carenatura per una verifica di quella zona. La guarnizione costa 35,9 euro.
  • Niente residui nel serbatoio: se il tubo di scarico acqua del tappo serbatoio non è posizionato correttamente, per esempio dopo una manutenzione, impedisce l’evacuazione dell'acqua piovana o di lavaggio, che attraverso gli sfiati può entrare nel serbatoio. Questo causa ruggine interna. Verificate che tutto sia ok, sono sufficienti serbatoio vuoto e una lampadina flessibile.
1/19

Il frontale della Kawasaki Ninja ZX-6R 2011 - 2013

  • Carena superiore: 306,4 euro
  • Carena inferiore: 174,4 euro
  • Coppia pastiglie freno anteriore: 129,8 euro
  • Fanale anteriore: 461,3 euro
  • Filtro aria: 41,4 euro
  • Filtro olio: 11,1 euro
  • Leva freno anteriore: 58,1 euro
  • Leva frizione: 15,8 euro
  • Parafango anteriore: 150,6 euro
  • Pastiglie freno posteriore: 64,9 euro
  • Pedale freno: 68,8 euro
  • Pedale cambio: 93,3 euro
  • Regolatore di tensione: 242 euro
  • Ruota anteriore: 744,2 euro
  • Ruota posteriore: 910,2 euro
  • Specchio retrovisore: 90 euro cad.
1/19

Il retrotreno della Kawasaki Ninja ZX-6R 2011 - 2013

  • 2011: da 5.200 a 6.000 euro
  • 2012: da 6.000 a 6.800 euro
  • 2013: da 6.800 a 7.600 euro

LE CAMPAGNE DI RICHIAMO

La Ninja ZX-6R è stata oggetto di una campagna di richiamo per il possibile surriscaldamento circuito elettrico al regolatore di tensione. Per risolvere il problema è necessario sostituire il regolatore difettoso.

  • Periodo di produzione: 2008 – 2012
  • Intervallo telai: da JKAZXT00EEA000006 a JKAZXT00EEA025541
1/19

Kawasaki Ninja ZX-6R 2011 - 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli