Gilera Nexus 500ie vs Piaggio Beverly 400ie

Bravi ragazzi.

Molto diversi




Due scooter molto diversi con lo stesso motore. Il Gilera Nexus, sportivissimo, concede poco al comfort. Costa 6.980 euro. Il Beverly, pacioso e poco assetato, non ama la velocità ma si può guidare a 18 anni. Costa 5.190 euro.

Per il gruppo Piaggio il 2006 è stato un anno importantissimo. Oltre all’originale MP3 sono state ben dodici le novità tra Piaggio, Gilera e Vespa, senza contare le varie cilindrate e le diverse versioni.
Tra le novità di maggior rilievo ci sono due scooter che più diversi non potrebbero essere: il supersportivo Gilera Nexus 500 e l’utilitaristico Beverly 400.


Beverly 400, confort e bassi consumi



Rispetto al 500, il 400 è stato ridotto nella misura dell’alesaggio da 92 a 85,8 mm, mentre la corsa è rimasta a 69 mm. La cilindrata è scesa da 460 a 399 cc. La potenza è calata di poco ma le prestazioni globali sono quasi di pari livello e, con 25 kW dichiarati, il Beverly 400 può essere guidato anche dai 18enni con la patente A2. si risparmia sull’assicurazione fino al 50% rispetto al 500 (e costa 400 euro in meno di listino).

Rispetto al 500 si distingue dal frontale col faro sdoppiato (mentre il 500 ha il grosso faro tondo). Inoltre il freno a disco è singolo e il piccolo parabrezza è integrato al manubrio.


Gilera Nexus 500, sportivo vero



Sul Gilera Nexus le modifiche principali sono quelle meno evidenti e mirate a offrire una posizione di guida più confortevole e soprattutto più adatta a un uso quotidiano: sella più bassa di 25 mm e manubrio appena più alto.
C’è poi una modifica del leveraggio dell’originale sospensione posteriore progressiva per conferire maggior dolcezza di risposta nella prima parte dell’escursione.

Il Nexus





L'aggressivo lo scooter Gilera punta tutto sulle prestazioni





Nexus 500. Lo sportivo che richiede polso




Il Nexus è di gran lunga il più rigido tra gli scooter tradizionali e paga l’eccellente stabilità con una certa pesantezza di sterzo, che sulle prime può sorprendere.
In compenso il motore spinge sempre forte e può rivaleggiare sullo stretto con moto di cilindrata ben maggiore. Peccato solo per il cavalletto laterale sulla sinistra che tocca molto presto limitando le doti di piega. Chi vuole andare in pista deve toglierlo.

Stabilissimo una volta in traiettoria, richiede però una guida di forza, facendo leva sul manubrio.
La maneggevolezza sullo stretto non è eccelsa anche alzando al massimo il retrotreno
(comodo il congegno brevettato Power Drive della sospensione posteriore).

Accelerazione, ripresa e frenata sono brillantissime, alla pari della concorrenza bicilindrica
(rispetto a cui costa 2.000 euro tondi in meno) se non migliori. Il comfort è ovviamente limitato, con sospensioni molto dure e una buona dose di vibrazioni, in compenso il passeggero ha una sella abbastanza ampia, pedane non troppo alte e il comodo maniglione.

La frenata è potente ma il comando (come il Beverly) è molto spugnoso e costringe a uno sforzo notevole.
E' ottima la protezione aerodinamica, tanto che in autostrada si viaggia a 130 km/h in tutta serenità.

Per la gita del week end o una breve vacanza, accettando qualche sacrificio, si può dotare il Nexus di alcuni optional utili: il bauletto da 42 litri (può contenere due caschi integrali), il parabrezza esteso e il telo coprigambe per i mesi meno caldi.

Il Beverly





Comodo e parco nei consumi non ha perso carattere rispetto al Beverly 500





Beverly, morbido e parco




Dimensioni e ciclistica del Beverly 400 sono identiche al 500. Solo l’impianto frenante anteriore è monodisco  da 260 mm (in luogo del doppio del 500). La pinza è flottante a doppio pistoncino.
Il peso senza benzina è pressoché invariato
, com’era logico attendersi: 196,4 kg contro i 197 del 500.
Il motore è brillante e la frenata è forte
(però i comandi sono spugnosi e bisogna fare molta forza sulle leve).

La ciclistica, presa di sana pianta dal 500, risponde più o meno allo stesso modo.

Il peso elevato e il baricentro alto possono renderlo un po’ nervoso. Purtroppo è irrisolto anche lo squilibrio tra la forcella a lunga escursione e gli ammortizzatori posteriori di escursione ridotta e su cui grava la maggior parte del peso.
In autostrada c’è una certa sensibilità ai vortici e nelle curve ampie. In generale la maneggevolezza non è il suo punto forte. E' lungo e con lo sterzo pesantuccio.

La comodità è ottima su asfalto liscio grazie alla quasi assenza di vibrazioni e all’ottima abitabilità. Sullo sconnesso, invece o (peggio) sul pavé il posteriore scalcia molto e, soprattutto viaggiando da soli, i colpi al fondoschiena si fanno fastidiosi.

Il consumo di carburante
(già ridotto sul Beverly 500) è veramente interessante.
Sui percorsi extraurbani si può arrivare a 25 km/litro mentre in città si possono fare più di 20 con un litro e poco sotto in autostrada a velocità Codice.

In sintesi





LE SCHEDE



Gilera Nexus 500 ie



Motore
: a 4 tempi, monocilindrico MASTER, alesaggio per corsa 92x69 mm, cilindrata 460 cc, rapporto di compressione 10,5:1, distribuzione monoalbero a camme in testa con comando a catena, 4 valvole, raffreddamento a liquido, potenza max 40,12 CV (29,5 kW) a 7.500 giri, coppia max 4,28 kgm (42 Nm) a 5.750 giri, Euro 3.
Alimentazione
: iniezione elettronica con corpo farfallato da 38 mm; capacità serbatoio carburante 14,5 litri di cui 2 litri di riserva. Avviamento elettrico.
Trasmissione
: primaria a cinghia trapezoidale, finale a ingranaggi, rapporto 2,67.
Cambio
: automatico a variatore continuo di rapporto con asservitore di coppia.
Frizione
: automatica centrifuga a secco.
Telaio
: a doppia culla, traliccio in tubi di acciaio ad alta resistenza, inclinazione cannotto di sterzo 28°, avancorsa 120 mm.
Sospensioni
: ant forcella telescopica idraulica con steli da 41 mm, escursione ruota 93 mm; post motore oscillante con  ammortizzatore Power Drive progressivo regolabile nel precarico della molla su 7 posizioni, escursione ruota 90 mm.
Ruote
: cerchi in lega di alluminio, ant 3,50x15”, post 4,50x14”; pneumatici tubeless, ant 120/70-15, post 160/60-14.
Freni:
ant a doppio disco da 260 mm con pinze flottanti Brembo Serie Oro a 2 pistoncini; post a disco da 240 mm con pinza flottante Brembo Serie Oro a 2 pistoncini contrapposti.
Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.090, larghezza 780, altezza 1.290, interasse 1.515, altezza sella 800, peso a vuoto 209 kg.
Prestazioni
: velocità massima 160 km/h.
Manutenzione

Tagliando: programmato ogni 10.000 km dopo il primo a 1.000 km. Lubrificazione: olio raccomandato multigrado SAE 5W40; controllo ogni 5.000 km, sostituzione ogni 10.000 km, olio trasmissione 250 cc. Distribuzione: gioco valvole a freddo, aspirazione 0,15 mm, scarico 0,15 mm. Trasmissione: sostituzione cinghia ogni 10.000 km.

Dati anagrafici Costruttore
: Piaggio S.p.A., v.le R. Piaggio 23, 56025 Pontedera (PI), tel. 058-272111, fax. 058-272344, n° verde 800-818298; www.gilera.com. Gamma colori: rosso/nero, Nero Grafite, Grigio Excalibur. Inizio vendite: marzo 2006. Garanzia: 2 anni chilometraggio illimitato. Prezzo: 6.890,00 euro indicativo chiavi in mano. Optional e prezzi (euro Iva inclusa): parabrezza 100, antifurto elettronico 160, bauletto 42 litri nero 200, bauletto verniciato rosso 250, telo copriveicolo 74,40, telo coprigambe 84.

Piaggio Beverly 400 ie


Motore
: a 4 tempi, monocilindrico, alesaggio per corsa 85,8x69 mm, cilindrata 399 cc, rapporto di compressione 10,6:1, distribuzione monoalbero a camme in testa con comando a catena, 4 valvole, raffreddamento a liquido, potenza max 34 CV (25 kW) a 7.500 giri, coppia max 3,83 kgm (37,6 Nm) a 5.500 giri, Euro 3.
Alimentazione
: iniezione elettronica con corpo farfallato da 38 mm; capacità serbatoio carburante 13,2 litri di cui 3 litri di riserva. Avviamento elettrico
Trasmissione
: primaria a cinghia trapezoidale, rapporto da 2,32 a 0,87, finale a ingranaggi, rapporto 6,16.
Cambio
: automatico a variatore continuo di rapporto.
Frizione
: automatica centrifuga a secco.
Telaio
: a doppia culla, tubi e lamiere stampate di acciaio, inclinazione cannotto di sterzo 28,5°, avancorsa 109 mm.
Sospensioni
: ant forcella telescopica idraulica con steli da 41 mm, escursione ruota 104 mm; post motore oscillante con doppio ammortizzatore idraulico a doppio effetto regolabile nel precarico della molla su 4 posizioni, escursione ruota 78 mm.
Ruote
: cerchi in lega di alluminio, ant 3,00x16”, post 4,50x14”; pneumatici tubeless, ant 110/70-16, post 150/70-14.
Freni
: ant a disco da 260 mm con pinze flottante a 2 pistoncini; post a disco da 240 mm con pinza a singolo pistoncino.
Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.215, larghezza 770, altezza 1.305, interasse 1.550, altezza sella 775, peso a vuoto 189 kg.
Prestazioni: Velocità massima 155 km/h.
Manutenzione

Tagliando: programmato ogni 10.000 km dopo il primo a 1.000 km. Lubrificazione: olio raccomandato multigrado SAE 5W40; controllo ogni 5.000 km, sostituzione ogni 10.000 km, olio trasmissione 250 cc. Distribuzione: gioco valvole a freddo, aspirazione 0,15 mm, scarico 0,15 mm. Pneumatici: pressione di gonfiaggio, anteriore 2,2 bar, posteriore 2,2 bar (2,3 in coppia).

Dati anagrafici Costruttore
: Piaggio S.p.A., v.le R. Piaggio 23, 56025 Pontedera (PI), tel. 058-272111, fax. 058-272344, n° verde 800-818298; www.piaggio.com Gamma colori: Blu Midnight, Grigio Excalibur, Nero Grafite. Inizio vendite: aprile 2006. Garanzia: 2 anni chilometraggio illimitato. Prezzo: 5.199 euro indicativo chiavi in mano. Optional e prezzi (euro Iva inclusa): kit bauletto da 36 litri 147, parabrezza specifico 90, telo coprigambe 84, telo copriveicolo 74, antifurto meccanico 76, allarme elettronico 97/127,50, caschi dedicati Piaggio da 140 a 240.

Il banco





Il motore Piaggio MASTER è tra i migliori da scooter per potenza e rendimento. Anche la versione di 399 cc mantiene queste note positive, con potenza elevata (benché lontana dalla dichiarata) e consumi ridotti.

Ottime anche qualità dell’erogazione e coppia motrice,
a livello addirittura dei pari cilindrata bicilindrici. La differenza tra le due cilindrate si attesta tra 5 e 6  CV a tutti i regimi.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA