Al via gli incentivi su moto e scooter: agevolazioni fino a 4.000 euro

È stato approvato il Decreto Ministeriale che regolamenta gli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni. Previste agevolazioni per moto e scooter, anche endotermici. “Sconti” maggiori per chi acquista un mezzo elettrico

1/18

Il governo dà il via libera agli incentivi per chi acquista una nuova moto o un nuovo scooter o ciclomotore. È stato approvato infatti il Decreto Ministeriale, proposto del ministro Giancarlo Giorgetti, a sostegno dell'automotive, dove trovano spazio anche le due ruote. A questo scopo in totale verranno stanziati 650 milioni l'anno per tre anni, per un totale di quasi 2 miliardi fino al 2024. Di questi, 65 milioni andranno alle due ruote (15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024 per chi acquista un veicolo elettrico e 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024 per chi acquista un endotermico).

Per moto e scooter saranno disponibili due tipologie di incentivi: una, più cospicua, per i veicoli elettrici, e una per quelli endotermici. Per chi acquista moto o scooter elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) gli incentivi arrivano ad un massimo del 30% del prezzo d’acquisto, fino ad un massimo di 3.000 euro. L’agevolazione sale al 40%, con un tetto di 4.000 euro, per chi rottama un due ruote da Euro 0 a Euro 3. La vera novità, però, riguarda gli incentivi anche per chi decide di acquistare un ciclomotore o un motociclo spinto da un motore endotermico (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7). In questo caso è previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo che può raggiungere il 40% del prezzo d'acquisto, fino ad un massimo di 2.500 euro con rottamazione.

Il provvedimento entrerà in vigore soltanto il giorno successivo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA