"Iannone non ha fatto un favore né a lui, né al Dovi e certo non a Ducati"

La gara della MotoGP in Argentina lascia l'amaro in bocca in Casa Ducati. Iannone e Dovizioso perdono l'occasione di chiudere al secondo e terzo posto e di portare a casa punti importanti. Le dichiarazioni del Direttore Sportivo Paolo Ciabatti che, oltre a dare la sua opinione a freddo su quanto accaduto, parla della stagione 2017 e della possibilità di ingaggiare uno fra i top rider con contratto in scadenza 

Iannone - Dovizioso: non ci voleva!

A poche ore dalla gara della MotoGP in Argentina arrivano le dichiarazioni (rilasciate a "Tutti Convocati", programma di Radio24) del Direttore Sportivo del Team Ducati in merito al "pasticcio" combinato da Iannone e che ha coinvolto Dovizioso. Qui trovate le dichiarazioni dei due piloti, rilasciate in seguito alla gara. Di seguito invece la reazione di Paolo Ciabatti, deluso da quanto accaduto ma capace di guardare al futuro del Team e ironizzare su alcuni possibili ingaggi per dare alle Rosse un nuovo pilota nel 2017.

Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo del Team Ducati
“Abbiamo lasciato che gli animi si calmassero un attimo, poi abbiamo analizzato la situazione con i piloti, in particolare con Iannone. Un attacco del genere al proprio compagno di squadra non ci stava secondo noi, quando il team stava per portare a casa un doppio podio. Certamente Iannone non ha fatto un favore né a se stesso, né al compagno di squadra e sicuramente neanche alla Ducati. Sappiamo che è un ragazzo velocissimo e dal grande cuore, ovviamente il più dispiaciuto era lui stesso perché si è reso conto di aver esagerato per aver tentato una manovra che di fatto ha combinato un disastro. Iannone è un ragazzo estremamente intelligente e talentuoso; deve però riuscire a tenere a freno questa sua esuberanza perché le gare vanno portate a termine soprattutto quando si riesce, in un week end così complicato come quello in Argentina, a fare bene. Senza l'incidente sarebbe stato completato un fine settimana importante per Ducati”.
 
Ciabatti sul futuro del Team e sui possibili ingaggi per il 2017
“Non abbiamo mai negato di avere interesse per i piloti top che sono in scadenza di contratto. Scadrà il contratto di Marquez, scadrà quello di Lorenzo, quello di Vinales pare sia un po’ più complicato rispetto alla scadenza. Scadranno anche i contratti dei nostri piloti attuali. È chiaro che avendo importanti ambizioni per il futuro, il fatto di capire se uno dei top rider può essere disponibile e interessato a un’offerta fatta da Ducati significa fare il nostro lavoro bene. Stiamo facendo le nostre valutazioni e siamo in una fase anche piuttosto avanzata, poi decideremo quale sarà la squadra ideale per il 2017. In ogni caso parlarne adesso è ancora prematuro”.

La Race Direction non è comunque rimasta a guardare: Iannone sarà pennalizzato di 3 posizioni sulla griglia del prossimo GP e avrà un punto sulla patente.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA