L'Italia è prima in Europa per vendite di moto e scooter

Nel 2021, in termini di volumi, nessun altro paese in Europa ha fatto meglio dell'Italia, dove si sono registrate 269.000 nuove immatricolazioni. Seguono Francia, Germania (in calo), UK e Spagna

1/10

Le immatricolazioni nel 2021 mostrano come il mercato europeo stia continuando a performare bene dopo un 2020 segnato dai lockdown e dalla pandemia. Nei cinque mercati di riferimento dell'Unione Europea (Francia, Germania, Italia, Spagna e UK) si è registrato un +7,8% rispetto al 2020. Nello specifico, sono state immatricolate ben 949.000 moto (880.700 nel 2020).

Quasi tutti i paesi hanno registrato una crescita, ma il dato più rilevante è che l'Italia è diventata la prima nazione europea in termini di scooter/moto nuove vendute (269.000, +23,6%) seguita dalla Francia (206.950, +8,5%) e dalla Germania che, invece, registra un segno "meno" (199.100, -9,7%) che però segue risultati particolarmente elevati nel 2020. Crescita confermata anche per Spagna (+8%) e Regno Unito (+10,2%). Relativamente ai ciclomotori, i sei mercati monitorati dalla ACEM (ovvero Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda e Spagna) hanno raggiunto un totale di 264.800 unità. Una cifra che rappresenta un calo complessivo delle immatricolazioni (-5,6%) rispetto al 2020.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA