Honda Gold Wing: la storia

Arriva rinnovata nel 2012 la granturismo a due ruote più famosa e longeva. La storia della Honda Gold Wing parte nel 1975

I PRIMI MODELLI

Dopo avervi mostrato le foto e i video della Honda Gold Wing GL1800 che arriverà nel nostro mercato in tempo per la stagione 2012, ripercorriamo la storia di questo modello. La granturismo a due ruote più apprezzata dai motociclisti, l’emblema dei viaggi con il massimo del comfort: la Gold Wing.

 

Quella volta i giapponesi volevano strafare: volevano realizzare la moto turistica più grossa e comoda mai pensata. Partiti dall’idea di un 6 cilindri (poi abbandonata), realizzarono nel 1972 la concept M1: un team di progettazione guidato da Soichiro Irimajiri(che ha guidato la progettazione di alcuni motori da competizione a 5 e 6 cilindri fino al 1960) presenta questa concept che dispone di un motore boxer raffreddato a liquido a 6 cilindri.

 

Nel 1975 viene data alla luce la Honda GL1000: una 4 cilindri da 999 cc scarenata con tre freni a disco (una rarità all’epoca). Moto che aprì nuovi orizzonti ma, nonostante un certo entusiasmo iniziale, non raccolse molto successo commerciale. L’anno seguente, esce la versione LTD (Limited Edition) con alcune caratteristiche esclusive ma sostanzialmente è la stessa moto.

 

Nel 1979, proprio la Gold Wing (che per l’80% veniva venduta negli USA) costrinse Honda ad aprire uno stabilimento produttivo sul suolo nordamericano, nonostante temessero il rischio di compromettere la nota affidabilità del proprio marchio.

 

Bisogna attendere il 1980 per vedere il nuovo modello, la GL1100 Gold Wing, che si presenta con una nuova cubatura, una carenatura quasi integrale e un set di bauletti integrati. Una moto da autostrada con un nuovo motore da 1.085 cc che fornisce più coppia che cavalli.

 

 

Si sale a 1.182 cc nel 1984 con la GL1200 Aspencade alla quale viene aggiunta la valvola di regolazione idraulica che rende la moto quasi esente da manutenzione. Inoltre, arriva l’impianto stereo di serie. Dal 1985 spariscono le versioni senza carenatura e arriva un’altra edizione limitata che celebra i 10 anni del modello. 

GL1500

La svolta più importante la si regista nel 1988 con l’introduzione della GL1500 che, oltre ad una cilindrata davvero importante per l’epoca, riporta in vita l’idea originaria del motore a 6 cilindri. Un motore che si iniziò a studiare 4 anni prima, doveva essere silenziosissimo ma potente. Migliaia di ore di sviluppo, 15 moto utilizzate per 60 fasi del prototipo che sono culminate con la realizzazione della Gold Wing della svolta. Non certo perfetta nella guida ma sicuramente aveva raggiunto livelli di comfort sconosciuti alla quasi totalità dei produttori di moto.

Nel 1996 esce la milionesima Gold Wing dallo stabilimento statunitense di Marysville ma da Honda non arrivano ulteriori novità e aggiornamenti. Bisogna attendere il 2001, ben tredici anni dopo l’uscita del modello precedente. 

GL 1800

E’ il momento della GL1800 Gold Wing che fa un balzo in avanti incredibile rispetto alla 1500. La progettazione prende avvio nel 1993 sotto la guida di Masanori Aoki, un appassionato di moto sportive che aveva già dato vita a progetti come CBR250RR, CBR400RR e la CBR600F3. Nel 1998 realizzano il primo modello in scala. Nel 2011 debutta la GL1800. Prima che fosse completata, Honda registrò oltre 20 brevetti nati su questa moto. Più leggera e con più potenza (arriva a 118 CV), introduce l’ABS, è dotata di retromarcia e negli anni introdusse anche il navigatore GPS integrato e il primo airbag da moto al mondo.

Questo previsto per il 2012 (2011 negli States) è un ulteriore aggiornamento di questo importante e riuscito progetto che ha visto la luce nel 2001.  

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA