di Beppe Cucco - 08 agosto 2019

Incidenti stradali: calano i decessi sulle due ruote

Dal rapporto annuale ACI-Istat emerge che sono diminuiti i morti in moto, ma aumentati quelli con i ciclomotori. Nel complesso lo scorso anno si sono registrati meno incidenti e meno decessi sulle due ruote. In calo anche le contravvenzioni

1/9

Alla vigilia dell’esodo estivo ACI e Istat hanno diffuso il rapporto sugli incidenti stradali del 2018, dal quale emerge che in in Italia diminuiscono i morti (3.325 contro i 3.378 del 2017: -1,6%), gli incidenti (172.344 - 174.933: -1,5%) e i feriti (242.621 - 246.750: -1,7%).

Lo scorso anno si sono registrate 1.420 vittime tra conducenti e passeggeri di autovetture (-3%), 685 tra i motociclisti (-6,8%), 219 tra i ciclisti (-13,8%). L’aumento dei morti ha riguardato, però, alcune categorie, in modo particolare, ciclomotoristi (108; +17,4%) - che si confermano tra le categorie più a rischio - e pedoni (609; +1,5%). Nel complesso, gli utenti vulnerabili rappresentano circa il 50% dei decessi (1.621 su 3.325).

Il dato che ci lascia ben sperare è che complessivamente le vittime di incidenti su veicoli a due ruote (ciclomotori e moto) diminuiscono del 4% rispetto al 2017 (793 contro gli 827 del 2017).

Nel 2018 è diminuito il numero di incidenti su strade urbane (126.701; -2,9%) e autostrade (9.372; -0,2%), mentre è aumentato sulle extraurbane (36.271; +3,4%). In città e in autostrada sono diminuiti anche i feriti (169.573 e 15.440 rispetto a 174.612 e 15.844 del 2017, pari a -2,9 e -2,5%). Crescono (+10,5%) i morti su autostrade (i 43 morti di Genova sul Ponte Morandi sono compresi nella statistica), mentre scendono quelli all’interno dei centri abitati (-4,4%) e sulle strade extraurbane (-1,2%).

1/9

La distrazione la maggior causa di incidenti

Distrazione, mancato rispetto della precedenza o del semaforo, velocità troppo elevata si confermano, anche nel 2018, le prime tre cause di incidente (complessivamente il 40,8% delle circostanze). Tra le altre cause più rilevanti: distanza di sicurezza (20.443), manovra irregolare (15.192), comportamento scorretto verso il pedone (7.243) o del pedone (7.021), presenza di buche o ostacoli accidentali (6.753): rispettivamente il 9,2%, il 6,9%, il 3,3%, il 3,2% e il 3,1% del totale.

Sulle strade urbane la prima causa di incidente è il mancato rispetto di precedenza o semafori (17%), seguito dalla guida distratta(14,9%); sulle strade extraurbane la guida distratta o andamento indeciso (20,1%), velocità troppo elevata (14%) e mancata distanza di sicurezza (13,8%).

1/9

In calo anche le contravvenzioni

Nel 2018 le sanzioni per le violazioni al Codice della Strada si sono ridotte complessivamente del 4,4%, (anche a causa della diminuzione dei controlli da parte delle Forze dell’Ordine), le voci principali, oltre al superamento dei limiti di velocità, vedono ai primi posti l’inosservanza del rispetto della segnaletica (365.697; -6,6%), seguita da mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini (202.941; -0,03%) e uso improprio del cellulare alla guida (136.950; -6,1%). In diminuzione anche le contravvenzioni per eccesso di velocità, (2.513.936; -11,6%).

1/9
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli