Harley-Davidson multata a causa delle emissioni inquinanti

Harley-Davidson ha patteggiato una multa da 15 milioni di dollari con l’agenzia USA a salvaguardia dell’ambiente. Non si tratta di un “dieselgate” motociclistico, ma la colpa è da imputare al dispositivo aftermarket “Super Tuner”, in grado di modificare, oltre alla coppia e alla potenza, le emissioni nocive allo scarico

15 MILIONI DI MULTA AD HARLEY-DAVIDSON

Harley-Davidson è stata multata dalla U.S. Environmental Protection Agency (EPA, Agenzia di protezione del territorio) e dal U.S. Department of Justice (DOJ, dipartimento di giustizia) per aver violato alcune norme antinquinamento americane. Si tratta del primo caso in cui un’azienda motociclistica viene accusata di non rispettare le norme sull’inquinamento, ma non si tratta di un vero e proprio “dieselgate” a due ruote. Ad H-D infatti non viene contestato il fatto di aver imbrogliato sulle emissioni in fase di omologazione delle moto, ma gli viene contestato che il dispositivo aftermarket “Super Tuner” (un accessorio che permette al cliente di agire sull’elettronica della moto per aumentare le prestazioni) sia in grado di modificare, oltre alla coppia e alla potenza della moto, anche le emissioni nocive. Per questo H-D è stata multata e ha patteggiato per pagare 15 milioni di dollari, che comprendono i 12 milioni di multa, più altri 3 da spendere in progetti per migliorare la qualità dell’aria. Di questi kit in America ne sono stati venduti più di 340.000, ma ora  tutte le  “Super Tuner” invendute dovranno essere ritirate dal mercato e distrutte. 
La Casa inoltre è stata accusata di aver venduto anche 12.000 motociclette prive della certificazione rilasciata dall’EPA, obbligatoria negli USA. Questa seconda accusa però non è stata confermata, in quanto il patteggiamento siglato da H-D ha portato a termine la causa legale. 

UN ACCESSORIO LEGALE PER LE COMPETIZIONI

Harley-Davidson però si difende sostenendo che l’accessorio “Super Tuner" è destinato alle moto che poi vengono utilizzate su strade private o in circuito e ha contestato il fatto che l’EPA abbia affermato che questo dispositivo lasci ai clienti la possibilità di manomettere anche i motocicli che poi vengono utilizzati su strade aperte al pubblico. La Casa ha poi dichiarato che i 15 milioni di dollari che pagheranno "non sono un'ammissione di responsabilità, ma rappresentano invece un buon compromesso con l'EPA, in un settore in cui la legge può essere interpretata in modi differenti”. H-D ha quindi preferito risolvere il problema piuttosto che combattere, in modo da potersi concentrare sul miglioramento del prodotto invece di perdere inutilmente tempo, e soldi, per una causa nei confronti dell’EPA. "Per più di due decenni” continua la Casa  “abbiamo venduto questo prodotto stando alle regole degli accessori destinati all’uso nelle competizioni e, a nostro avviso, è un accessorio legale da utilizzare in condizioni di gara che si svolgono negli Stati Uniti".
 
Inoltre, a dimostrazione che la Casa americana ci tiene all’ambiente, H-D ha comunicato che è al lavoro per sostituire tutte le stufe a legna ancora presenti all’interno dei propri stabilimenti, con stufe più moderne alimentate da combustibili meno inquinanti, in modo da migliorare la qualità dell’aria. 

CHE LA MULTA AD H-D SIA DI LEZIONE PER ALTRI

John C. Cruden, Procuratore generale e capo del Natural Resources Division dell'Ambiente e del Dipartimento di Giustizia, ha dichiarato:  “Vista l'importanza di Harley-Davidson sul mercato, questo è un passo molto significativo verso il nostro obiettivo di fermare la vendita di dispositivi illegali, che provocano inquinamento, dannoso sulle strade e nei confronti della nostra comunità. Chiunque produca, venda o utilizzi questi dispositivi illegali dovrebbe tener conto della azioni correttive che abbiamo avviato nei confronti di di Harley-Davidson e smettere di violare la legge”.
 
Quest'ultima affermazione suona un po’ come una minaccia nei confronti di tutte le altre aziende che producono centraline aftermarket. In futuro dovremo quindi aspettarci una serie di multe simili a quella inflitta ad H-D? 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA