Gruppo Piaggio: 74.800 veicoli a due ruote venduti nel primo trimestre 2016

Aumenta la quota di mercato del Gruppo di Pontedera sul mercato europeo, ma si conferma anche la posizione di forza in Nordamerica. Bene scooter a ruota alta e Vespa, vendite in aumento nel settore moto, con Moto Guzzi e Aprilia (Tuono a +104,4%!)

Avanti così

Il 2015 si era chiuso per il Gruppo Piaggio con numeri molto soddisfacenti, ma la tendenza “al bello” è confermata con l’inizio del 2016 (così come per il mercato italiano in generale, del resto). Al 31 marzo 2016 il Gruppo di Pontedera ha venduto nel mondo 74.800 veicoli a due ruote (rispetto a 74.200 nel primo trimestre 2015), per un fatturato netto di 208,2 milioni di euro in crescita del 2% rispetto ai 204,1 milioni di euro del primo trimestre 2015. Considerando le quote di mercato, in Europa i Marchi del Gruppo di Colaninno chiudono il primo trimestre del 2016 con un +13,6% complessivo (rispetto al 13,1% del primo trimestre 2015) e una quota del 24,5% nel settore scooter (distaccando di circa 11 punti percentuali il secondo competitor europeo). Il posizionamento del Gruppo rimane inoltre particolarmente forte sul mercato nordamericano dello scooter, con una quota del 19,6%.  

Alte le ruote, alte le performance

A tirare, come si può facilmente immaginare, sono gli scooter. In particolare quelli a ruota alta, segmento in cui i ricavi crescono globalmente del 32,8% rispetto al primo trimestre 2015. Il merito è principalmente del nuovo Piaggio Liberty e del best seller Beverly, mentre il secondo trimestre potrà contare sull'apporto del nuovo Piaggio Medley ABS recentemente lanciato nelle cilindrate 125 e 150 cc. Il brand Vespa ha rafforzato la propria presenza nel mercato europeo, dove ha registrato una crescita dei ricavi del 7,1%.

Bene Mandello, Noale a tutto gas!

In crescita anche i ricavi del Gruppo nel settore moto, con un incremento complessivo del fatturato del 9,7%. Tale risultato è stato generato anche grazie all’incremento delle vendite delle Moto Guzzi della famiglia California (+5,3%), mentre a spingere le vendite nel settore moto del brand Aprilia sono state le supersportive con motore V4, che hanno fatto registrare una forte crescita delle vendite, pari a +62,5% in volumi per la gamma RSV4 1000 e +104,4% in volumi per i modelli Tuono

Ape & co

Nel settore dei veicoli commerciali le vendite sono state pari a 47.000 veicoli (46.800 unità nel primo trimestre 2015) per un fatturato netto pari a 98,9 milioni di euro (97,9 milioni di euro nel primo trimestre 2015). Il dato include i ricambi e accessori, che hanno registrato vendite per 11,6 milioni di euro (+24,4% rispetto ai 9,3 milioni di euro del primo trimestre 2015). Nel mercato indiano dei veicoli commerciali a tre ruote, la consociata PVPL si attesta su una quota complessiva del 28,1% e conferma la leadership nel segmento trasporto merci (Cargo) con una quota di mercato del 51,6%. Nel primo trimestre 2016 l’hub produttivo PVPL ha inoltre esportato nel mondo complessivamente 4.512 veicoli commerciali a tre ruote. Tali vendite sono state consolidate in parte all’interno dall’area EMEA ed Americas e in parte all’interno dell’area India, in funzione delle diverse responsabilità nella gestione dei singoli mercati di sbocco.
 
Sommando il venduto di tutte le tipologie di mezzi, nel corso del primo trimestre 2016 il Gruppo Piaggio ha venduto complessivamente nel mondo 121.700 veicoli (in leggero incremento rispetto alle 121.000 unità del primo trimestre 2015).

GRUPPO PIAGGIO, PRIMO TRIMESTRE 2016: i numeri

  • Ricavi consolidati 307,1 milioni di euro (302 milioni di euro nel 1° trimestre 2015, +1,7%%)
  • Ebitda* 37,4 milioni di euro (36,3 milioni di euro nel 1° trimestre 2015); Ebitda margin 12,2% (12% nel primo trimestre 2015): migliore performance registrata dal 2008 nel 1° trimestre
  • Margine lordo industriale** 90,8 milioni di euro (88,1 milioni di euro nel 1° trimestre 2015, +3,1%)
  • Risultato operativo (Ebit) 10,9 milioni di euro (10,8 milioni di euro nel 1° trimestre 2015)
  • Utile netto 1,3 milioni di euro (1,2 milioni di euro nel 1° trimestre 2015)
  • Posizione finanziaria netta*** -554,4 milioni di euro (-568,4 al 31 marzo 2015)
  • Venduti nel mondo nei primi tre mesi 2016 121.700 veicoli (121.000 nel 1° trimestre 2015)
 
*: risultato operativo (EBIT) al lordo degli ammortamenti e costi di impairment (perdite di valore) delle attività immateriali e materiali, così come risultanti dal Conto economico consolidato
**: differenza tra i ricavi netti e il costo del venduto
***: debito finanziario lordo, ridotto della cassa e delle altre disponibilità liquide equivalenti, nonché degli altri crediti finanziari correnti

Andamento economico-finanziario del Gruppo Piaggio al 31 marzo 2016

I ricavi netti consolidati del Gruppo nel primo trimestre 2016 sono stati pari a 307,1 milioni di euro, in crescita (+1,7%) rispetto ai 302 milioni di euro al 31 marzo 2015. I ricavi hanno registrato una crescita per tutte le linee di business del Gruppo, consuntivando un fatturato nel settore delle due ruote pari a 208,2 milioni di euro, in crescita del 2% rispetto ai 204,1 milioni di euro del primo trimestre 2015 (il dato include anche i ricambi e accessori). Nel settore dei veicoli commerciali il fatturato si è attestato a 98,9 milioni di euro, inclusi ricambi e accessori, in crescita dell'1% rispetto ai 97,9 milioni di euro del primo trimestre 2015.
 
Il margine lordo industriale nel primo trimestre 2016 è stato pari a 90,8 milioni di euro, con un incremento del 3,1% rispetto a 88,1 milioni di euro registrati nel corrispondente periodo dello scorso anno. L’incidenza del margine lordo industriale sul fatturato netto è pari al 29,6%, in incremento rispetto al 29,2% del primo trimestre 2015. Gli ammortamenti inclusi nel margine lordo industriale sono pari a 9 milioni di euro, rispetto ai 9,9 milioni di euro al 31 marzo 2015. Le spese operative sostenute nel corso del primo trimestre 2016 sono risultate pari a 80,0 milioni di euro (77,3 milioni di euro al 31 marzo 2015). L'incremento deriva principalmente dalla crescita degli ammortamenti compresi nelle spese operative (17,5 milioni di euro nel primo trimestre 2016, rispetto a 15,6 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2015).
 
L’evoluzione del conto economico sopra descritta porta a un EBITDA consolidato di 37,4 milioni di euro, in crescita del 2,9% rispetto ai 36,3 milioni di euro registrati nel primo trimestre 2015, e a un EBITDA margin pari al 12,2% (in incremento rispetto al 12% al 31 marzo 2015). Si tratta della migliore performance registrata dal Gruppo Piaggio nel primo trimestre dal 2008. Il risultato operativo (EBIT) nel primo trimestre 2016 è stato pari a 10,9 milioni di euro, in leggera crescita rispetto ai 10,8 milioni al 31 marzo 2015. L’EBIT margin è pari al 3,5% (3,6% nel primo trimestre 2015).
 
Al 31 marzo 2016 il Gruppo Piaggio ha registrato un risultato ante imposte pari a 2,1 milioni di euro, rispetto ai 2 milioni del corrispondente periodo del 2015. Le imposte di periodo sono state pari a 0,8 milioni di euro, con un’incidenza del 40% sul risultato ante imposte. Il primo trimestre del 2016 si è chiuso con un utile netto di 1,3 milioni di euro, in crescita del 7,2% rispetto a 1,2 milioni di euro registrati al 31 marzo del 2015. L’indebitamento finanziario netto (PFN) al 31 marzo 2016 si è attestato a 554,4 milioni di euro, in incremento di 56,2 milioni di euro rispetto al dato di fine esercizio 2015 (498,1 milioni di euro) per effetto della stagionalità tipica del business due ruote che, come noto, assorbe risorse finanziarie nella prima parte dell’anno e ne genera nella seconda. L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2016 è peraltro in riduzione di 14 milioni di euro rispetto al dato al 31 marzo 2015 (568,4 milioni di euro) grazie al minor assorbimento di cassa nel trimestre di 19,4 milioni di euro.
 
Il patrimonio netto del Gruppo al 31 marzo 2016 ammonta a 396,6 milioni di euro (404,3 milioni di euro al 31 dicembre 2015). Nel primo trimestre 2016 il Gruppo Piaggio ha consuntivato investimenti per 26,2 milioni di euro (+23,1% rispetto ai 21,3 milioni di euro del primo trimestre 2015), di cui 12,8 milioni di euro in spese per Ricerca e Sviluppo (14,3 milioni di euro nel primo trimestre 2015) e circa 13,4 milioni di euro in immobilizzazioni materiali e immateriali (circa 7 milioni di euro nel primo trimestre 2015). Nell'ambito degli investimenti effettuati sugli assetti industriali del Gruppo, assume particolare rilevanza il nuovo Stabilimento automatizzato di verniciatura nel comprensorio industriale Piaggio di Pontedera che già aveva visto, nel 2014, l'insourcing delle lavorazioni di precisione dell'alluminio con la realizzazione di un nuovo Stabilimento dedicato e, nel 2013, l'inaugurazione del nuovo Centro Ricambi Worldwide del Gruppo Piaggio.
L'organico complessivo del Gruppo Piaggio al 31 marzo 2016 è pari a 7.074 dipendenti. I dipendenti italiani del Gruppo si attestano a 3.620 unità, dato sostanzialmente stabile rispetto al precedente esercizio.

Eventi di rilievo di inizio 2016

Sguardo al futuro

In un contesto macroeconomico caratterizzato da un probabile rafforzamento della ripresa economica globale, su cui comunque permangono incertezze legate alla velocità della crescita europea e a rischi di rallentamento in alcuni paesi del Far East asiatico, il Gruppo dal punto di vista commerciale e industriale si impegna a:
 
  • confermare la posizione di leadership nel mercato europeo delle due ruote, sfruttando al meglio la ripresa prevista attraverso:
  1. un ulteriore rafforzamento della gamma prodotti, puntando alla crescita delle vendite e dei margini nel settore degli scooter a ruota alta e nel settore della moto
  2. l’ingresso nel mercato delle biciclette elettriche, con la nuova Piaggio Wi-Bike
  3. il mantenimento delle attuali posizioni sul mercato europeo dei veicoli commerciali
  • consolidare la presenza nell’area Asia Pacific, esplorando nuove opportunità nei segmenti delle moto di media cilindrata e replicando la strategia premium vietnamita in tutta la regione, con particolare attenzione al mercato cinese
  • rafforzare le vendite nel mercato indiano dello scooter focalizzandosi sull’incremento dell’offerta di prodotti Vespa e sull’introduzione, con gli altri brand del Gruppo, di nuovi modelli nei segmenti premium scooter e moto
  • incrementare le vendite dei veicoli commerciali in India e nei paesi emergenti puntando ad un ulteriore sviluppo dell’export mirato ai mercati africani e dell’America latina. 

Programma di acquisto azioni proprie

Il Consiglio di Amministrazione, facendo seguito all’autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie (fino a un massimo di n. 15.000.000 azioni ordinarie Piaggio prive di valore nominale espresso) deliberata dall’Assemblea degli Azionisti di Piaggio tenutasi in data 14 aprile 2016, ha deliberato, tra l’altro, di avviare un programma di acquisto di azioni proprie nell’ambito delle “prassi di mercato” ammesse dalla Consob. Il programma di acquisto di azioni proprie avrà come obiettivo la costituzione di un “magazzino titoli” da utilizzare in relazione ad eventuali future operazioni di investimento da realizzarsi mediante scambio, permuta, conferimento, cessione o altro atto di disposizione di azioni proprie, ivi incluso il pegno a garanzia di operazioni di finanziamento della Società.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA