Kawasaki cresce, Rea e Lowes ottimisti dopo il test al Montmelò

I due piloti del Kawasaki Racing Team WorldSBK sono scesi tra i cordoli del tracciato di Barcellona per dei test in vista dell’avvio di stagione. Le dichiarazioni di rea e Lowes

1/4

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) e il suo compagno di squadra Alex Lowes, lunedì 27 gennaio, hanno girato sul Circuit de Barcelona-Catalunya mentre altre squadre erano impegnate nei test di Portimao. Entrambi i piloti hanno percorso giri molto utili su un circuito ancora inedito per la Superbike. La giornata è iniziata sul bagnato, poi le condizioni sono migliorate. La squadra ha così potuto acquisire dati e informazioni per arrivare al meglio al primo appuntamento della stagione, in programma in Australia, a Phillip Island, a fine febbraio. Molta attenzione è stata dedicata al bilanciamento della Ninja.

“Per noi è stato ottimo avere una giornata di test in più dopo quelli di Jerez: qui abbiamo trovato buone condizioni meteo, asciutto in pista e siamo riusciti a percorrere molti giri”, ha detto il campione del mondo in carica. “Abbiamo provato alcune componenti su cui a Jerez non eravamo troppo sicuri in relazione alla distribuzione del peso della moto. Non abbiamo trascurato neanche la sospensione anteriore e abbiamo simulato delle partenze. La moto ha risposto alla grande. Mi sento veloce, questo test è stato molto utile per arrivare al meglio in Australia per l’inizio della nuova stagione. Un grazie va alla squadra per averci permesso di scendere in pista per questa giornata di test che non era in programma. Ora la nostra attenzione è rivolta alla presentazione ufficiale”.

Anche Alex Lowes ha messo in cascina molti giri per adattarsi sempre di più alla ZX-10RR: “Voglio ringraziare davvero KRT per il grande lavoro fatto per questa giornata aggiuntiva di test. Durante questo inverno non ho avuto molte occasioni di girare sull’asciutto e quindi sono molto soddisfatto di questa giornata al Montmelò. La pista è fantastica ed è sempre bello girare su un circuito per la prima volta. Sto invecchiando e quindi non sono molte le piste in cui non ho ancora gareggiato! Oggi probabilmente ho imparato più di quanto non abbia fatto nei test precedenti e quindi andiamo a Phillip Island molto motivati. Il lavoro con la squadra procede alla grande e non vedo l’ora di iniziare a correre”.

A Phillip Island Kawasaki detiene un record incredibile. Dieci vittorie, otto pole position e 30 podi, di cui 17 a partire dal 2012. La casa giapponese non vince in Australia dal 2017. Ora vuole tornare al successo e punta a interrompere il dominio Ducati che dura da due stagioni.

Fonte: www.wsbk.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli