di Beppe Cucco - 10 gennaio 2020

La sindrome di Asperger “salva” Guy Martin dal processo

In seguito all’accusa di aver utilizzato una patente di guida falsa il pilota inglese si sarebbe dovuto presentare a processo ad inizio gennaio. Da una perizia psichiatrica è emerso però che Guy Martin soffre della sindrome di Asperger. Questo lo scagiona dall'accusa

1/15

Alla fine del 2018 il pilota e conduttore televisivo inglese Guy Martin era stato accusato di aver utilizzato una patente di guida falsa. Sembrerebbe infatti che Guy avesse utilizzato una patente irlandese non autentica per poter effettuare un upgrade della sua patente inglese, alla quale voleva aggiungere il permesso di guidare i camion. Il tutto sarebbe venuto alla luce quando i funzionari del DVLA (Driver and Vehicle Licensing Agency, una sorta della nostra motorizzazione) hanno analizzato la patente presentata dal pilota, che sarebbe risultata contraffatta. Guy era stato accusato anche di aver fatto una falsa dichiarazione sostenendo di essere titolare di una patente di guida irlandese allo scopo di ottenere una licenza per il Regno Unito.

Ad inizio gennaio di quest'anno Guy si sarebbe dovuto presentare in tribunale per il processo… ma le cose sono andate diversamente. In seguito ad una perizia psichiatrica è emerso che il pilota britannico soffre della sindrome di Asperger. Si tratta di un disturbo, una lieve forma di autismo, che porta il soggetto che ne soffre a non applicare sempre razionalmente il buon senso; inoltre, in certe circostanze, il soggetto potrebbe non essere in grado di discernere il vero dal falso ed essere così particolarmente raggirabile.

Per questo motivo, Guy Martin è stato scagionato da qualsiasi imputazione.

1/15
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli