23 March 2013

Jorge Lorenzo sull’acqua di Jerez. Problemi per Rossi, grande Iannone

Nella prima giornata di test sulla pista andalusa, sotto la piogga, Jorge Lorenzo si piazza davanti alle due Honda ufficiali di Dani Pedrosa e Marc Marquez. Ottimo Andrea Iannone quarto, seguito dal collaudatore Michele Pirro. Male Rossi a oltre due secondi

Jorge lorenzo sull’acqua di jerez. problemi per rossi, grande iannone

I test ufficiali IRTA della MotoGP, come purtroppo era previsto, cominciano sotto la pioggia. Sin dal mattino, grosse nuvole circondano il tracciato per poi scaricare acqua per tutta la giornata. Obbligo di gomme rain per tutti e tempi alti, poco indicativi in assoluto ma significativi per comprendere il livello dei piloti e delle moto.

RICOMINCIA IL MONDIALE (E FANTAMOTOCICLISMO)
Prima di parlare dei test MotoGP, lasciateci ricordare che, con il prossimo inizio del Motomondiale il 7 aprile in Qatar, riparte anche il gioco in cui quest’anno Motociclismo vuole coinvolgervi. Parliamo di FantaMOTOCICLISMO. Per sapere tutto e per conoscere il regolamento cliccate qui, sappiate solo che si tratta di indovinare i risultati delle gare MotoGP e SBK e che il migliore di voi diventa tester di Motociclismo per un giorno.

LORENZO VELOCE (MA COL TRUCCO)
Tornando in pista, alla fine della prima giornata il più veloce è Jorge Lorenzo, che gira con un best lap di 1’47″423, seguito dalle due Honda HRC, quella di Dani Pedrosa, a oltre un secondo dal rivale catalano (anche se dani è rimasto in testa per la maggior parte della giornata, specie con pista allagata) e quella di Marc Marquez, a soli 50 millesimi dal compagno di squadra. Sono tempi che devono essere visti nella giusta ottica: Lorenzo infatti stampa il miglior crono al rientro dalla pausa pranzo, con la pista bagnata ma non allagata, a differenza dei due alfieri della Casa dell’Ala che hanno “navigato” nel diluvio tra una curva e l’altra. Il risultato che sorprende è comunque quello di Marquez, ancora alle prime esperienze sul bagnato con una MotoGP, eppure già efficace (elettronica o talento puro? Se sull'elettronica ormai c'è poco da discutere, evidentemente la Natura è stata particolarmente generosa con il rookie terribile).

DUCATI ACQUATICHE
Fuori dal podio troviamo Andrea Iannone che, sulla Ducati del team Pramac, paga solo 4 decimi da Marquez, suo storico rivale in Moto2. Un ottimo risultato per il pilota di Vasto, aiutato anche dai 3 giorni di prove in più rispetto ai rivali. A conferma della propensione della Rossa per la pioggia c’è il collaudatore Michele Pirro, subito dietro Iannone e intento in segretissimi test su particolari di sviluppo per la GP13. Le Ducati ufficiali sono più attardate con Nicky Hayden, settimo e Andrea Dovizioso che, nel giorno del suo ventiseiesimo compleanno, chiude decimo, davanti a Ben Spies, oggi undicesimo a oltre tre secondi e mezzo.

PROBLEMI PER ROSSI  
Giornata in salita per Valentino Rossi che, per tutto il tempo gira con la seconda moto, a causa di problemi tecnici sulla prima emersi fin dai primi giri del primo turno. Nonostante il Dottore sfoggi la nuova livrea Yamaha (che potete ammirare nelle foto ufficiali cliccando qui) è ancora alle prime uscite sul bagnato con la ritrovata M1 e riesce a chiudere solo sesto a oltre due secondi dal compagno di team. “Il feeling con la moto non è male – dichiara il pesarese – ma abbiamo problemi con la durata della gomma posteriore: dopo qualche giro comincia a slittare parecchio. Non sarà facile fare 27 giri di seguito in una gara sotto la pioggia. Abbiamo anche problemi per quanto riguarda la quantità di gomme rain disponibili. Ne abbiamo 4 in totale. Oggi ne utilizziamo 2 e domani altre due, sperando nell’asciutto”. In Yamaha intanto è pronto il nuovo telaio, sperando di poterlo collaudare all’asciutto nei prossimi giorni.

PRIVATI IN DIFFICOLTÀ
Ottavo tempo per Cal Cruthlow del team Tech3 e nona posizione per Stefan Bradl. Per il tedesco del team Cecchinello, in pista con la nuova livrea, tanta fatica e una caduta all’attivo nel pomeriggio, per fortuna senza conseguenze. Yonny Hernandez, dodicesimo, risulta il migliore dei piloti CRT (oggi “orfane” del team Aspar) e riesce a mettersi dietro anche Alvaro Bautista, in sella alla Honda RC213V del rinnovato team Gresini. Tra gli italiani, Claudio Corti, sulla FTR Kawasaki del team Forward Racing, è quindicesimo, mentre Danilo Petrucci chiude diciassettesimo.

Nonostante la pioggia, prevista sia per domenica che per lunedì, ultima giornata di test, i piloti sono attesi domani sul tracciato di Jerez per la seconda sessione di prove. Gomme permettendo.

TEST JEREZ MOTOGP: migliori tempi (combinati)
1 Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing Team 1:47.423
2 Dani Pedrosa - Repsol Honda Team 1:48.474 +1.051
3 Marc Marquez - Repsol Honda Team 1:48.524 +1.101

4 Andrea Iannone - Energy T.I. Pramac Racing Team 1:48.984 +1.561
5 Michele Pirro - Ducati Test Team 1:49.292 +1.869
6 Valentino Rossi - Yamaha Factory Racing Team 1:49.443 +2.020

7 Nicky Hayden - Ducati Team 1:49.643 +2.220
8 Cal Cruthlow - Monster Yamaha Tech 3 1:49.692 +2.269
9 Stefan Bradl - LCR Honda MotoGP 1:49.790 +2.367
10 Andrea Dovizioso - Ducati Team 1:50.266 +2.843
11 Ben Spies - Ignite Pramac Racing Team 1:50.957 +3.534
12 Yonny Hernandez - Paul Bird Motorsport 1:51.269 +3.846
13 Alvaro Bautista - GO&FUN Honda Gresini 1:51.277 +3.854
14 Karel Abraham - Cardion AB Motoracing 1:51.333 +3.910
15 Claudio Corti - NGM Mobile Forward Racing 1:52.034 +4.611
17 Danilo Petrucci - Came IodaRacing Project 1:52.180 +4.757

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA