“CBR più potente della prima RC211V con cui Rossi vinse il titolo”

La nostra intervista a Yuzuru Ishikawa, Large Project Leader di Honda, per approfondire le scelte tecniche adottate sulla nuova CBR1000RR-R

1/23

Honda CBR1000RR-R SP

È più potente la nuova Fireblade o la RC211V del 2002 con la quale Valentino Rossi vinse il Campionato del Mondo MotoGP?

“La nuova Fireblade”.

Quanti cavalli ha, in più?

“Pochi”.

Come avete fatto ad ottenere da un motore omologato Euro 5 la stessa potenza del motore della RC213V-S col kit racing?

“Principalmente lavorando in profondità sui fondamentali di un motore. Fargli avere più aria possibile, far sì che la combustione fosse efficiente, rendere lo scarico valido quanto l’aspirazione, far sì che il basamento fosse il più rigido e robusto possibile”.

Ovvero, il quattro in linea della CBR è più efficiente del V4 della RCV-S.

“Sì”.

Perché questo cambiamento radicale nella concezione della Fireblade, da supersportiva adatta anche alla strada a belva orientata alla pista?

“Per due motivi, principalmente. Abbiamo visto che sono sempre di più i clienti delle supersportive che portano le loro moto in pista. E poi per avere una moto in grado di vincere nelle competizioni”.

Fino ad oggi è sembrato che a Honda non importasse vincere la SBK, sicuramente non quanto è focalizzata sul vincere la MotoGP. Come mai, invece, ora avete deciso di impegnarvi davvero?

“Volevamo che il brand CBR avesse da parte nostra tutto l’impegno che merita, e rafforzarne l’immagine a livello mondiale. La miglior vetrina per una supersportiva stradale è il Mondiale SBK”.

Avevate già realizzato una versione stradale del V4 della MotoGP. Perché, invece di utilizzare quello sulla nuova CBR, un po’ come fatto da Ducati con la Panigale V4, avete preferito realizzare da zero un nuovo quattro in linea?

“Avremmo potuto utilizzare il V4, ma il quattro in linea ha dei vantaggi in termini di dimensioni che facilitano la realizzazione di un pacchetto motore-ciclistica compatto (il problema si pone meno in MotoGP, dove le moto hanno 10 cm in più di interasse, ndr)”.

La precedente Fireblade SP aveva il serbatoio in titanio. Anche quello della nuova lo è?

“La vecchia SP aveva il serbatoio interno in titanio, avvolto da un guscio esterno in plastica. Ora abbiamo un normale serbatoio in acciaio, che ci ha permesso un disegno meno ingombrante in altezza a favore dell’aerodinamica”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli