a cura della redazione - 06 gennaio 2019

Guida in stato di ebbrezza, ecco cosa cambia nel 2019

Con l'introduzione della nuova Legge Anticorruzione sono state apportate anche importanti novità sulla guida in stato di ebbrezza
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7

    Si prospettano tempi ancora più duri per tutti coloro i quali verranno trovati alla guida di un veicolo con un tasso alcolemico superiore agli 0,8 grammi di alcol per litro di sangue. Con l'introduzione della nuova Legge Anticorruzione, varata nei giorni scorsi dal Parlamento, sono state infatti introdotte anche importanti novità sulla guida in stato di ebbrezza.

    Già oggi chi viene pizzicato ad un controllo con etilometro con un tasso alcolemico superiore a questa soglia incappa in una infrazione del Codice della Strada che, diventando un vero e proprio reato, rientra anche all'interno del Codice Penale. Con la modifica degli art. 158, 159 e 160 del Codice Penale è stato però introdotto un ulteriore giro di vite. A partire dal 1° gennaio 2019 la prescrizione dalla sentenza di primo grado o dal decreto di condanna, vale a dire l'estinzione di un reato trascorso un determinato periodo di tempo, verrà sospesa dopo la sentenza di primo grado, sia che l'imputato sia assolto e sia che venga condannato, fino alla data di esecutività della sentenza o fino alla data di irrevocabilità di tale decreto. In questo modo si assicura sia la certezza del processo che quello della sentenza.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA